opening fuocoapaesaggio – foto e video


DEFLAGRAZIONE

qui il video ufficiale DC.
Qui un servizio andato in onda sulla Rai regionale.

Come ai tempi di Sass Muss, dice qualcuno.
Alcune aperture scuotono. c’è l’energia di un’azione intelligente: ed inconsulta. per forza. per metodo.

THE BIG EXPLOSION

E dunque sabato 20 maggio 2017 c’è stata l’apertura storica del prodigioso Forte di Monte Ricco con Fuocoapaesaggio, sul poggio fertile di Pieve di Cadore, paese natale di Tiziano Vecellio l’Oratore, su quest’altura densa di storia, frammenti, reperti, fantasmi e presenze, allocchi, finalmente resa alla comunità, al territorio, al paesaggio.
Altra gran tappa DC, è vero.
C’è anche la Batteria Castello, sul colle, a pochi metri dal Forte. La Batteria che per anni ospitò Romano Tabacchi, e che ora conserva il suo universo in vitro, l’universo che quest’uomo costruì ed abitò, e che ora gli artisti utilizzano, traendone spunti ed oggetti, per attrezzare questo grande spazio che espone la montagna contemporanea, agendola, interpretendola, rinnovandola (quindi in realtà non è in vitro, ma in processazione: come sempre qui).
L’inaugurazione di sabato scorso è stata potente, fuoco, incendio, innesco razzi: #fuocoapaesaggio.

Al Forte si accede dal paese di Pieve, salendovi a piedi: una passeggiata panoramica di pochi minuti, che parte dalla casa di Tiziano, sotto al viale di faggi secolari: tutt’attorno le cime delle Dolomiti del Cadore, Marmarole, Rite, a distanza l’Antelao e il Pelmo, sempre con noi.
Sabato c’eran le navette: 600 persona sono salite con le navette. Altre 2/300 a piedi. Un migliaio nel complesso i visitatori del primo finsettimana: beneaperto il Forte di Monte Ricco.
Beneaperto ai popoli. I popoli maturi e senzienti ed aperti e vigili e pronti.
Ah, c’erano stati alcuni scettici. Qualcuno scommetteva: verranno in pochi. Altri dicevano: non lo capisco proprio, il senso del contemporaneo, che arroganti sti ragazzi, non funzionerà.
Buonanotte a loro, la cultura sta da una parte, gli inerti con poca immaginazione (e concretezze) dall’altra.

All’inaugurazione del Forte c’eran tutti: folta rappresentanza di Fondazione Cariverona, con i consiglieri bellunesi. Il Sindaco Ciotti, i Presidenti della due Fondazioni che gestiscono ora la struttura: Fondazione Tiziano e Fondazione Museo dell’Occhiale. Sindaci e Presidenti ed enti locali. Progettista del restuaro e Sovrintendenza. E una decina di noi, dello staff di DC. Con i nostri partner tutti, perbacco.
E 17 dei 21 artisti di fuocoapaesaggio, alcuni venuti da molto lontano. Con altri amici artisti e galleristi, e collezionisti ed imprenditori. E un mucchio di gente.

 

Sali al Forte a sera, a piedi. Giungendovi, lo trovi aperto, acceso. Una porta su di un regno luminoso, signor.
Centinaia a decine di partner. In vista all’opening: D-Shape, Grappa Nonino, Birra Dolomiti, Acqua Dolomia, Soligo, DB Group
E tutti i partner locali che ci hanno aiutato ad ampliare la nostre rete condivisa sul territorio, la prima fiamma: De Bona Motors, Impresa Olivotto, Cadore Asfalti, Tramontin Colori, Ravara sas, Fer Color snc, Ottica De March, Gianfranco De Girardi, Falegnameria Pietro Andreotta (con Costantino), Hotel al Pelmo, Casa del Dolce, Cooperativa Cadore scs.
E gli altri, tutti.

Ma insomma, si è accolto, introdotto, spiegato il restauro ed il progetto d’uso, parlato.
Il contemporaneo è stato scelto, per lanciare questa struttura prodigiosa.
Il contemporaneo che sa generare le reti, cucire stategie carnali, coinvolgere le persone ed i network.
Come ha fatto Sambini col suo spettacolare Grand Tour: includendo i pittori locali nel suo capriccio corale.
E la Residenza ad alimentare la macchina ed il processo, altrochè. La residenza che è uno dei fulcri d’attivazione. Fulcro tra i fulcri. Fulcro dei fulcri.
La mostra è forte e ampia: di artisti ed opere diremo bene nei prossimi giorni, con foto e video e testi e.

