To’nòn ignà – nuovo spazio di casso – 22.08-26.09 2015

tonon ignà_spazio di casso_opening 22 agosto_titolo correttoTo’nòn ignà 

A cura di: dolomiti contemporanee in collaborazione con Stefano Moras 
Dal 22 agosto al 26 settembre 2015 
dal 27 settembre al 3 novembre 2015 aperta su appuntamento 

Nuovo spazio di Casso 

Inaugurazione: sabato 22 agosto, ore 18.00 

 

 

 

Artisti: Pamela Breda, Lorenzo Commisso, Roberto Da Dalt, Veronica De Giovannelli, Evelyn Leveghi, Nicolas Magnant, Lara j. Marconi, Stefano Moras.

 

To’nòn ignà
è un progetto dedicato al ritorno, al movimento e alla ricerca di luoghi, cose e persone.
Tonòn ignà (Tornòn ignà) significa torniamo qua.
Quest’espressione dialettale veniva spesso usate dagli abitanti della zona durante l’alpeggio estivo sul Monte Toc, in particolare quando, finita la stagione del lavoro estivo su questo versante della montagna, lo si lasciava, per ritornare, appunto, al paese.
Il versante settentrionale del Monte Toc si trova di fronte all’abitato di Casso, sull’altro versante della valle. Dove oggi rimane solamente il grande segno fossile della frana immensa, prima della catastrofe del 9 ottobre 1963 si trovavano i pascoli, i fienili e le case di ertani e cassani. Gli abitanti di Casso vivevano quindi due fasi, nel corso dell’anno: quella estiva di lavoro, al Toc, e quella invernale di riposo, nel borgo.

Dove si trovano Erto e Casso? in un luogo dove, a causa del Disastro del Vajont, le geografie, fisica, sociale, umana, sono state per sempre modificate e riscritte, forse non è così scontato domandarsi oggi dove ci si trovi ad essere.
L’alterazione profonda del territorio mette in discussione valori e identità che prima fornivano una solida base alla cultura locale. Ora, in questo contesto, le cosiddette domande basilari (“dove mi trovo?”, “di cosa vivo?”, “cosa mangio?”, “cosa sento?”) non servono a definire in modo generico il contesto, quanto piuttosto a proporre un’intuizione (di addizione o di cambiamento) che necessariamente vive di ciò che la cultura originaria offre e/o mantiene.
Ciò che si aggiunge oggi, è il presente, la contemporaneità, che reca le sue domande vitali, necessarie, essenziali ed urgenti: come sia possibile esserci, coscientemente, per andare avanti. C’è forse il bisogno di chiedersi appunto, in questo luogo tanto caratterizzato, sulla base di quali elementi, paesi come Erto e Casso si mantengano in vita, al fine di poter in qualche modo alimentare, con soluzioni proprie dell’arte (pluridisciplinare), una proposta reale, d’attenzione, di azione, di senso. L’obbiettivo dunque non è una discussione distaccata, ma il ritorno ad un approccio consapevole, creativo, al territorio.

Gli artisti hanno lavorato a diretto contatto con il territorio, compiendo escursioni ed incontri: la Residenza rimane uno degli strumenti principali ed indispensabili, che Dolomiti Contemporanee utilizza per mettere gli artisti nella condizione di scoprire realmente il territorio e le persone, addentrandosi nel paesaggio, in questo caso il paesaggio complesso del Vajont, per comprenderlo a fondo. Una delle prime esplorazioni alla geografia fisica dell’area è stata condotta insieme al geologo Emiliano Oddone.

Importante partner di progetto è Paper & People, che ha fornito a Dolomiti Contemporanee uno straordinario medium su cui lavorare: Repap è una “carta di pietra”, prodotta con un mix di ingredienti biologici, tra i quali resine e polvere di pietra, elementi fotodegradabili e biodegradabili che si dissolvono totalmente nell’ambiente senza inquinarlo. Questa carta è al 100% riciclabile, e recuperabile per la produzione di nuova carta. Si ringrazia l’intera rete dei partner DC, grazie alla quale è possibile realizzare i progetti e le attività.

