Tempesta Vaia > Corpo di Vaia > Cantiere di Vaia

Per chi non lo sapesse ancora, Tempesta Vaia è il nome dell’evento disastroso che alla fine di ottobre 2018 ha colpito il triveneto e la sua montagna, atterrando oltre dieci milioni di metri cubi d’alberi.

Noi, la notte del 29 ottobre ci trovavamo all’ex Villaggio Eni, in Progettoborca.
Questo il nostro primo sguardo, un istante dopo il grande schianto.

Poi, per quattro mesi, mentre si affrontavano l’emergenza e il post-emergenza, si sono raccolti i dati.
In tutto il territorio, si sono susseguiti i Convegni, molti Convegni, a cui han partecipato la protezione civile, gli scienziati forestali, gli ingegneri idraulici, i politici, i volontari, gli enti, gli abitanti della montagna.
La gravità e la complessità della situazione è apparsa subito evidente. Dopo qualche settimana di sparate a caso sui numeri, e di informazione approssimativa, si è iniziato a comprendere la reale entità del danno, ed a fornire dati accurati, processabili.

Sono innumerevoli i temi legati a questo evento, così vasto e complesso.
Ora le ditte boschive sono all’opera: nei prossimi mesi, decine di migliaia di camion consumeranno l’asfalto e solleveranno le polveri al cielo, attraversando i nostri paesi, per portar via la foresta schiantata.

Per noi, Tempesta Vaia sarà il cuore della stagione 2019.
E’ logico e naturale che sia così.
DC è un ente ricognitore, e un editore contemporaneo, della montagna e del paesaggio e dei patrimoni, che opera attraverso pratiche di cura, idee, processi e strategie: intellettuali, culturali, territoriali.
Per noi il Corpo di Vaia è il paesaggio, dopo lo schianto, nel suo esser mutato, e nella sua fase attuale: rinnovazione.
Il Cantiere di Vaia è dunque il ragionamento, e la pratica responsabile, attraverso cui dovremo dimostrare di saper gestire questo nuovo stato di fatto, insieme al futuro della risorsa.
E, se si vuol ragionare bene e con attenzione, in modo organico, si comprenderà facilmente  come questo ragionamento venga a connettersi con altri, come ad esempio quello che riguarda la Candidatura olimpica di Milano e Cortina per il 2026, e come questa possa (debba) venire intesa. Se l’Olimpiade verrà, essa garantirà un’attenzione, e determinati flussi, al territorio, per i prossimi anni. E tali flussi dovranno risultare utili al territorio stesso, e servire ad esso. Mentre talvolta e non di rado, si sa, questa prospettiva naturale si ribalta, e il grande evento, invece di servire il territorio, se ne serve. Attenzione quindi: attenzione a far bene. L’Olimpiade, se viene, può aiutarci a rigenerare il territorio e le sue risorse, in modo sostenibile. Compresa la risorsa ambientale appunto, compromessa da Vaia. A noi par questa par cosa evidente. O no?

La sorte delle foreste alpine, la sensibile -a tratti drammatica- modificazione del paesaggio, con la distruzione di interi boschi, le necessità e le opportunità ora legate alla cura del patrimonio ambientale, i pericoli, le procedure, l’esbosco, la struttura degli apparati radicali, la programmazione della rinnovazione, e poi ancora il crollo del prezzo del legname, la sua commercializzazione, lo spreco del materiale, le centrali a biomasse, il problema degli insetti, le opportunità di costruire filiere intelligenti con il legno, e via dicendo, sono da mesi al centro del dibattito post-emergenza, insieme a moltissimi altri temi: che tratteremo nel corso della stagione, nutrenco la riflessione con le pratiche, attraverso le idee e le pratiche, che porta in dote il contemporaneo, quale strumento critico brandito dall’uomo (come un’ascia, dalla lama intelligente).

gianluca d’incà levis, 8 marzo 2019


Alcuni link utili:

- Il bollettino meteo che, il 26 ottobre 2018, annunciava l’allerta meteo.
- Un intervento di Tommaso Anfodillo sullo stato del bosco a seguito del disastro del 29 ottobre (intervista del 31 dicembre 2018).
- Il Convegno La tempesta Vaia. Disastro o opportunità per le foreste del Nord-Est?, organizzato dalla Fondazione G. Angelini, svoltosi a Belluno l’8 febbraio 2018.
Video interventi dei relatori. Audio interventi dei relatori.
- il TESAF su Vaia.

