opening solo a casso: le foto

SOLO, a group exhibition, from AmC Coppola Collection: l’opening.

Sabato 20 agosto, mentre a Borca si chiudeva la seconda settimana del Dolomiti Digital Camp di H-Campus/H-Farm, nello Spazio potente di Casso al Vajont si inaugurava Solo, la nuova mostra di Dolomiti Contemporanee, che si realizza in collaborazione con AmC Collezione Coppola e Paolo De Biasi.

Borca, l’estensione. Casso, la compressione: insieme, la respirazione o il ciclo, per sistole e distole, del paesaggio, e della sua riprocessazione, che nega gli automatismi contemplativi, e la natura fossile di luoghi pensieri e cose, natura innaturale, che non esiste affatto, se non sulle amache lente del pensiero pigro.

Una sorta di staffetta tra i due siti DC, che ben rappresenta l’idea nostra di Spazio, saldamente mobile: alle 17.30, mentre si chiudeva il DDC a Borcia, nel Nuovo Spazio di Casso partiva dunque Solo.

Che non è una mostra, naturalmente, se con questa paroletta vacua vogliamo intendere, come spesso si suole, “rassegna d’opere poste in vitro là tra i muri”.

Ed è invece, Solo, un collettore di processi, diremmo, ed ecco quali, alcuni dei quali:

il processo di scambio e simbiosi che hanno condotto un collezionista a costruire una serie di rapporti di senso, tensione, emozione, con gli artisti coinvolti, creando moti osmotici in luogo di regesti scarichi;

il processo -ancora uno scambio- e poi un ragionamento condiviso e con-sentito- che ha messo in linea un collezionista passionale, pur poeta, un architetto polimorfico (di certo non vorremmo definirlo eclettico), un curatore di cervo (ossignore: a-way from curating) in linea su quel crine d’idea che è la parola, immaginante;

il processo che, inserendosi nel solco di ‪#‎parolaprima‬, ha fatto del progetto editoriale (cosa direbbe il dirlo rivista: nulla) di Solo, la matrice dell’esposizione di Casso, esposizione che, partendo dal gran pontone-della-parola posto al centro del pian secondo delledifizio, si proietta su muri e pavimenti, facendo dell’involucro spaziale una proiezione manifesta.

Processo poi, è la selezione stessa, delle opere, che costruisce relazioni con lo Spazio squadernato di Casso e col paesaggio attivo del Vajont, sissignori, attivo, e in ascolto vigile, e già da un po’: e quest’esposizione si muoverà, ancora, e presto ne diremo, e lo vedremo.


Ricordiamo che Solo, a group exhibition fron AmC Collezione Coppola rimarrà visitabile fino al 2 ottobre, dal martedì alla domenica, dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 19.00.
info@dolomiticontemporanee.net – tel +39.0427.666068


Foto: Nicola Noro

 

Qui le foto dell’allestimento

news

13 ottobre 2020

  Martedì 13 ottobre 2020, dalle ore 17:00, Dolomiti Contemporanee partecipa alla Web-conference di FEEM Fondazione Eni Enrico Mattei Quale visione di sostenibilità per i territori montani? Voci dal territorio.L’Università degli Studi di Verona, Dipartimento di Scienze
[continua a leggere]

18 luglio 2020

  Dolomiti Contemporanee è una delle Bandiere Verdi del Rapporto Carovana delle Alpi 2020 di Legambiente 2020, che premia “pratiche innovative ed esperienze di qualità ambientale e culturale nei territori montani“.19 le Bandiere assegnate nell’arco
[continua a leggere]

15 aprile 2020

  Mercoledì 15 aprile 2020 Dolomiti Contemporanee partecipa a un incontro in remoto incentrato sul tema della riattivazione dei territori montani e abbandonati. L’incontro fa parte dei Laboratori di innovazione per la rigenerazione di spazi dismessi.Ricerca e incontri
[continua a leggere]

9 aprile 2020

La Casa Editrice Tabacco è partner di Dolomiti Contemporanee dal 2011. La montagna è un ambiente eccezionale, e complesso.Per affrontarla, bisognerebbe conoscerla.A meno che non si pensi d’andarci solo alla “vien come viene”, senza saperne nulla, guidati dal
[continua a leggere]

1 novembre 2019

  Non si interrompe il filo (corda) che lega DC a Palermo: tutta questa croda calda nell’isola, che amiamo. Dal 6 novembre all’8 dicembre 2019 si svolgerà a Palermo Übermauer, la seconda edizione di BAM-Biennale Arcipelago Mediterraneo, con un core program a
[continua a leggere]

22 ottobre 2019

Venerdì 25 ottobre 2019, Dolomiti Contemporanee ospita il workshop Dopo Vaia: agricoltura in montagna e cambiamento climatico.Si tratta di un’iniziativa della Fondazione Dolomiti Unesco in sinergia con Ufficio Biodiversità della Regione Friuli Venezia Giulia.Uno
[continua a leggere]

2 ottobre 2019

Tiziano Contemporaneo: avviamento del progetto al Forte di Monte Ricco a Pieve di Cadore (2017/2019)Tutti lo sanno: Tiziano Vecellio nasce a Pieve di Cadore (Bl), negli ultimi anni del quindicesimo secolo.A maggio 2017, dopo lungo restauro eseguito con il fondamentale sostegno
[continua a leggere]

30 agosto 2019

Michelangelo Penso Vibration tree8 speaker; 80 sezioni di tronco d’abete rosso; 24 voci: 12 testimonianze su Vaia di abitanti del Cadore; 12 interventi di esperti forestali su diversi aspetti legati a Vaia, foresta, clima; 100 metri di cavo; un sistema audio, voce di una
[continua a leggere]

11 luglio 2019

 DC2019 cantieredivaia— To Be Here and There, mostra collettivaa cura di Gianluca D’Incà Levis e Evelyn LeveghiForte di Monte Ricco, Pieve di Cadore (Bl)giugno/settembre 2019 Workshop Stream – arte architettura rigenerazioneForte di Monte Ricco e
[continua a leggere]

6 giugno 2019

Dolomiti Contemporanee prende parte a Musei delle Dolomiti. Venerdí 7 giugno, il nuovo progetto della Fondazione Dolomiti Unesco viene presentato agli operatori museali al Museo Etnografico della Provincia di Belluno, nell’ambito di una tavola rotonda a cui prendono parte il
[continua a leggere]
dc 2017 video
dc 2016 video