Davide Dicorato/fuggire al mutamento

Davide Dicorato

fuggire al mutamento, 2017, materiali vari

Fare il paesaggio. Il paesaggio che muta. Il tempo da cui apparentemente non possiamo prescindere, che scandisce il cambiamanto. Esso può non esistere se accettiamo il cambiamento come normalità di un processo costante e presente. E come la natura ci insegna a partire dalle prime forme pluricellulari, come le muffe su questi frammenti di fotografia, così ogni paesaggio subisce variazioni, anche quando quelli oramai immortalati su un pezzo di carta.
Ogni contatto crea un mutamento.
L’uomo/artista si fa paesaggio portando con la propria sensibilità il proprio cambiamanto sul/nel/con il paesaggio.
La possibilità di tornare in residenza mi metterà in relazione con l’effetto che il tempo e le forze eserciteranno sugli oggetti-paesaggio, e con gli esiti della mia stessa azione, che trasformano a loro volte le percezioni, diverse, modificate e deformate, invecchiate o solamente dilatate (d. d.)

Davide Dicorato ha lavorato alla Batteria Castello, la seconda fortezza storica di Monte Ricco, posta a poche centinaia di metri dal Forte.
La Batteria è stata la casa di Romano Tabacchi, artista artigiano di Pieve di Cadore, mancato pochi anni or sono, che vi abitò per lungo tempo, trasformandola nella propria caotica, fertile, dimora-officina.
Oggi, ogni cosa dentro a queste mura spesse ed umide stilla e rimembra.
La casa è un vitro: le forge, i forni, i ferri, il vasellame, gli oggetti lasciati e presi da tempo: tutto riconduce qui alla vita del suo abitatore, che non c’è più.
E che c’è ancora.
Dicorato ha conosciuto Tabacchi, ne ha seguito le tracce.
Ha trovato le sue foto, i suoi dipinti, le sue scarpe, le sue foto su internet.
Ha lavorato, ogni giorno della sua residenza, alla Batteria, cercando il rapporto con l’universo di quest’uomo che fu, con questo deposito d’immaginario e cose, agendo su alcuni oggetti e frammenti testimoniali, assumendoli, trasformandoli, processandoli.
I cocci riassemblati non fanno un vaso cinerario: il nuovo pieno dell’urna non esclude le tensioni, i nastri dentati oscillano piano al passo, la trasformazione è una vibrazione che si spande.
Una vecchia foto rinvenuta in Batteria sta a terra, connessa ad alcuni elementi metallici.
Una porzione della foto diviene texture cromatica, ristampata sun un lembo di tessuto, sta ora sospasa a muro.
Il paesaggio, il paesaggio che muta e ci muta, torna in questo processo naturale, presente.
Lo viviamo, lo osserviamo, lo facciamo. Nella percezione, nello sguardo, nella relazione, nel gesto. Muove non muove. muove, non muta.

si ringraziano la Famiglia di romano tabacchi, Tramontin colori e ferramenta ravara per il supporto nella realizzazione dell’opera.

opera in:
Fuocoapaesaggio
a cura di Gianluca D’Incà Levis e Giovanna Repetto
Forte di Monte Ricco, Pieve di Cadore (Bl)
20 maggio – 30 settembre 2017

news

13 ottobre 2020

  Martedì 13 ottobre 2020, dalle ore 17:00, Dolomiti Contemporanee partecipa alla Web-conference di FEEM Fondazione Eni Enrico Mattei Quale visione di sostenibilità per i territori montani? Voci dal territorio.L’Università degli Studi di Verona, Dipartimento di Scienze
[continua a leggere]

18 luglio 2020

  Dolomiti Contemporanee è una delle Bandiere Verdi del Rapporto Carovana delle Alpi 2020 di Legambiente 2020, che premia “pratiche innovative ed esperienze di qualità ambientale e culturale nei territori montani“.19 le Bandiere assegnate nell’arco
[continua a leggere]

15 aprile 2020

  Mercoledì 15 aprile 2020 Dolomiti Contemporanee partecipa a un incontro in remoto incentrato sul tema della riattivazione dei territori montani e abbandonati. L’incontro fa parte dei Laboratori di innovazione per la rigenerazione di spazi dismessi.Ricerca e incontri
[continua a leggere]

9 aprile 2020

La Casa Editrice Tabacco è partner di Dolomiti Contemporanee dal 2011. La montagna è un ambiente eccezionale, e complesso.Per affrontarla, bisognerebbe conoscerla.A meno che non si pensi d’andarci solo alla “vien come viene”, senza saperne nulla, guidati dal
[continua a leggere]

1 novembre 2019

  Non si interrompe il filo (corda) che lega DC a Palermo: tutta questa croda calda nell’isola, che amiamo. Dal 6 novembre all’8 dicembre 2019 si svolgerà a Palermo Übermauer, la seconda edizione di BAM-Biennale Arcipelago Mediterraneo, con un core program a
[continua a leggere]

22 ottobre 2019

Venerdì 25 ottobre 2019, Dolomiti Contemporanee ospita il workshop Dopo Vaia: agricoltura in montagna e cambiamento climatico.Si tratta di un’iniziativa della Fondazione Dolomiti Unesco in sinergia con Ufficio Biodiversità della Regione Friuli Venezia Giulia.Uno
[continua a leggere]

2 ottobre 2019

Tiziano Contemporaneo: avviamento del progetto al Forte di Monte Ricco a Pieve di Cadore (2017/2019)Tutti lo sanno: Tiziano Vecellio nasce a Pieve di Cadore (Bl), negli ultimi anni del quindicesimo secolo.A maggio 2017, dopo lungo restauro eseguito con il fondamentale sostegno
[continua a leggere]

30 agosto 2019

Michelangelo Penso Vibration tree8 speaker; 80 sezioni di tronco d’abete rosso; 24 voci: 12 testimonianze su Vaia di abitanti del Cadore; 12 interventi di esperti forestali su diversi aspetti legati a Vaia, foresta, clima; 100 metri di cavo; un sistema audio, voce di una
[continua a leggere]

11 luglio 2019

 DC2019 cantieredivaia— To Be Here and There, mostra collettivaa cura di Gianluca D’Incà Levis e Evelyn LeveghiForte di Monte Ricco, Pieve di Cadore (Bl)giugno/settembre 2019 Workshop Stream – arte architettura rigenerazioneForte di Monte Ricco e
[continua a leggere]

6 giugno 2019

Dolomiti Contemporanee prende parte a Musei delle Dolomiti. Venerdí 7 giugno, il nuovo progetto della Fondazione Dolomiti Unesco viene presentato agli operatori museali al Museo Etnografico della Provincia di Belluno, nell’ambito di una tavola rotonda a cui prendono parte il
[continua a leggere]
dc 2017 video
dc 2016 video