cultura: un motore per la montagna – la conferenza, casso, 27 febbraio 2015

e venerdì 27 a casso si è lavorato ancora, con cultura: un motore per la montagna, evento reralizzato grazie alla provincia di pordenone, in collaborazione con la provincia di udine e la fondazione dolomiti unesco.
e le reti si sono incrociate ancora, come spade, verrebbe da dire (lode al duello), e questo spazio-motore alto quassù ha dato un altro tremito, e ci siamo chiesti, e abbiamo domandato agli amministratori presenti: sarà mica già l’unico tremito, quest’anno nuovo, o l’ultimo addirittura? e ci è stato risposto di no, che tutto il lavoro fatto in due anni è stato riconosciuto per quello che è, ovvero un buon lavoro, bene fatto, utile, e forse necessario (secondo noi di DC, sicuramente necessario), in questo luogo, in questa terra difficile (dove all’inizio alcuni poco intuitivi ci hanno contrastati con il legno delle teste -che ora si sciolgono), perchè essa continui a vivere e ad andare, e non a morire ed a stare. ecco perchè il giorno dopo siamo andati a trovare l’assessore torrenti, a porcia: per chiedere se si voglia davvero andare avanti. c’era molta gente vendre a casso, e varia: gli ospiti-relatori tutti, ognuno dei quali ha fornito la propria prospettiva su questi due concetti, non sempre in accordo, non sempre reciproci: cultura e territorio. il territorio, qui, è la montagna, e di quella abbiamo parlato, sebbene diversi dei ragionamenti proposti fossero più generali, o generalizzabili. si è parlato dunque, in tre ore buone, di molte cose, tra cui: montagna, territorio, cultura, socialità e socializzazione dei processi avviati, impresa (come sostantivo femminile, e come participio passato), arte, creatività, coraggio e spirito dell’uomo, che può secernere cultura, unico lui tra gli animali; progetto culturale, impresa culturale, cultura-sempre-un’impresa, stimolazione, innesco, rigenerazione, idea quale sinonimo di massima concretezza, pericolosità dell’omologazione, nella proposta, nelle fruizioni, nel pensiero, nell’azione, e poi necessità dell’azione, e della stupefazione (della capacità d’essere ancora stupefatti: non di stupefare!); necessità delle strategie, e della partecipazione; necessità dell’innovazione, e della tradizione (che coincidono: ogni tradizione è il deposito, intermedio o finale, di un’innovazione rivoluzionaria, attuata da un uomo capace di generare qualità, nell’idea concretante); memoria e proiezione; memoria e passività; memoria rigenerata e memoria paralizzante; antropologia dei luoghi, funzionalità delle prassi rigeneratrici, superfluità dell’arte come paramento, dannosità dell’arte come tutankhamonizzazione dell’universo (proponiamo un passaggio, forse chiarificatore, per il “generatore automatico di titoli di mostre goldiniane”: www.finestresullarte.info/272n_vi-presentiamo-generatore-automatico-titoli-mostre-goldiniane.php9), e altre mille cose, tra cui il senso della pietra, e di una coperta del 1958, sulla quale corre un cane, che ha sei zampe, senza essere futurista. o forse lo è. tra i molti che c’erano, e che si mescolavano (si vedevano alle volte le idee tracciare l’aria in sciami, aria finalmente CALDA, sopra alle teste degli oratori implacabili) e che han resistito fino al buffet finale (grazie, tra gli altri, ad acqua dolomia, salumificio lebon, birra dolomiti, vini biasiotto), eccone alcuni qui, le genti della montagna: il presidente del cai regione friuli venezia giulia, e di pordenone; diversi sindaci della valcellina, e il sindaco di forni di sopra; l’ottima squadra della provincia di pordenone; il direttore commerciale della tabacco, dolomiti project, chefare, altri osservatori, studenti, progettisti culturali, direttori artistici, alcuni uomini di casso, tra cui marcello e germano, e poi il gruppo di dc, naturalmente, con me (g), veronica, alice, simone, anna, giacomo, paolo: che per due anni, abbiamo tenuto su tutto, con le nostre idee, forze, mani (e con debora, romina, susy, francesca, giulia, e tutti gli altri). a breve disponibile il testo integrale della conferenza.

