10 gennaio, zoppè, i legni umidi, workshop sull’acqua con mario tomè, il barelon

bareloi_foto giacomo de donàI legni umidi, Laboratorio-workshop
10 gennaio – Museo etnograficoAl Pojat”, Zoppè di Cadore (Bl)
dalle ore 11.00 alle ore 16.00
con Mario Tomè, il barelon
a cura di Dolomiti Contemporanee
Il laboratorio è aperto al pubblico e gratuito









A dicembre 2014, Il Barelon Mario Tomè ha lavorato al Museo etnograficoAl Pojat” di Zoppè di Cadore, allestendovi la mostra de I Bareloi.

Il progetto ha preso avvio dalla ristrutturazione di una vecchia scofa (fienile) agordina, con la quale l’artista ha recuperato, attualizzandoli, alcuni elementi identitari, storici, e culturali, della propria terra e storia.
I metodi di carpenteria e le tecniche costruttive tradizionali sono stati dunque ripresi, insieme alla ricerca storica: l’esito di tale ricerca ha condotto alla mostra al Pojat.

L’esperienza de I Bareloi è parte del progetto Chiavi di Accesso, ideato e sviluppato dal GAL Alto Bellunese.
Esso  ha avuto quale obiettivo principale quello di proporre una riflessione operativa, attraverso le prassi proprie del contemporaneo, sulla funzione dei Musei tematici e sul tema della loro reale accessibilità culturale.

I Musei dovrebbero essere laboratori partecipati di socializzazione culturale, congegni interattivi, innescati sul territorio, capaci di ravvivare, ogni giorno, la cultura depositata (oggetti e reperti), attraverso attività di tipo relazionale.
I Musei non sono quindi, o perlomeno non dovrebbero essere, dei contenitori passivi, nei quali si conservino reperti muti, ma dei luoghi vivi, capaci di muovere il paesaggio, culturale e sociale, dell’uomo.

Questo ragionamento è stato perfettamente compreso e condiviso dalla Magnifica Comunità di Cadore che ha preso parte a Chiavi di accesso e sottoscritto con il Gal una convenzione per il deposito dei lavori realizzati nell’ambito del progetto.
Con la collaborazione del Comune di Zoppè di Cadore, parte del lavoro di Mario Tomè viene ora installato nel Museo Al Pojat divenendo una parte della sua collezione permanente.
Il Museo dunque s’è mosso.

Ed è ancora seguendo quest’idea di cultura attiva, dinamizzante, che domenica 10 gennaio si realizza, sempre Al Pojat di Zoppè, il Laboratorio I legni umidi.

Il laboratorio costituisce un’esperienza di workshop aperto al pubblico, nel corso del quale l’artista guiderà i partecipanti alla comprensione del proprio lavoro, ed alla realizzazione di una fase di esso.
Il laboratorio è aperto a partecipanti di qualsiasi età, ed è gratuito.
Vi parteciperanno bambini ed adulti.
Ad una prima fase introduttiva, nella quale verrà spiegato il significato del lavoro artistico già realizzato da Tomè, farà seguito una seconda fase operativa, in cui i partecipanti costruiranno un’installazione artistica all’esterno del Museo.
Il tema di quest’opera sociale, che verrà progettata e costruita dal gruppo, avrà come tema centrale l’acqua.
L’acqua risorsa vitale dell’uomo.
L’acqua che appartiene al territorio dell’uomo, e lo nutre.
L’acqua preziosa che va coltivata, e che scorrendo, connette i luoghi e le genti.
Si partirà dunque dalla fontana all’esterno del Pojat, le cui acque saranno convogliate.
Le canale di legno la faranno fluire, per portarla altrove.



Programma di domenica 10 gennaio:

Ore 11.00: avvio del Laboratorio-workshop I legni umidi; a cura di Mario Tomè, in collaborazione con Sara Casal
Ore 12.30: presentazione de I Bareloi, e acquisizione dell’opera di Mario Tomè da parte del Museo Al Pojat; intervengono:
Renzo Bortolot, Sindaco di Zoppè di Cadore
Flaminio Da Deppo, Presidente del Gal Alto Bellunese
Iolanda Da Deppo, Gal Alto Bellunese
Gianluca D’Incà Levis, curatore di Dolomiti Contemporanee
Il Barelon
Ore 13.00: pausa polenta e formai
Ore 13.30: sessione pomeridiana del Laboratorio
Ore 15.30: conclusione dei lavori


Iscrizioni al Laboratorio

La partecipazione al Laboratorio è libera e gratuita, aperta a chiunque, senza limiti di età.
Tutti i materiali per lavorare saranno forniti dall’organizzazione.
Il numero massimo di partecipanti è fissato a quindici.
Per iscriversi, scrivere a info@dolomiticontemporanee.net  o telefonare al numero 0437 791000

L’iniziativa rientra nel progetto Chiavi di Accesso (2014-2015), un progetto culturale del Gal Alto Bellunese, realizzato nell’ambito di Interreg IV I-A 2007-20014 “AdMuseum” e la in collaborazione con Dolomiti Contemporanee e la Rete Museale Cadore e Dolomiti.

