DC a NOVA cantieri creativi

chi vede e chi non vede: la battaglia -inevitabile e necessaria- tra visionari e ciechi
nuovo opificio vaccari per le arti – santo stefano di magra – 14 e 15 marzo 2014

una due giorni ben carica alle ceramiche vaccari, con gli spazimutantispazimutati a svolgersi in novacantiericreativi, due giorni di lavoro ed idee, idee diverse e mobili, con genti venute da diverse parti d’italia e d’europa, a raccontare le proprie esperienze significative, a parlare, conoscere, conoscersi e scambiare.
e carica perciò di quella tensione elettrica positiva, crepitio in crescendo, che sempre si avverte nei siti che si apprestano a passar da morti a vivi, nei quali il silenzio viene sconfitto.
a santo stefano di magra ci sono oggi tre cose, che han preso a cozzar tra loro, per produrre la benefica scintilla: un sito dal grande potenziale, un progetto ambizioso, già avviato, e una volontà forte, concentrata in un approccio che si è correttamente voluto definir visionario, visionario quanto occorre per portare avanti un processo condiviso di riattivazione, nononstante le inevitabili difficoltà. le difficoltà, conosciamo bene questa storia, sono fisiologiche, e direi necessarie e perfino “giuste”, ad operazioni di rilancio di questo genere e calibro.
non si è mai vista una scalata senza fatiche.
la scalata è due cose: la visione, le fatiche.
le operazioni di rifunzionalizzazione di grandi siti dismessi, rispetto ai quali spesso il territorio stesso ha perso la fiducia, passano, sempre, anche attraverso una battaglia contro gli scettici, i detrattori, i senza-idee, i senza-speranza, ovvero i pigri, i rassegnati, i miopi, gli inerti. i progetti crescono naturalmente in virtù della propria qualità intrinseca, ma anche della capacità che si ha di difenderli, e di annullare, attraverso un’azione concreta e forte, le false obiezioni di chi non ha il coraggio di uno sguardo nuovo, e la capacità di trasformare una visione in una prassi (esser visionari infatti non basta: bisogna esserlo concretamente). sappiamo anche cosa succede di solito, poi: nel momento in cui la reazione viene innescata, anche i ciechi possono (son costretti) finalmente riconoscerne il senso e la virtù: allora, regolarmente, il coro di critiche (criticuzze) si dissolve, e questi agenti d’inerzia scompaiono, o addirittura vengono, e iniziano ad annuire. costoro non possedevano alcun potenziale, ma sono, in ultima analisi, risultati essi stessi funzionali al processo di rilancio, perchè l’idea, e la prassi, si sono potute manifestare anche attraverso questa contrapposizione tra sguardi. uno sguardo teso e diritto in avanti (e in su), e uno sguardo fisso sulla propria scarpa (e indietro): come potrebbe finir diversamente? sarà comunque lunga e dura, buon lavoro al sindaco visionario juri mazzanti ed a tutti coloro che, come fondazione fitzcarraldo, partecipano a questa impresa grande.

 

Dolomiti Contemporanee e Gianluca D’Incà Levis saranno ospiti di  NOVA – cantieri creativi, Nuovo Opificio Vaccari per le Arti.

NOVA – cantieri creativi ospita Spazi mutanti/spazi mutati, tra venerdì 14 e sabato 15 marzo 2014 all’interno degli immensi spazi produttivi della Ceramica Vaccari a Santo Stefano di Magra (La Spezia), uno spazio industriale riqualificato attraverso le attività culturali.
Nelle corso delle due giornate si parlerà di alcune esperienze di rigenerazione creativa italiane ed europee attraverso le parole dei loro interpreti.
L’evento è curato da Fondazione Fitzcarraldo.

