19 febbraio 2021

Riccardo Giacomini è qua.   Quando sensibilità, solidarietà, amor dell’animale, creano danno invece che beneficio. L’inverno è una stagione selettiva, per gli animali selvatici.Alcuni animali muoiono: è inevitabile questo, e perfino giusto. La selezione naturale degli esemplari più deboli o malati, concorre alla buona salute della popolazione in generale: la natura si autoregola. Oggi, come sappiamo, l’interazione tra uomo e animale selvatico è piuttosto diffusa.Spesso, d’inverno, gli ungulati si aggirano nei pressi dei paesi e delle abitazioni, soprattutto se, a causa del forte innevamento, come quest’anno, risulta loro
[continua a leggere]

20 gennaio 2021

 ma insomma, abbiamo sempre visto le immagini di Eugène-Emmanuel Viollet-le-Duc, costruite in quel decennio fatidico dal 1868, l’étude, conosciamo da allora (quindi dal ’68? chiederà uno furbo) le massif du mont blanc, e mai ci siamo limitati naturalmente a pensare a quella sola e singola montagna là ma fin dal principio scorgemmo un principio largo di fiamma fredda quanto basta, quello che sempre decliniamo, del fare e rifare il paesaggio invece di dormirlo, in particolare quello prostituito delle crode imbandite e in molti modi e diciamone alcuni, con parolaprima ma lì era il logos, con la geometria culturale sintetica
[continua a leggere]

6 gennaio 2021

Premessa: “S.T.R.E.A.M (Sostenere il Turismo sostenibile, la Rigenerazione urbana e la promozione delle Arti in aree Montane)” è un progetto Interregionale tra Italia e Austria, a cui abbiamo partecipato marginalmente, trovandoci noi e non per caso a Pieve di Cadore, tra il 2017 e il 2019, a proporre un’idea di rilancio per il Forte di Monte Ricco attraverso un programma di Cultura e Arte Contemporanea, insieme ad una visione che non ha attecchito. 
Il triennio di lancio sarebbe dovuto servire, se volessimo stare in una prospettiva costruttiva e non estemporanea, a impostare il ragionamento, per poi sostenerlo. Non ad
[continua a leggere]

20 dicembre 2020

A novembre 2020, all’ex Villaggio Eni di Borca di Cadore, sono venuti (son tornati) i vandali, e i ladri. Dalla Valle, e dalla Germania. Chi sono? Che fare?La vendetta del cervo carnivoro?Dai che ne parliamo.Questo testo è così articolato: 1) Premessa: difficile per chi non si concentra2) I nudi fatti, chiari e semplici da capire per chiunque (ma leggi la premessa), e la consequente, sacrosanta reprimenda —1. Premessa Vandali o nconsapevoli esploratori del proprio sommo vuoto interiore, che non è uno Spazio? (è piuttosto: un tetro anfratto deteriore del Non Esserci, che misero si oppone alla pienezza del buon
[continua a leggere]

8 dicembre 2020

  Come i lavori vengono e (talvolta) vanno -mentre alcuni soggetti rimangono fermi chiodati / corteccie non è un refuso: perfino buzzati, che non è sterne (primo monito: sapere usare la lingua). L’organicismo psicoorodinamico culturale terrazielato vs. i grigi corpi anticontemporanei, figli del timor contraccettivo che non sa relarsi. Dialettiche e afasie dell’esserci nella cura che spinge, o sta. Francesco Zanatta, If you have a knot you can not undo…, 2019, Collezione privata. —Dolomiti Contemporanee è un camino-cratere. Ciò che vien projettato fuori e sparso per l’atmosfera non son polveri gas o gli effimeri lapilli, ma i concetti e
[continua a leggere]

21 gennaio 2020

  29 ottobre 2018 – viene tempesta vaia – lo schianto del paesaggio Ad oltre un anno da Tempesta Vaia (ottobre 2018 / dicembre 2019), facciamo il punto su come, anche questa volta, un elemento critico del corpo del paesaggio – il paesaggio è un corpo; noi siamo sminatori e paesaggisti dell’alpinismo culturale – che porta la picca, sia divenuto, quasi da subito, un’opportunità di riflessione e di ricerca: e non una lamentazione o esercizio al compianto.Il 29 ottobre 2018 eravamo dunque a Borca di Cadore, nelle Ville di Gellner all’ex Villaggio Eni di Corte, che dal 2014 alimentiamo
[continua a leggere]

