andrea bianconi/How to build a direction


andrea bianconi

1.a How to build a direction, inchiostro su carta, 2,5 x 42,5 cm, 2018
1.b How to build a direction, inchiostro su carta, 2,5 x 42,5 cm, 2018
1.c How to build a direction, inchiostro su carta, 2,5 x 42,5 cm, 2018
1.d How to build a direction, ferro, legno, tessuto, 236 x 28,5 x 4 cm, 2018

Ah, questo dardo.
Con le frecce Andrea Bianconi compone mondi, mondi organici fatti di circolazioni orientate, come in respiro pulsante di flusso. Oppure brevi sintassi grafiche, in cui la freccia è la porta, e di repente si deve (si può) decidere: da che parte andare?
Ovvero, anche: come si orienta la mia ricerca? Di uomo tra le cose del mondo. Di artista tra le pieghe del senso dell’essere delle cose del mondo.
Perché se l’uomo cerca nulla: che uomo è?
E ancora: da che parte sto? E perché dunque?
Ora, i dardi di Bianconi vengono sin quassù, li troviamo davanti ad un’altra soglia, quella che dà accesso alle otto piccole sale dell’ala est del Forte. E portano un riferimento a Tiziano.
L’Adorazione dei Magi è un’opera celebre di Tiziano Vecellio, conservata in diverse versioni a Milano, Cleveland, Parigi, all’Escorial, al Prado.

La composizione è divisa in modo netto, spartita al centro da un elemento drastico, un palo verticale che porta il tetto della capanna di legno che dà riparo al Bambin Gesù.
Sul palo, urinò un tempo uno spagnolino nano concretatore (lo Spaniel Blenheim di Re Carlo Primo), che fu nei tempi perfin censurato.
Quel palo viene ripreso ora da Bianconi, e diviene, anche qui, spartiacque.
Palo nero inciso di frecce. Alle pareti, altre frecce.
La fuga di stanze è introdotta, e subito si è costretti a scegliere, se passare a destra, o a sinistra del palo.
Alle frecce non si sfugge.
Mica ti inseguono, ma t’invitano.
A prender direzione, più che posizione.
Cosa facciamo qua, dove si va, e perchè?

opera in:
brain-tooling
a cura di gianluca d’incà levis, riccardo caldura, petra cason
forte di monte ricco
30 giugno – 30 ottobre 2018
news

13 ottobre 2020

  Martedì 13 ottobre 2020, dalle ore 17:00, Dolomiti Contemporanee partecipa alla Web-conference di FEEM Fondazione Eni Enrico Mattei Quale visione di sostenibilità per i territori montani? Voci dal territorio.L’Università degli Studi di Verona, Dipartimento di Scienze
[continua a leggere]

18 luglio 2020

  Dolomiti Contemporanee è una delle Bandiere Verdi del Rapporto Carovana delle Alpi 2020 di Legambiente 2020, che premia “pratiche innovative ed esperienze di qualità ambientale e culturale nei territori montani“.19 le Bandiere assegnate nell’arco
[continua a leggere]

15 aprile 2020

  Mercoledì 15 aprile 2020 Dolomiti Contemporanee partecipa a un incontro in remoto incentrato sul tema della riattivazione dei territori montani e abbandonati. L’incontro fa parte dei Laboratori di innovazione per la rigenerazione di spazi dismessi.Ricerca e incontri
[continua a leggere]

9 aprile 2020

La Casa Editrice Tabacco è partner di Dolomiti Contemporanee dal 2011. La montagna è un ambiente eccezionale, e complesso.Per affrontarla, bisognerebbe conoscerla.A meno che non si pensi d’andarci solo alla “vien come viene”, senza saperne nulla, guidati dal
[continua a leggere]

1 novembre 2019

  Non si interrompe il filo (corda) che lega DC a Palermo: tutta questa croda calda nell’isola, che amiamo. Dal 6 novembre all’8 dicembre 2019 si svolgerà a Palermo Übermauer, la seconda edizione di BAM-Biennale Arcipelago Mediterraneo, con un core program a
[continua a leggere]

22 ottobre 2019

Venerdì 25 ottobre 2019, Dolomiti Contemporanee ospita il workshop Dopo Vaia: agricoltura in montagna e cambiamento climatico.Si tratta di un’iniziativa della Fondazione Dolomiti Unesco in sinergia con Ufficio Biodiversità della Regione Friuli Venezia Giulia.Uno
[continua a leggere]

2 ottobre 2019

Tiziano Contemporaneo: avviamento del progetto al Forte di Monte Ricco a Pieve di Cadore (2017/2019)Tutti lo sanno: Tiziano Vecellio nasce a Pieve di Cadore (Bl), negli ultimi anni del quindicesimo secolo.A maggio 2017, dopo lungo restauro eseguito con il fondamentale sostegno
[continua a leggere]

30 agosto 2019

Michelangelo Penso Vibration tree8 speaker; 80 sezioni di tronco d’abete rosso; 24 voci: 12 testimonianze su Vaia di abitanti del Cadore; 12 interventi di esperti forestali su diversi aspetti legati a Vaia, foresta, clima; 100 metri di cavo; un sistema audio, voce di una
[continua a leggere]

11 luglio 2019

 DC2019 cantieredivaia— To Be Here and There, mostra collettivaa cura di Gianluca D’Incà Levis e Evelyn LeveghiForte di Monte Ricco, Pieve di Cadore (Bl)giugno/settembre 2019 Workshop Stream – arte architettura rigenerazioneForte di Monte Ricco e
[continua a leggere]

6 giugno 2019

Dolomiti Contemporanee prende parte a Musei delle Dolomiti. Venerdí 7 giugno, il nuovo progetto della Fondazione Dolomiti Unesco viene presentato agli operatori museali al Museo Etnografico della Provincia di Belluno, nell’ambito di una tavola rotonda a cui prendono parte il
[continua a leggere]
dc 2017 video
dc 2016 video