dimitri giannina/para el vien to

Dimitri Giannina

PARA el VIEN to, 2019, quattro breghe di abete rosso, quattro di larice, cardini, spray, olio, matita, grafite, foglia d’oro, pallini in acciaio (rosata), incisione.

Dei cinesi sentiamo parlare da mesi, rispetto a Tempesta Vaia.
I cinesi che salvano il mercato, acquistando le enormi quantità di legname schiantato disponibili dopo l’esbosco.
I cinesi che non lo salvano più, il mercato, perché il legname infestato dagli scolitidi non lo vogliono, mica sono stupidi, e lo dice chiaro il Documento Guo Zhi Jian Han 202, e quindi occorre la Fumigazione (a pressione normale, col fluoruro di solforile), e così via.

L’installazione si origina dalla tradizione cinese del paravento (imperiale).
Il paravento (muro, lavagna, paramento, libro) vaiano di Giannina è realizzato con alcune assi d’abete e larice, incernierate, a comporre una parete articolata e mossa, che disloca l’impianto grafico-pittorico, e che si antepone al cassone ligneo di fondosala: legno di vaia su legno di prima, è l’azione nel solco della tradizione (in materiale).
Esso  -lignea teca-parete, pagina e urna, ex voto e stele, apparato critico-narrativo, tavola dinamica che intreccia i rami della storia, di questa storia antica che nei secoli correla i destini dell’uomo delle valli del Cadore ai boschi e al legno- esso contiene una serie di immagini sorgive, che raccontano e cuciono diversi aspetti di Vaia, tra noi e loro (to).

Attraverso i segni -ancora come nella tradizione cinese- tracciati e composti sul legname, si mette in campo, si rappresenta, la selva delle problematiche portate dalla gran quantità del legno schiantato.
Segni e disegni ricreano delle aree-macchie-zone, di rifugio o di scambio, introducendo una serie di informazioni visive di carattere naturalistico ed etnografico, o d’altro tipo.

La scalata ad esempio; le vie di alcune falesie presenti nelle aree più colpite da Vaia, in particolare quella dei monoliti di Ronch, a Laste di Rocca Pietore: dove i tracciati di salita –le vie d’arrampicata- creano dinamica ascensionale, in tal modo opponendosi alla terribile orizzontalità della foresta in-un-istante-in-terra: l’uomo sale, e risale, e risale. Sass de Rocia, Sass de la Murada, Sass de la Gusela (la Gusela se n’esce da un gran nodo nella brega). E sulla cima aguzza ce lo trovi infatti, questo stilita, la schiena un poco curva, a giù guardare.

Altra presenza: una figura ieratica, una sorta di gran saggio barbuto, la testa disegnata sulle breghe; non è mica Tiziano, ma Nüwa, divinità cinese, creatrice del mondo e degli uomini.
Il mito ci racconta del tempo della grande inondazione, con la distruzione portata da Gong Gong.
Fu Nüwa poi a richiudere il cielo e a salvar la terra, devastata, con le montagne-pilastri schiantati in terra anche loro, e lo fece unendo le cinque crode, e nel disegno di Giannina gli arti esplosi del Dio-curatore-facitore-degl’uomini son sparsi nello spazio post-vaiano, in mezzo ai resti del bosco precipitato. E così via, uomini e fusti.

I paraventi venivano usati per tamponare gli spifferi nelle abitazioni, come indicato dai due caratteri nel loro nome cinese: píng (屏T, letteralmente “schermo, blocco”) e feng (風T, letteralmente “brezza, vento”): per l’appunto.
Gli ideogrammi sul retro dicono: La nuova via della seta, e questo è parlare del commercio attuale dei legni, anche.
Via della seta, tracciata in azzurro. E i tracciati intrecciati, perchè le altre linee son quelle del sistema idrico e dei Fiumi del Cadore (da un’antica mappa della Magnifica Comunità di Cadore), delle vie di arrampicata a Laste. Il reticolo integrato, nella storia, nei flussi, nel pensiero, nelle interconnessioni vaiane.

Sul novello paramento vaiano Giannina ricrea paesaggi di segno, paesaggi simili a quelli naturalistici cinesi, ma agganciati a questo territorio. Ecco gli ideogrammi si trasformano nei segn de ciasa: tangenze grafiche, tangenza nei pensieri, tangenze nelle cose tangibili.

