Miele – Catia Schievano – Casso, 7 agosto


Miele
mostra personale di Catia Schievano
a cura di Gianluca D’Incà Levis

Nuovo Spazio di Casso (Casso, Pn)
7 agosto / 20 settembre 2020
Opening: venerdì 7 agosto, ore 17.30

Concetto

Mica stiamo parlando di apicultura, dai.
Questa fraintesa o invocata -spessacaso, che barba- zootecnia, è in realtà un calco d’impresa, d’industria, d’architettura.
Accuratamente estratta dalle polveri della storia, senza sussieghi, le immagini bianche sui bianchi.
Che, van di moda le stucchevoli positure in ambiante, gli ecologismi, i salutismi?
Eh no, nessuna retorica d’alveare, e invece un design alveolare in purezza, che rinfocola i sigilli, trasformandoli in geometrie di textura poetica, tenui quanto decise, leggere meccaniche di lettere o struttura.
Una traduzione attentiva.

Dal 2018, Catia Schievano lavora alle impronte minerali nella Colonia dell’ex Villaggio Eni di Corte di Cadore. Nel suo spazio-laboratorio riguadagnato, nell’ex palazzina degli alloggi dei dirigenti, riprocessa sedimenti della storia e della foresta.
Fuori gli abeti rossi, e però fuori-fatti da Vaia.
Dentro, nella Colonia-labirinto, una foresta di icone. Sono i loghi delle aziende numerose che, insieme a Enrico Mattei e Edoardo Gellner, realizzarono il sensazionale welfare alpino de Borcia.
Eccoli qua dunque, i loghi ripresi.
Miele realizzò la sua prima lavatrice nel 1900.
Nelle ex lavanderie di Corte, ne abbiamo una grande, multicestello, che par la
Sojuz (sempre, qua in DC, mentre gli altri stanno a tavola, si risplorora lo spazio).
Poi c’è una manichetta: e infatti questa mostra avrebbe potuto chiamarsi Cobra.
E invece no, ma non per preferir dolcezza a serpente: per un tatto.
E così via.

Impronte minerali #1 (2018)

Il mio processo di ricerca nasce da una sperimentazione iniziale con la carta Repap di Paper& People (è una carta realizzata con la pietra, e non con la cellulosa, n.d.r.).
La sua composizione minerale, l’esser ricavata dalla pietra, mi ha permesso di sfregare la carta attraverso la tecnica del frottage su qualsiasi elemento architettonico, industriale o vegetale presente nella Colonia.
A questo punto, la carta morbida, liscia e resistente, non è altro che la montagna stessa, sulla quale le impronte del territorio circostante descrivono mappe e pongon firma.
Oggi la Colonia, dentro e fuori, è luogo in cui si fa esperienza di un passato esploso, che assorbe il silenzio e la solitudine degli elementi inanimati e compiuti (l’architettura
di Gellner), contrapposti a quelli viventi e variabili della rigogliosa flora del bosco che la circonda (anch’essa natura, progettata da Gellner).
Se la trasposizione individua e fonde insieme, sulla stessa superficie, le due anime, apparentemente contrapposte e fondamentali, di Villaggio e Natura, la ricomposizione ne da una nuova lettura, ponendo l’accento sull’importanza della loro relazione.

Impronte minerali #2 (2019)

Dopo aver impresso sulla cartaroccia Repap di Paper & People gli elementi dei due immani corpi organici integrati di Borca (il complesso del Villaggio e della Colonia e il bosco naturato da E. Gellner), ho dedicato attenzione ai loghi e ai prototipi delle industrie che mettevano in moto la grande macchina organico-sociale della Colonia, selezionando quelli che nella forma o nella parola avessero come relazione principale quella con la natura (anch’essa fenomeno qui strutturalmente organizzato dove le forze si manifestano).