 

 

 

news

21 maggio 2022

Nella sola ultima settimana di maggio 2022, Dolomiti Contemporanee partecipa a quattro tra Convegni, Corsi di alta formazione, incontri con gruppi di ricerca. Sono tutte occasioni, queste, in cui raccontiamo le progettualità, l’approccio ed i principali cantieri di DC,
[continua a leggere]

16 maggio 2022

  Dolomiti Contemporanee prende parte al programma del Nouveau Grand Tour, progetto culturale figlio del Trattato del Quirinale, firmato dai Presidenti Macron e Draghi a novembre 2021.Il patto punta a rafforzare le relazioni tra Italia e Francia in diversi settori, in un
[continua a leggere]

9 maggio 2022

Stefano Cagol partecipa al Secondo Forum di Cultura dei Cambiamenti Climatici, cocurato da DC, Belluno, 8 giugno 2022. Stefano Cagol è un artista contemporaneo originario del Trentino Südtirol e attivo soprattutto all’estero tra Norvegia, Belgio e mondo tedesco, le cui
[continua a leggere]

7 maggio 2022

trampolino Italia cortina d’ampezzo – un gruppo di lavoro e un’idea di rete per rigenerare la struttura, ripensandone l’uso. Il Trampolino Italia è il grande simbolo di Cortina d’Ampezzo, dalle Olimpiadi del 1956.Oltre sessant’anni dopo, è
[continua a leggere]

30 marzo 2022

Osservatorio Officina Italia, Fondazione Hubruzzo. 50 visioni comuni/50Community Visions. Il neopopolamento dell’Italia tra tentativi e buone pratiche. – Il volume è uscito a marzo 2022 per Carsa Edizioni.Hanno studiato cinquanta casi, DC è uno di questi.Così
[continua a leggere]

24 marzo 2022

Il cammino della sostenibilità alpina. Strumenti partecipativi per la cura del patrimonio culturale e ambientale del Monte Rosa. – Michele Guerini è laureato in Geografia e Scienze territoriali. A gennaio 2022 ha iniziato un corso di dottorato (driven Sciences:
[continua a leggere]

8 agosto 2021

VACCANZAThe Mountain Tropical Experience ovveroFondazione Malutta AGAINST Dolomiti Contemporanee31 luglio – 3 ottobre 2021Spazio di Casso al Vajont opening sabato 31 luglio, ore 17.00dalle 18.00 suonano:giuseppe de benedittis e francesco peccolo – tem_platepaolo
[continua a leggere]

29 luglio 2021

Dove va Proteo?
Proteo è l’esemplare di Grammostola Pulchra di tre anni d’età, che attende di entrare fisicamente nella teca della Cooperativa di Cortina, dalla quale esso risulta al momento temporaneamente escluso, e ora vi diciamo perchè, mentre però già vi
[continua a leggere]

17 luglio 2021

Epsonaldo & The Underdogsmostra personale di Alessandro Sambinia cura di G. D’Incà Leviscon l’assistenza di Giovanna Repetto e Matteo Razzano e la consulenza di Gabriele Greco. Dal 17 luglio al 3 settembreCooperativa di Cortina e Libreria Sovillaorario
[continua a leggere]

1 luglio 2021

giovedì 1 luglio 2021, ore 19:00 - lecture: arte e residenze internazionali nel territorio alpino giovedì 1 luglio 2021, Dolomiti Contemporanee prende parte ad una serie di conferenze organizzate dalla Städelschule di Francoforte. Le conferenze della Städelschule,
[continua a leggere]
dc 2017 video
dc 2016 video