Evelyn Leveghi/Panta rei, cum-panis, wastescape

 

Evelyn Leveghi

PANTA REI
ri-produzione dinamica del paesaggio d’oggi, installazione di elementi organici e gelatina alimentare, 2015

«Sicuramente c’è un momento in cui il formalismo si esaurisce; ciò accade quando una nuova iniezione di contenuti nella forma riesce a distruggerla, e appare così una strada per l’innovazione.» (Henri Lefebvre)

Il complesso lavoro in mostra si genera a partire da alcune istanze e consapevolezze: si tratta di una sorta di rilevamento in stampo del territorio, dove il territorio viene inteso non solo come sistema di luoghi fisici, ma come ecosistema vivente di paesaggio, persone e relazioni. La Ricognizione e restituzione pulsante di geografie d’oggi di un territorio apparentemente statico e mai rinnovato, corrisponde alla generazione di nuove scritture connettive, che nulla hanno a che vedere con la conservazione in vitro di elementi propri di questo contesto.
Stessa forma, nuova natura, nuova lettura.
Nuovi punti di vista e nuovi approcci. Nuove possibilità.
Panta rei, ogni cosa è mobile.

 

CUM-PANIS
relazioni inaspettate, condivisioni primordiali, pasta madre, 2015

«La storia dei disastri dimostra che per la maggior parte siamo animali sociali alla ricerca famelica di legami, oltre che di uno scopo e di un significato da dare alla nostra vita. E questa storia suggerisce che, se siamo fatti così, allora la nostra vita quotidiana in gran parte del mondo è un disastro che le calamità a volte ci offrono l’opportunità di trasformare.» (Rebecca Solnit, Un paradiso all’inferno, Fandango libri, Roma 2009)

Il termine compagno, dal latino cum e panis, significa condividere il pane con qualcuno. Esso ottende quindi un atto di condivisione primordiale, cifra alla base delle pratiche relazionali più pure. Il progetto è un processo che prende vita da una massa di lievito madre, creata ad hoc, distribuita in alcune famiglie dei due paesi di Erto e Casso. Attraverso l’affidamento ed allevamento della pasta madre si manifestano numerose componenti antropologiche. Una cartina tornasole del territorio sociale di Erto e Casso attraverso i filtri di tempo e cura. Cura di se stessi, cura del proprio ambiente, cura della vita.

 

WASTESCAPE 
fertili scarti, bucce di patate e carote, farina, acqua, sale, 2015

Separazione ed isolamento. Differenza e deviazione.
Da elementi residuali provenienti da orti del territorio locale ad elementi plastici, al limite dello scultoreo, edibili. Scarti organici come metafora della costellazione di scarti di territorio, scarti sociali, scarti urbani del campo di azione. Un’esperienza viscerale di questa terra muta ma eloquente. Sofferente, ma vitale.

 

 

opere in:
to’non ignà
a cura di dolomiti contemporanee in collaborazione con stefano moras
nuovo spazio di casso
22 agosto-26 settembre 2015

news

7 luglio 2024

Space Days Vol. 3 nel suo ambiente di ricerca: il Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga. Le foto di questo post sono di Teresa De Toni.– Venerdì 5 luglio 2024, a Campo Imperatore, nel cuore del Gran Sasso d’Italia, si è inaugurata Space Days Vol. 3, di
[continua a leggere]

22 maggio 2024

Borca di Cadore, spitta.–Maggio 2024 In questi giorni Dolomiti Contemporanee ospita all’ex Villaggio Eni di Borca di Cadore, in Progettoborca, gli studenti e alcuni tutor del corso MA POST dell’Art Academy of Latvia di Riga, Lettonia.L’incontro nasce dal desiderio
[continua a leggere]

22 aprile 2024

  Cronache d’attualità.Sarà pur chiaro come quella di paesaggio non sia una definizione inchiodata, perchè il paesaggio non è un’ente che cerchi una rappresentazione univoca, ma una permanente trasformazione d’ambito?
Nessun paesaggio è dunque
[continua a leggere]

18 aprile 2024

Stasera, giovedì 18 aprile 2024, torniamo all’M9 di Mestre, grazie a Simone Sfriso e alla Fondazione Architetti APPC di Venezia per l’invito nella rassegna Paralleli: Architettura è…Alle ore 18.00, Gianluca D’Incà Levis, curatore di Dolomiti Contemporanee,
[continua a leggere]

16 novembre 2023

Foresta Aliena/Alien Forest – La mostra con Portsmouth al Nuovo Spazio di Casso al Vajont, agosto/dicembre 2023 – Foto Chiara Beretta. — Anche quest’anno prosegue la collaborazione tra Dolomiti Contemporanee e la Scuola di Architettura di Portsmouth –
[continua a leggere]

12 luglio 2023

Assemblea Supercondominio 4, 2022, Foto Andrea Guermani – Sabato 15 e domenica 16 luglio 2023, Dolomiti Contemporanee partecipa Oltre la soglia assoluta, quinta edizione di Supercondominio, 
L’assemblea degli spazi e dei progetti italiani d’arte contemporanea che
[continua a leggere]

22 giugno 2023

  Dolomiti Contemporanee è nel volume THE LAST GRAND TOUR – Contemporary phenomena and strategies of living in Italy, curato da MICHAEL OBRIST (feld72) & ANTONIETTA PUTZU, e pubblicato a giugno 2023 da Park Books.[...] Per gran parte del XVI secolo fino
[continua a leggere]

6 febbraio 2023

Venerdì 10 e domenica 12 febbraio 2023: una delle ultime occasioni per visitare la mostra  Who Killed Bambi? a Casso. Poi la smontiamo, e ne facciamo un’altra?Orari di apertura:venerdì 10, dalle ore 10:00 alle 12:00 e dalle 15:00 alle 18:00domenica 12, dalle ore 10:00
[continua a leggere]

28 gennaio 2023

  Giovedì 2 febbraio 2023 DC partecipa all’incontro intitolato: Gli impianti sportivi della VII Olimpiade invernale 1956. Ore 18:00, Ciasa de Ra Regoles – Cortina d’Ampezzo. L’incontro, organizzato da Italia Nostra, vede la partecipazione di
[continua a leggere]

18 settembre 2022

Dolomiti Contemporanee aderisce alla 18esima giornata amaci del contemporaneoSABATO 8 OTTOBRE 2022 Nuovo Spazio di Casso al VajontWho Ate Bambi?che è dentro a Who Killed Bambi? In occasione della giornata AMACI del Contemporaneo Dolomiti Contemporanee propone questo menù:la
[continua a leggere]
dc 2017 video
dc 2016 video