Paper Weight, Opening 11 settembre, le foto in Cartiera a Vas

A Vas il cielo di cemento dell’hangar dell’ex Cartiera ha preso forma nella luce, iersera, durante l’opening di Paper weight, progetto di Elena Carozzi, Beatrice Meoni, Phillippa Peckam, Maja Thommen, Silvia Vendramel, a misurare ancora il peso d’una carta mai morta (anche grazie al partner Paper&People con Repap: spettacolari gli innesti della carta-di-roccia negli spazi dell’ex opificio).

Il primo cantiere di DC a Vas si è mosso, e ne verranno degli altri, già nelle prossime settimane, e scommettiamo ancora anche in futuro, già da ora.

Il lavoro delle artiste è riuscito chiaro, misurato, poetico, potente. Equilibrio di potenza, nella ripartizione delle energie, nella loro distribuzione e portata, simile a quella dei corsi d’acqua che scorrono dentro al corpo del complesso, crosciando all’orecchio dei locali sotterranei, appena oltre i muri umnidi, spessi (Paper weight un flusso d’acque distinte, in ruscellazione sottile, per corsi e rivoli e polle plastiche risorgive, nelle estroflessioni a gesso sui muri, nelle intermittenze stalagmitiche cementizie che ritmano il grande orto interno del padiglione principale).

Cinque artiste, ognuna di loro dotata di una spiccata e peculiare personalità, non facile trovar continuamente la misura del rapporto reciproco, nel periodo intenso di lavoro-residenza nel cantiere spaziale di Vas, e nemmeno la misura del rapporto nei lavori condivisi, in una continua dialettica guerra, che alla fine ha trovato un momento di riposo-equilibrio nelle tensioni accomodate, nei colloqui con tracce presiestenti, rumori, squarci e scorci, con i paesaggi tutti di questa ampia tolda, rispazzata da un vento nuovo, che si è ben sentito iersera, là nella coffa di lacharta, e poi tutto dentro e intorno e giù, nello stomaco della creatura risvegliata, che ci ha digeriti, e forse covati ancora, immaginiamo proprio di sì, cova biunivoca dunque. C’erano le persone, i progettisti culturali, gli archeologi industriali, gli artisti ed i curatori, gli amministratori, e i proprietari delle parti, pubblica e privata, del complesso diviso, e diversi altri osservatori interessati: che è delle reti che posson vivere i progetti, e farsi strutturali, e non degli eventi. Infatti, quello di ieri non è stato un evento. Né una salva. Ne parleremo ancora, presto.

video dell’opening 

news

15 aprile 2020

  Mercoledì 15 aprile 2020 Dolomiti Contemporanee partecipa a un incontro in remoto incentrato sul tema della riattivazione dei territori montani e abbandonati. L’incontro fa parte dei Laboratori di innovazione per la rigenerazione di spazi dismessi.Ricerca e incontri
[continua a leggere]

9 aprile 2020

La Casa Editrice Tabacco è partner di Dolomiti Contemporanee dal 2011. La montagna è un ambiente eccezionale, e complesso.Per affrontarla, bisognerebbe conoscerla.A meno che non si pensi d’andarci solo alla “vien come viene”, senza saperne nulla, guidati dal
[continua a leggere]

1 novembre 2019

  Non si interrompe il filo (corda) che lega DC a Palermo: tutta questa croda calda nell’isola, che amiamo. Dal 6 novembre all’8 dicembre 2019 si svolgerà a Palermo Übermauer, la seconda edizione di BAM-Biennale Arcipelago Mediterraneo, con un core program a
[continua a leggere]

22 ottobre 2019

Venerdì 25 ottobre 2019, Dolomiti Contemporanee ospita il workshop Dopo Vaia: agricoltura in montagna e cambiamento climatico.Si tratta di un’iniziativa della Fondazione Dolomiti Unesco in sinergia con Ufficio Biodiversità della Regione Friuli Venezia Giulia.Uno
[continua a leggere]

2 ottobre 2019

Tiziano Contemporaneo: avviamento del progetto al Forte di Monte Ricco a Pieve di Cadore (2017/2019)Tutti lo sanno: Tiziano Vecellio nasce a Pieve di Cadore (Bl), negli ultimi anni del quindicesimo secolo.A maggio 2017, dopo lungo restauro eseguito con il fondamentale sostegno
[continua a leggere]

30 agosto 2019

Michelangelo Penso Vibration tree8 speaker; 80 sezioni di tronco d’abete rosso; 24 voci: 12 testimonianze su Vaia di abitanti del Cadore; 12 interventi di esperti forestali su diversi aspetti legati a Vaia, foresta, clima; 100 metri di cavo; un sistema audio, voce di una
[continua a leggere]

11 luglio 2019

 DC2019 cantieredivaia— To Be Here and There, mostra collettivaa cura di Gianluca D’Incà Levis e Evelyn LeveghiForte di Monte Ricco, Pieve di Cadore (Bl)giugno/settembre 2019 Workshop Stream – arte architettura rigenerazioneForte di Monte Ricco e
[continua a leggere]

6 giugno 2019

Dolomiti Contemporanee prende parte a Musei delle Dolomiti. Venerdí 7 giugno, il nuovo progetto della Fondazione Dolomiti Unesco viene presentato agli operatori museali al Museo Etnografico della Provincia di Belluno, nell’ambito di una tavola rotonda a cui prendono parte il
[continua a leggere]

23 maggio 2019

DC partecipa all’incontro: Le pratiche artistiche e culturali come cura delle fragilità dei luoghi e delle persone, che si svolge domenica 26 maggio 2019, ore 15.00, Palazzo delle Esposizioni, Roma. Intervengono: Claudio Bocci, Direttore di Federculture Leonardo Delogu,
[continua a leggere]

13 maggio 2019

Tra aprile e maggio 2019, Filippo Romano, fotografo, ha trascorso un periodo in Residenza in Progettoborca, dove ha iniziato a svolgere una ricognizione fotografica sui territori colpiti dalla Tempesta Vaia, che nel 2019 Dolomiti Contemporanee tiene al centro della propria
[continua a leggere]
dc 2017 video
dc 2016 video