Tempesta Vaia – Corpo di Vaia

Per chi non lo sapesse ancora, Tempesta Vaia è il nome dell’evento disastroso che alla fine di ottobre 2018 ha colpito il triveneto e la sua montagna, atterrando oltre dieci milioni di metri cubi d’alberi.

Noi la notte del 29 ottobre ci trovavamo all’ex Villaggio Eni, in Progettoborca.
Questo il nostro primo sguardo, un istante dopo il grande schianto.

Poi, per quattro mesi, mentre si affrontavano l’emergenza e il post-emergenza, si sono raccolti i dati.
In tutto il territorio, si sono susseguiti i Convegni, molti Convegni, a cui han partecipato la protezione civile, gli scienziati forestali, gli ingegneri idraulici, i politici, i volontari, gli enti, gli abitanti della montagna.
La gravità e la complessità della situazione è apparsa subito evidente. Dopo qualche settimana di sparate a caso sui numeri, e di informazione approssimativa, si è iniziato a comprendere la reale entità del danno, ed a fornire dati accurati, processabili.

Sono innumerevoli i temi legati a questo evento, così vasto e complesso.
Ora le ditte boschive sono all’opera: nei prossimi mesi, decine di migliaia di camion consumeranno l’asfalto e solleveranno le polveri al cielo, attraversando i nostri paesi, per portar via la foresta schiantata.

Per noi, Tempesta Vaia sarà il cuore della stagione 2019.
E’ logico e naturale che sia così.
DC è un ente ricognitore, e un editore contemporaneo, della montagna e del paesaggio e dei patrimoni, che opera attraverso pratiche di cura, idee, processi e strategie: intellettuali, culturali, territoriali.
Per noi il Corpo di Vaia è il paesaggio, dopo lo schianto, nel suo esser mutato, e nella sua fase attuale: rinnovazione.
Il Cantiere di Vaia è dunque il ragionamento, e la pratica responsabile, attraverso cui dovremo dimostrare di saper gestire questo nuovo stato di fatto, insieme al futuro della risorsa.

La sorte delle foreste alpine, la sensibile -a tratti drammatica- modificazione del paesaggio, con la distruzione di interi boschi, le necessità e le opportunità ora legate alla cura del patrimonio ambientale, i pericoli, le procedure, l’esbosco, la struttura degli apparati radicali, la programmazione della rinnovazione, e poi ancora il crollo del prezzo del legname, lo spreco del materiale, le centrali a biomasse, il problema degli insetti, le opportunità di costruire filiere intelligenti con il legno, e via dicendo, sono da mesi al centro del dibattito post-emergenza, insieme a moltissimi altri temi: che tratteremo nel corso della stagione.

gianluca d’incà levis, 8 marzo 2019.

Alcuni link utili:

- Il bollettino meteo che, il 26 ottobre 2018, annunciava l’allerta meteo.
- Un intervento di Tommaso Anfodillo sullo stato del bosco a seguito del disastro del 29 ottobre (intervista del 31 dicembre 2018).
- Il Convegno La tempesta Vaia. Disastro o opportunità per le foreste del Nord-Est?, organizzato dalla Fondazione G. Angelini, si è svolto a Belluno l’8 febbraio 2018.
Video interventi dei relatori. Audio interventi dei relatori.
- il TESAF su Vaia.

 

 

 

news

11 aprile 2019

 Il Film documentario A History about Silence, realizzato dall’artista Caterina Erica Shanta e prodotto da Dolomiti Contemporanee nell’ambito della mostra Brain-tooling (Forte Monte Ricco di Pieve di Cadore, estate 2018), è stato selezionato all’edizione 2019
[continua a leggere]

3 aprile 2019

SMACH. Constellation of art, culture & history in the Dolomites SMACH è una open call internazionale per artisti. La quarta edizione di SMACH (2019) mette al centro la parola Heimat: questa non è un semplice sostantivo. Come noto, si rivela intraducibile in molte
[continua a leggere]

24 gennaio 2019

Giovedì 31 gennaio 2019Ore 20.30, Sala Comunale di San Vito di Cadorepresentazione del progetto Sanvido Apede per la valorizzazione del centro storico di San Vito di CadoreL’incontro è aperto al pubblico, la popolazione è invitata     Il progetto Sanvido
[continua a leggere]

2 gennaio 2019

avanti savoja, qualcuno ce l’ha sentito dire già: regale ironia di che? la Regina Margherita – regina delle arti e di ogni cosa bella, diceva Benedetto Croce villeggiò a Perarolo di Cadore nel 1881 e ’82. Allora, si sa, l’amava Carducci, che
[continua a leggere]

31 dicembre 2018

Ascolta qui di seguito l’intervento di Tommaso Anfodillo del 31.12.2018, nella diretta del lunedì che Radiocortina dedica a Dolomiti Contemporanee: Tommaso-Anfodillo-31.12.18_il-bosco-dopo-il-29-ottobre.m4a Anfodillo ha fornito alcuni dati, e svolto una serie di
[continua a leggere]

30 dicembre 2018

Il Museo Diocesano di Feltre è stato inaugurato la scorsa primavera (2018), dopo un importante ampliamento e un lungo, straordinario restauro. Fondazione Cariverona ha contribuito in modo fondamentale a questo recupero: qui come a Belluno (Museo Civico Palazzo Fulcis) e a
[continua a leggere]

3 ottobre 2018

Venerdì 19 e sabato 20 ottobre 2018: viene l’Openstudio di finestagione di Progettoborca, in curvatura. Molti degli artisti che hanno operato negli scorsi mesi nella Colonia dell’ex Villaggio Eni di Corte di Cadore, all’interno della piattaforma di Progettoborca,
[continua a leggere]

2 ottobre 2018

Tiziano Contemporaneo: avviamento del progetto al Forte di Monte Ricco a Pieve di Cadore (2017/2018)Tutti lo sanno: Tiziano Vecellio nasce a Pieve di Cadore (Bl), negli ultimi anni del quindicesimo secolo.A maggio 2017, dopo lungo restauro eseguito con il fondamentale sostegno
[continua a leggere]

anche per il 2018 dolomiti contemporanee aderisce alla giornata del contemporaneo amaci, giunta alla 14a edizione. sabato 13 ottobre 2018, la mostra brain-tooling, allestita presso il forte di monte ricco a pieve di cadore, sarà visitabile gratuitamente in orario 10.00-12.30 e
[continua a leggere]

21 settembre 2018

Dolomiti Contemporanee partecipa alla conferenza Cambio di paradigma, visione innovativa e governance per la crescita sostenibile del territorio, che si svolge venerdì 21 settembre 2018, alle ore 16.00, in Sala Bianchi, Viale Fantuzzi (Belluno).La conferenza è organizzata
[continua a leggere]
dc 2017 video
dc 2016 video