I paraventi consentivano ai pittori cinesi di rappresentare gli ornamenti ideali, di mostrare la pittura, come la calligrafia. Otto elementi accostati formavano il paravento imperiale. Ma qui Giannina vuole offrirlo a tutti, il suo racconto culturale e umano di Vaia.
Ecco dunque che una delle otto breghe finisce in corte, bene infisso in terra. L’ideogramma del lares, inciso, prende visibilità quando il nero di Cina, dilavato dalle piogge, scende la tavola. E così via.

opera in:
altri dardi
a cura di gianluca d’incà levis
forte di monte ricco

29 agosto – 27 ottobre 2019

Si ringraziano: romano tabacchi (non era un magnacarte), la Segheria Hofer di Valle di Cadore e Pietro Hofer, Antonino calcagno, silvio piazza

news

30 agosto 2019

Michelangelo Penso Vibration tree8 speaker; 80 sezioni di tronco d’abete rosso; 24 voci: 12 testimonianze su Vaia di abitanti del Cadore; 12 interventi di esperti forestali su diversi aspetti legati a Vaia, foresta, clima; 100 metri di cavo; un sistema audio, voce di una
[continua a leggere]

6 giugno 2019

Dolomiti Contemporanee prende parte a Musei delle Dolomiti. Venerdí 7 giugno, il nuovo progetto della Fondazione Dolomiti Unesco viene presentato agli operatori museali al Museo Etnografico della Provincia di Belluno, nell’ambito di una tavola rotonda a cui prendono parte il
[continua a leggere]

23 maggio 2019

DC partecipa all’incontro: Le pratiche artistiche e culturali come cura delle fragilità dei luoghi e delle persone, che si svolge domenica 26 maggio 2019, ore 15.00, Palazzo delle Esposizioni, Roma. Intervengono: Claudio Bocci, Direttore di Federculture Leonardo Delogu,
[continua a leggere]

13 maggio 2019

Tra aprile e maggio 2019, Filippo Romano, fotografo, ha trascorso un periodo in Residenza in Progettoborca, dove ha iniziato a svolgere una ricognizione fotografica sui territori colpiti dalla Tempesta Vaia, che nel 2019 Dolomiti Contemporanee tiene al centro della propria
[continua a leggere]

9 maggio 2019

Nel 2018 Dolomiti Contemporanee ha preso parte all’avvio del progetto Border Crossing (Palermo), che realizza una rete tra progetti culturali e Residenza artistiche sparsi per l’Italia.La partecipazione al progetto viene ribadita anche per il 2019.Giovedì 9 maggio, il
[continua a leggere]

11 aprile 2019

 Il Film documentario A History about Silence, realizzato dall’artista Caterina Erica Shanta e prodotto da Dolomiti Contemporanee nell’ambito della mostra Brain-tooling (Forte Monte Ricco di Pieve di Cadore, estate 2018), è stato selezionato all’edizione 2019
[continua a leggere]

3 aprile 2019

SMACH. Constellation of art, culture & history in the Dolomites SMACH è una open call internazionale per artisti. La quarta edizione di SMACH (2019) ha messo al centro la parola Heimat: questa non è un semplice sostantivo. Come noto, si rivela intraducibile in molte
[continua a leggere]

24 gennaio 2019

Giovedì 31 gennaio 2019Ore 20.30, Sala Comunale di San Vito di Cadorepresentazione del progetto Sanvido Apede per la valorizzazione del centro storico di San Vito di CadoreL’incontro è aperto al pubblico, la popolazione è invitata     Il progetto Sanvido
[continua a leggere]

2 gennaio 2019

avanti savoja, qualcuno ce l’ha sentito dire già: regale ironia di che? la Regina Margherita – regina delle arti e di ogni cosa bella, diceva Benedetto Croce villeggiò a Perarolo di Cadore nel 1881 e ’82. Allora, si sa, l’amava Carducci, che
[continua a leggere]

31 dicembre 2018

Ascolta qui di seguito l’intervento di Tommaso Anfodillo del 31.12.2018, nella diretta del lunedì che Radiocortina dedica a Dolomiti Contemporanee: Tommaso-Anfodillo-31.12.18_il-bosco-dopo-il-29-ottobre.m4a Anfodillo ha fornito alcuni dati, e svolto una serie di
[continua a leggere]
dc 2017 video
dc 2016 video