13 novembre 2019

A novembre 2019, Dolomiti Contemporanee ha partecipato alla Winter Academy T.UN.NA (Academy internazionale sul turismo sostenibile nelle aree naturali UNESCO) della Trentino School of Management. Martedì 26 novembre 2019 – Winter Academy T.UN.NA – Cavalese L’intervento di Gianluca D’Incà Levis (scroll for eng): La costruzione della Montagna e del Paesaggio. Visioni e pratiche costruttive per rigenerare le risorse naturali. La Montagna è un’architettura costruenda, non un fossile inerte, né una cava inesauribile.Il valore (turistico, ricreativo, forestale, culturale) va prodotto, non consumato. Ma per fare questo serve innanzitutto una
[continua a leggere]

2 ottobre 2019

Tiziano Contemporaneo: avviamento del progetto al Forte di Monte Ricco a Pieve di Cadore (2017/2019)Tutti lo sanno: Tiziano Vecellio nasce a Pieve di Cadore (Bl), negli ultimi anni del quindicesimo secolo.A maggio 2017, dopo lungo restauro eseguito con il fondamentale sostegno di Fondazione Cariverona, il Forte di Monte Ricco, a Pieve di Cadore, è stato riaperto.Gli enti gestori della struttura, Fondazione Centro Studi Tiziano e Cadore e Fondazione Museo dell’Occhiale onlus, hanno affidato a Dolomiti Contemporanee la curatela dei contenuti culturali e artistici, avviando una collaborazione triennale.La prima mostra, Fuocoapaesaggio, conclusasi ad ottobre 2017, è
[continua a leggere]

8 marzo 2019

Dal 2011, DC compie una ricognizione sistematica del territorio dolomitico, intercettando siti problematici ad alto potenziale, che vanno riconcepiti, ridefiniti, riaperti, rilanciati.Abbiamo cominciato a compiere i primi voli radenti sul Forte di Monte Ricco, a Pieve di Cadore, nel 2014. Nel 2017, concluso un importante restauro della struttura, sostenuto da Fondazione Cariverona, ilForte è stato finalmente riaperto. Il comune, e gli enti gestori, hanno deciso di intraprendere la via sperimentale della rigenerazione attraverso il contemporaneo, accogliendo il progetto immaginato da DC. Questo Report racconta il primo biennio d’attività, la visione, la
[continua a leggere]

28 febbraio 2019

1. Prologo, per chi non ci conosce: chi siamo, come agiamo, perché parliamo. Dolomiti Contemporanee: un progetto di valorizzazione, rigenerazione, cultura, arti, territorio, fiducia, reti. Dolomiti Contemporanee (DC) è un progetto nato nel 2011 nelle Dolomiti Bellunesi, che negli anni ha operato alla valorizzazione e rifunzionalizzazione di una ventina di siti problematici nel contesto dolomitico, tra Veneto e Friuli Venezia Giulia. L’idea alla base della pratica è questa: alcune ingenti risorse territoriali (siti o manufatti abbandonati o depressi, ambiti territoriali depotenziati, aree marginalizzate), per diversi motivi oggi sottoutilizzate o spente, vanno
[continua a leggere]

29 ottobre 2018 – schiantopaesaggio

il suono dei boschi schiantati è ora un ruggito meccanico
il suono della pala che cerca di aprirsi un varco tra gli abeti rossi e i pini sradicati, spezzati, sfracellati (grinding: apre/devasta/libera)
a centinaia di migliaia, a milioni
e la pala carica e spinge e spezza ancora i monconi tronchi di questi corpi torturati
metallo su legno sbadabang
i fantasmi del bosco che non è più
e si cerca il nastro d’asfalto
che sta sepolto lassotto

questi alberi
che il cataclisma degli scorsi giorni ha gettato, scagliato, a terra
sulle strade, sulle case, nei torrenti
- in certi punti ce n’è più a terra che in piedi e molti, moltissimi altri, scossi, inclinati e malfermi, andranno abbattuti
e portati via
e sono troppi, è già chiaro