La mostra, come le altre attività svolte a Casso, rientra nella programmazione culturale dei Dolomiti Days, promosse e sostenute dalla Provincia di Pordenone, Comune di Erto e Casso, Fondazione Dolomiti Unesco, Regione Friuli Venezia Giulia, Parco naturale Dolomiti Friulane, Provincia di Udine, Turismo FVG, e viene realizzata grazie alla collaborazione con la Cooperativa Il Mazarol.

Orari: fino al 26 settembre la mostra rimane aperta dal giovedì alla domenica, in orari 10.00-12.30 e 15.00-19.00; dal 27 settembre al 3 novembre aperta su appuntamento (scrivere all’indirizzo info@dolomiticontemporanee.net)

 

to’nòn ignà: cronaca della costruzione di una mostra per note, guizzi, immagini >> 
cum-panis, performance di evelyn leveghi, 26 settembre a Casso >>

 
video dell’opening

photogallery

news

6 giugno 2019

Dolomiti Contemporanee prende parte a Musei delle Dolomiti. Venerdí 7 giugno, il nuovo progetto della Fondazione Dolomiti Unesco vienepresentato agli operatori museali al Museo Etnografico della Provincia di Belluno, nell’ambito di una tavola rotonda a cui prendono parte il
[continua a leggere]

23 maggio 2019

DC partecipa all’incontro: Le pratiche artistiche e culturali come cura delle fragilità dei luoghi e delle persone, che si svolge domenica 26 maggio 2019, ore 15.00, Palazzo delle Esposizioni, Roma. Intervengono: Claudio Bocci, Direttore di Federculture Leonardo Delogu,
[continua a leggere]

13 maggio 2019

Tra aprile e maggio 2019, Filippo Romano, fotografo, ha trascorso un periodo in Residenza in Progettoborca, dove ha iniziato a svolgere una ricognizione fotografica sui territori colpiti dalla Tempesta Vaia, che nel 2019 Dolomiti Contemporanee tiene al centro della propria
[continua a leggere]

9 maggio 2019

Nel 2018 Dolomiti Contemporanee ha preso parte all’avvio del progetto Border Crossing (Palermo), che realizza una rete tra progetti culturali e Residenza artistiche sparsi per l’Italia.La partecipazione al progetto viene ribadita anche per il 2019.Giovedì 9 maggio, il
[continua a leggere]

11 aprile 2019

 Il Film documentario A History about Silence, realizzato dall’artista Caterina Erica Shanta e prodotto da Dolomiti Contemporanee nell’ambito della mostra Brain-tooling (Forte Monte Ricco di Pieve di Cadore, estate 2018), è stato selezionato all’edizione 2019
[continua a leggere]

3 aprile 2019

SMACH. Constellation of art, culture & history in the Dolomites SMACH è una open call internazionale per artisti. La quarta edizione di SMACH (2019) ha messo al centro la parola Heimat: questa non è un semplice sostantivo. Come noto, si rivela intraducibile in molte
[continua a leggere]

24 gennaio 2019

Giovedì 31 gennaio 2019Ore 20.30, Sala Comunale di San Vito di Cadorepresentazione del progetto Sanvido Apede per la valorizzazione del centro storico di San Vito di CadoreL’incontro è aperto al pubblico, la popolazione è invitata     Il progetto Sanvido
[continua a leggere]

2 gennaio 2019

avanti savoja, qualcuno ce l’ha sentito dire già: regale ironia di che? la Regina Margherita – regina delle arti e di ogni cosa bella, diceva Benedetto Croce villeggiò a Perarolo di Cadore nel 1881 e ’82. Allora, si sa, l’amava Carducci, che
[continua a leggere]

31 dicembre 2018

Ascolta qui di seguito l’intervento di Tommaso Anfodillo del 31.12.2018, nella diretta del lunedì che Radiocortina dedica a Dolomiti Contemporanee: Tommaso-Anfodillo-31.12.18_il-bosco-dopo-il-29-ottobre.m4a Anfodillo ha fornito alcuni dati, e svolto una serie di
[continua a leggere]

30 dicembre 2018

Il Museo Diocesano di Feltre è stato inaugurato la scorsa primavera (2018), dopo un importante ampliamento e un lungo, straordinario restauro. Fondazione Cariverona ha contribuito in modo fondamentale a questo recupero: qui come a Belluno (Museo Civico Palazzo Fulcis) e a
[continua a leggere]
dc 2017 video
dc 2016 video