 

Alle 19.00, è partita la performance di Mario Tomè. Con Demis alla musica, ai ritmi, alla techno.
Qual è la performance più indicata per un Opening tanto importante, con tante Istituzioni implicate e presenti? Una performance urbana, gentile, certo.
Ma qui siamo in montagna. La montagna DC.
E allora abbiamo fatto un RAVE.
Mario ha puntato i razzi sulla gente. Ha detto: l’uomo spara. Vestito come un mentecatto stregato da Kim Yong-un, ha sparato le proprie micce balistiche da una delle postazioni di tiro originali del Forte.
Nessun caduto, è andata bene.
Protetti dal cielo infocato, bruciando scotendo ballando.
Balla bene Mario, il nervo gli s’era sciolto (Nonino).
Alle 23.00 i rivoli si son dispersi per i locali, raffiche e musiche, saluti e altre bottiglie. Qualcuno correva nel bosco annottato.
Nel bosco.
Dentro alla montagna.

news

5 maggio 2018

Lanificio Paoletti è partner culturale di Dolomiti Contemporanee.Nell’ambito della quinta edizione de La via della Lana, dal titolo, Il Futuro delle Origini, la rassegna di eventi sulla cultura della Lana che si svolge negli spazi dello storico Lanificio Paoletti di
[continua a leggere]

1 maggio 2018

Dolomiti Contemporanee prende parte al Progetto Siparte.SIparte è un percorso di innovazione sociale e imprenditoria giovanile articolato in quattro incontri e un hackathon, volti all’avvio e alla valorizzazione di attività imprenditoriali nel campo agricolo, forestale e
[continua a leggere]

12 aprile 2018

Si è svolto giovedì 12 aprile 2018, presso il Centro Studi Ambiente per l’Alpino di San Vito di Cadore, sede del Dipartimento TESAF, il primo incontro operativo del tavolo di lavoro che, nei prossimi due anni, vedrà il Comune di San Vito, l’Università degli Studi di
[continua a leggere]

2 aprile 2018

L’idea Tiziano Contemporaneo (TC) è un progetto avviato da Dolomiti Contemporanee (DC) nel 2017, all’interno della mostra collettiva Fuocoapaesaggio, con la quale, dopo un secolo dalla chiusura, si è finalmente riaperto il Forte di Monte Ricco a Pieve di Cadore (Bl), uno
[continua a leggere]

8 febbraio 2018

Dopo un percorso di avvicinamento, e la firma di una Convenzione tra Comune di San Vito di Cadore e Università degli Studi di Padova, ieri, 7 febbraio 2018, prima riunione informale del gruppo di lavoro di San Vito/Valle del Boite, presso il Centro Studi Ambiente Alpino di San
[continua a leggere]

16 gennaio 2018

16 gennaio 2018, Dolomiti Contemporanee e Progettoborca sono stati, finalmente, in visita al Lanificio Paoletti di Follina: a tramare. con Gianluca D’incà Levis, Paolo Paoletti, Anna Poletti, Denis Riva, Elena Maierotti, Deriva, Lui e Hugo. meraviglioso e stupefacente,
[continua a leggere]

6 novembre 2017

Il 31 ottobre 2017 si è chiusa definitivamente Fuocoapaesaggio, la mostra con cui, il 20 maggio scorso, si è inaugurato il Forte Monte Ricco a Pieve di Cadore. Qui di seguito, alcune considerazioni del curatore di Dolomiti Contemporanee, Gianluca D’Incà Levis, che
[continua a leggere]

26 ottobre 2017

Giovedì 28 dicembre 2017, dalle ore 17.00 alle ore 20.00, si svolgerà presso il Nuovo Spazio di Casso al Vajont un round table aperto agli artisti, nel corso della quale si discuterà sui progetti realizzati e avviati nel 2017 nei siti di Casso, Borca di Cadore e Piave di
[continua a leggere]

4 ottobre 2017

Dolomiti Contemporanee al Rifugio MarcesinaSabato 7 ottobre, ore 15.00 Rifugio Marcesina, Enego (Vi) Alcuni uomini albergano in sé, come elementi organici o culturali, parti d’orso, di lupo, di cervo. Così finalmente possono correre per i boschi e per le crode,
[continua a leggere]

30 settembre 2017

Casa Cametti a Vitorchiano (Viterbo) Complesso di Sant’Agnese Opening 30 settembre 2017, ore 15.00 Una selezione di video relativi all’esperienza di Simone Cametti alla Colonia di Borca di Cadore con Casa Cametti va in mostra a Vitorchiano, dal 30 settembre al 5
[continua a leggere]
dc 2017 video
dc 2016 video