L’intervento di Gianluca D’Incà Levis, dal titolo Cultura contemporanea e rebranding territoriale: un modello d’azione, si terrà venerdì 14 marzo dalle ore 17.00.

more info: http://www.novacantiericreativi.it/

nova

Il programma in sintesi:

Venerdì 14 marzo 2014
ore 14.00 – registrazione dei partecipanti
ore 14.45 – ATTO PRIMO: spazi mutati
ore 17.00 – ATTO SECONDO: La complessità delle mutazioni
ore 18.30 – Reading musicale
ore 19.00 – Aperitivo creativo


Sabato 15 marzo 2014
ore 9.30 – Discovering NOVA
ore 11.15 – ATTO TERZO: la mutazione di NOVA, passato, presente, futuro
ore 14.30 – ATTO QUARTO: Brainstorming visionario sulla mutazione
ore 16.00 – Vieni avanti creativo
ore 17.15 – Brainstorming re-visionario/dalle idee al progetto
ore 19.00 – Aperitivo e tavolata dei creativi


scarica i programma completo dell’evento >>

news

1 novembre 2019

  Non si interrompe il filo (corda) che lega DC a Palermo: tutta questa croda calda nell’isola, che amiamo. Dal 6 novembre all’8 dicembre 2019 si svolgerà a Palermo Übermauer, la seconda edizione di BAM-Biennale Arcipelago Mediterraneo, con un core program a
[continua a leggere]

22 ottobre 2019

Venerdì 25 ottobre 2019, Dolomiti Contemporanee ospita il workshop Dopo Vaia: agricoltura in montagna e cambiamento climatico.Si tratta di un’iniziativa della Fondazione Dolomiti Unesco in sinergia con Ufficio Biodiversità della Regione Friuli Venezia Giulia.Uno
[continua a leggere]

30 agosto 2019

Michelangelo Penso Vibration tree8 speaker; 80 sezioni di tronco d’abete rosso; 24 voci: 12 testimonianze su Vaia di abitanti del Cadore; 12 interventi di esperti forestali su diversi aspetti legati a Vaia, foresta, clima; 100 metri di cavo; un sistema audio, voce di una
[continua a leggere]

6 giugno 2019

Dolomiti Contemporanee prende parte a Musei delle Dolomiti. Venerdí 7 giugno, il nuovo progetto della Fondazione Dolomiti Unesco viene presentato agli operatori museali al Museo Etnografico della Provincia di Belluno, nell’ambito di una tavola rotonda a cui prendono parte il
[continua a leggere]

23 maggio 2019

DC partecipa all’incontro: Le pratiche artistiche e culturali come cura delle fragilità dei luoghi e delle persone, che si svolge domenica 26 maggio 2019, ore 15.00, Palazzo delle Esposizioni, Roma. Intervengono: Claudio Bocci, Direttore di Federculture Leonardo Delogu,
[continua a leggere]

13 maggio 2019

Tra aprile e maggio 2019, Filippo Romano, fotografo, ha trascorso un periodo in Residenza in Progettoborca, dove ha iniziato a svolgere una ricognizione fotografica sui territori colpiti dalla Tempesta Vaia, che nel 2019 Dolomiti Contemporanee tiene al centro della propria
[continua a leggere]

9 maggio 2019

Nel 2018 Dolomiti Contemporanee ha preso parte all’avvio del progetto Border Crossing (Palermo), che realizza una rete tra progetti culturali e Residenza artistiche sparsi per l’Italia.La partecipazione al progetto viene ribadita anche per il 2019.Giovedì 9 maggio, il
[continua a leggere]

11 aprile 2019

 Il Film documentario A History about Silence, realizzato dall’artista Caterina Erica Shanta e prodotto da Dolomiti Contemporanee nell’ambito della mostra Brain-tooling (Forte Monte Ricco di Pieve di Cadore, estate 2018), è stato selezionato all’edizione 2019
[continua a leggere]

3 aprile 2019

SMACH. Constellation of art, culture & history in the Dolomites SMACH è una open call internazionale per artisti. La quarta edizione di SMACH (2019) ha messo al centro la parola Heimat: questa non è un semplice sostantivo. Come noto, si rivela intraducibile in molte
[continua a leggere]

24 gennaio 2019

Giovedì 31 gennaio 2019Ore 20.30, Sala Comunale di San Vito di Cadorepresentazione del progetto Sanvido Apede per la valorizzazione del centro storico di San Vito di CadoreL’incontro è aperto al pubblico, la popolazione è invitata     Il progetto Sanvido
[continua a leggere]
dc 2017 video
dc 2016 video