news

7 luglio 2024

Space Days Vol. 3 nel suo ambiente di ricerca: il Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga. Le foto di questo post sono di Teresa De Toni.– Venerdì 5 luglio 2024, a Campo Imperatore, nel cuore del Gran Sasso d’Italia, si è inaugurata Space Days Vol. 3, di
[continua a leggere]

22 maggio 2024

Borca di Cadore, spitta.–Maggio 2024 In questi giorni Dolomiti Contemporanee ospita all’ex Villaggio Eni di Borca di Cadore, in Progettoborca, gli studenti e alcuni tutor del corso MA POST dell’Art Academy of Latvia di Riga, Lettonia.L’incontro nasce dal desiderio
[continua a leggere]

22 aprile 2024

  Cronache d’attualità.Sarà pur chiaro come quella di paesaggio non sia una definizione inchiodata, perchè il paesaggio non è un’ente che cerchi una rappresentazione univoca, ma una permanente trasformazione d’ambito?
Nessun paesaggio è dunque
[continua a leggere]

18 aprile 2024

Stasera, giovedì 18 aprile 2024, torniamo all’M9 di Mestre, grazie a Simone Sfriso e alla Fondazione Architetti APPC di Venezia per l’invito nella rassegna Paralleli: Architettura è…Alle ore 18.00, Gianluca D’Incà Levis, curatore di Dolomiti Contemporanee,
[continua a leggere]

16 novembre 2023

Foresta Aliena/Alien Forest – La mostra con Portsmouth al Nuovo Spazio di Casso al Vajont, agosto/dicembre 2023 – Foto Chiara Beretta. — Anche quest’anno prosegue la collaborazione tra Dolomiti Contemporanee e la Scuola di Architettura di Portsmouth –
[continua a leggere]

12 luglio 2023

Assemblea Supercondominio 4, 2022, Foto Andrea Guermani – Sabato 15 e domenica 16 luglio 2023, Dolomiti Contemporanee partecipa Oltre la soglia assoluta, quinta edizione di Supercondominio, 
L’assemblea degli spazi e dei progetti italiani d’arte contemporanea che
[continua a leggere]

22 giugno 2023

  Dolomiti Contemporanee è nel volume THE LAST GRAND TOUR – Contemporary phenomena and strategies of living in Italy, curato da MICHAEL OBRIST (feld72) & ANTONIETTA PUTZU, e pubblicato a giugno 2023 da Park Books.[...] Per gran parte del XVI secolo fino
[continua a leggere]

6 febbraio 2023

Venerdì 10 e domenica 12 febbraio 2023: una delle ultime occasioni per visitare la mostra  Who Killed Bambi? a Casso. Poi la smontiamo, e ne facciamo un’altra?Orari di apertura:venerdì 10, dalle ore 10:00 alle 12:00 e dalle 15:00 alle 18:00domenica 12, dalle ore 10:00
[continua a leggere]

28 gennaio 2023

  Giovedì 2 febbraio 2023 DC partecipa all’incontro intitolato: Gli impianti sportivi della VII Olimpiade invernale 1956. Ore 18:00, Ciasa de Ra Regoles – Cortina d’Ampezzo. L’incontro, organizzato da Italia Nostra, vede la partecipazione di
[continua a leggere]

18 settembre 2022

Dolomiti Contemporanee aderisce alla 18esima giornata amaci del contemporaneoSABATO 8 OTTOBRE 2022 Nuovo Spazio di Casso al VajontWho Ate Bambi?che è dentro a Who Killed Bambi? In occasione della giornata AMACI del Contemporaneo Dolomiti Contemporanee propone questo menù:la
[continua a leggere]
dc 2017 video
dc 2016 video