questi alberi, dicevamo
gettati dal vento sulle centraline e sui tralicci, nella montagna dolomitica, massacrata, come e peggio che altrove
peggio perché se n’è detto meno, anche, che l’abbiamo visto solo noi che siamo qua
che nell’alto piave, cadore, comelico, zoldano e agordino, massacrati,
ogni genere di connessione è cessata in un istante, lunedì scorso
e per quattro giorni è stato l’isolamento totale
che per molti continua
e che era iniziato già il ventiquattro
con le prime raffiche da sud, oltre i cento orari
che lunedì ventinove son diventati duecento
e noi stessi non abbiamo saputo quasi nulla del mondo fuori di qui, per giorni
e nemmeno del paese accanto, irraggiungibile
senza luce, telefono, informazioni di sorta
nulla si sapeva
tranne che lo stato di criticità idrogeologica e idraulica non era affatto un’enfasi eccessiva o una sopravvalutazione
come han sostenuto all’inizio taluni imbecilli all’osteria (sui giornali)

ed eravamo bloccati, inchiodati, alcuni evacuati (perarolo)
i volontari dei vigili del fuoco in giro a gruppi, all’inizio, su per le strade della montagna
isolati dai comandi, da tutti gli altri
in formazione compatta
motoseghe sguainate e pala
ad abbattere e spostare i tronchi più grossi
in mezzo alla distruzione
increduli e allibiti e abili
come in uno stato di shock, ma operativo
a liberar le persone (noi la prima notte eravamo prigionieri, impossibile uscir dalle case, fuori la devastazione e gli schianti, continui, continui)
senza informazioni, senza alcuna possibilità di coordinamento con il resto della forza
coi volontari, a scavare i primi varchi

questi alberi, che il vento ha gettato in terra, lanciandoli sulle strade, sulle case, nei torrenti
le strade tramutate in torrenti, i torrenti in fiumi di fango e sfasci e detriti (e una pala, a cortina)
sempre più carichi veloci e violenti
nessuna capacità d’invaso alle dighe, quasi da subito
le case con le voragini per tetto, alberi sui tetti e dentro alle case
schianto su schianto
mentre i ru si gonfiavano ancora e ancora
e il rumore cresceva sempre, senza tregua
un suono cupo sordo crescente, come d’un tuono inabissatosi in faglia
come se il cielo incazzato si fosse slanciato giù nel fulmine, infiggendosi in terra, per scavarla poi di nuovo da sotto, in risalita tellurica
e infatti tremava il suolo, come un’onda
(noi alle ville sentivamo anche la vibrazione dell’antelao che scaricava nella ruina di cancia, che ha tenuto perfettamente)
e infatti le radici son riverse fuori ora, al cielo
che piove ancora, e ancora, e ancora
e vediamo, snudate, le ghiaie al fondo (a borca riaffiora il covo di vipere)

questo formidabile patrimonio, che, giocondi, siamo abituati a considerare eterno
eternamente disponibile
per scoprire poi ad un tratto, in un istante drammatico, che non è così
e la foresta si è fatta rada, è esplosa, come dopo le bombe a grappolo
quant’era bella, e ordinata, questa natura distesa lo capiamo bene ora
a vederla scempiata, fatta a pezzi
e ciò comporterà dissesti e pericoli ulteriori, lo sappiamo: e della necessità della cura che viene ora, l’uomo saprà fare un’opportunità, d’agire bene per il territorio?
o compirà invece l’acme, di questo scempio?
lo vedremo, e bisognerà immaginare una politica (cristo, ne siamo stati capaci mai?), magari anche prima che da nord calino le ditte di utilizzazioni boschive d’austria e germania, a prendersi l’enorme quantità di legno
il cui prezzo inevitabilmente crollerà, e buonanotte

e allora perché non pensare a costruire una filiera di riuso, qua, e le biomasse: ma questo o latro si vedrà poi, se mai si vedrà
ora la corrente torna, in molti paesi, non tutti, grazie ai trecento generatori di enel anche
questo zaia lo sa fare
ma ci vorrà tempo anche solo per ripristinar le linee
tenete spente le lampade, voi smargiassi dei palazzi di luce, non è quello il segnale da dare (chi non ha testa non l’acquista)
e poi, sarà la trincea del paesaggio, da fare ancora
e noi la faremo, la nostra parte, come sempre
mica mettiamo le opere nelle sale, qui
mica la tumulazione museale retrattile
di chi nel bosco non sa stare
fammi un piacere vah,
la procedura è un’altra, se sai essere nella cosa
prendi un badile, o la psicosega, e impara a menarla
facciamo le opere, del paesaggio:
facciamole

gdil, 31 ottobre 2018, borca di cadore

la diga di valle di cadore
comelico superiore
sottoguda
val visdende

fassa e fiemme
asiago
turismo inverno
national geographic