L’iniziativa si realizza in collaborazione con l’Union ladina de Zopè, con l’Associazione Proloco Zoppè e con Sara Casal.

Informazioni:

www.chiavidiaccesso.it
www.dolomiticontemporanee.net
info@dolomiticontemporanee.net

la foto è di giacomo de donà

news

21 maggio 2022

Nella sola ultima settimana di maggio 2022, Dolomiti Contemporanee partecipa a quattro tra Convegni, Corsi di alta formazione, incontri con gruppi di ricerca. Sono tutte occasioni, queste, in cui raccontiamo le progettualità, l’approccio ed i principali cantieri di DC,
[continua a leggere]

16 maggio 2022

  Dolomiti Contemporanee prende parte al programma del Nouveau Grand Tour, progetto culturale figlio del Trattato del Quirinale, firmato dai Presidenti Macron e Draghi a novembre 2021.Il patto punta a rafforzare le relazioni tra Italia e Francia in diversi settori, in un
[continua a leggere]

9 maggio 2022

Stefano Cagol partecipa al Secondo Forum di Cultura dei Cambiamenti Climatici, cocurato da DC, Belluno, 8 giugno 2022. Stefano Cagol è un artista contemporaneo originario del Trentino Südtirol e attivo soprattutto all’estero tra Norvegia, Belgio e mondo tedesco, le cui
[continua a leggere]

7 maggio 2022

trampolino Italia cortina d’ampezzo – un gruppo di lavoro e un’idea di rete per rigenerare la struttura, ripensandone l’uso. Il Trampolino Italia è il grande simbolo di Cortina d’Ampezzo, dalle Olimpiadi del 1956.Oltre sessant’anni dopo, è
[continua a leggere]

30 marzo 2022

Osservatorio Officina Italia, Fondazione Hubruzzo. 50 visioni comuni/50Community Visions. Il neopopolamento dell’Italia tra tentativi e buone pratiche. – Il volume è uscito a marzo 2022 per Carsa Edizioni.Hanno studiato cinquanta casi, DC è uno di questi.Così
[continua a leggere]

24 marzo 2022

Il cammino della sostenibilità alpina. Strumenti partecipativi per la cura del patrimonio culturale e ambientale del Monte Rosa. – Michele Guerini è laureato in Geografia e Scienze territoriali. A gennaio 2022 ha iniziato un corso di dottorato (driven Sciences:
[continua a leggere]

8 agosto 2021

VACCANZAThe Mountain Tropical Experience ovveroFondazione Malutta AGAINST Dolomiti Contemporanee31 luglio – 3 ottobre 2021Spazio di Casso al Vajont opening sabato 31 luglio, ore 17.00dalle 18.00 suonano:giuseppe de benedittis e francesco peccolo – tem_platepaolo
[continua a leggere]

29 luglio 2021

Dove va Proteo?
Proteo è l’esemplare di Grammostola Pulchra di tre anni d’età, che attende di entrare fisicamente nella teca della Cooperativa di Cortina, dalla quale esso risulta al momento temporaneamente escluso, e ora vi diciamo perchè, mentre però già vi
[continua a leggere]

17 luglio 2021

Epsonaldo & The Underdogsmostra personale di Alessandro Sambinia cura di G. D’Incà Leviscon l’assistenza di Giovanna Repetto e Matteo Razzano e la consulenza di Gabriele Greco. Dal 17 luglio al 3 settembreCooperativa di Cortina e Libreria Sovillaorario
[continua a leggere]

1 luglio 2021

giovedì 1 luglio 2021, ore 19:00 - lecture: arte e residenze internazionali nel territorio alpino giovedì 1 luglio 2021, Dolomiti Contemporanee prende parte ad una serie di conferenze organizzate dalla Städelschule di Francoforte. Le conferenze della Städelschule,
[continua a leggere]
dc 2017 video
dc 2016 video