I primi frottage eseguiti imprimono sulla carta il logotipo della lavatrice Mìele (azienda tedesca di elettrodomestici fondata in Germania nel 1899), il pittogramma di un cristallo di neve dei frigoriferi dell’Agipgas (azienda dell’Eni fondata da Mattei nel 1953) e la trama a fori circolari dei termosifoni presenti nei corridoi e in quasi tutte le stanze della Colonia, quasi-icone di uno spazio. Tra logo e disegno si compone una duplice immagine: natura e industria si incontrano sulla stessa superficie, sono un binomio che si confonde e si scambia significato attraverso lo stesso disegno geometrico di cui entrambe, originariamente, son fatte.

Butter wood-Burro bosco

Impronta-frottage della scritta “butter” (burro) trovata all’interno di un frigorifero.
La carta-roccia è il paesaggio-involucro di un territorio colpito da Tempesta Vaia:

Un bosco morbido come burro
si scioglie e si plasma
cambia consistenza
orizzontalmente si spiana


E poi ci son le zolle, primi mattoni dell’impresa meno coroniana di Gellner, la costruzione del Paesaggio di Corte, con l’inzollamento del Covo di vipere, ai piedi di Re Antelao. Quindi le zolle fossili, rivenute sotto ad una campata degli ex alloggi dirigenti, lì protette da decenni, non son che un altro logo da calcare: il logo del bosco a sei zampe.



Si ringrazia: Progettoborca, Centro Studi per l’Ambiente Alpino di San Vito di Cadore (Tommaso Anfodillo, Roberto Menardi), Paper & People.

La mostra si realizza all’interno del programma dei Dolomiti Days, in collaborazione con Regione Friuli Venezia Giulia, Fondazione Dolomiti Unesco, Comune di Erto e Casso.

Orari di mostra

dal martedì alla domenica, 10.00-12.30 e 15.00-18.30

news

29 luglio 2021

Dove va Proteo?
Proteo è l’esemplare di Grammostola Pulchra di tre anni d’età, che attende di entrare fisicamente nella teca della Cooperativa di Cortina, dalla quale esso risulta al momento temporaneamente escluso, e ora vi diciamo perchè, mentre però già vi
[continua a leggere]

1 luglio 2021

giovedì 1 luglio 2021, ore 19:00 - lecture: arte e residenze internazionali nel territorio alpino giovedì 1 luglio 2021, Dolomiti Contemporanee prende parte ad una serie di conferenze organizzate dalla Städelschule di Francoforte. Le conferenze della Städelschule,
[continua a leggere]

29 aprile 2021

  Rigenerare la montagna – ConvegnoGiovedì 29 aprile 2021, ore 18.00 giovedì 29 aprile 2021, dolomiti contemporanee partecipa al convegno Rigenerare la montagna. Azioni di valorizzazione dei territori delle Dolomiti, a cura di Venice Climate Lab, in
[continua a leggere]

20 marzo 2021

Pamela Breda/Untitled in Tò nòn ignà – foto di G. De  Donà, 2015 — Il terzo fragile. L’istituirsi del bene comune nelle aree rurali Sabato 20 marzo 2021, Dolomiti Contemporanee partecipa al sedicesimo convegno (online) “Aree Fragili” promosso
[continua a leggere]

16 marzo 2021

Monica Bartocci conduce Non Solo Performig Arts, un programma di Rai Radio Live.Una media partnership con cheFare ha inaugurato lo spin-off espressamente dedicato ai Nuovo Centri Culturali Italiani, questa importante infrastruttura civica dell’Italia contemporanea, che
[continua a leggere]

26 febbraio 2021

Venerdì 26 febbraio 2021, ore 10:00-12:00, panel webinar: Two Calls for Vajont, Concorso Artistico Internazionale: fase _restart.L’arte pubblica come pratica rigeneratrice per paesaggio e territori.  Il Concorso Artistico Internazionale Two Calls for Vajont è stato
[continua a leggere]

20 novembre 2020

venerdì 20 novembre 2020, dalle ore 16:00, dolomiti contemporanee partecipa alla web-conference riuso del moderno due. territorio, progetto, futuro e qualità. sguardi e modalità operative per un rinnovato impegno civile degli architetti. l’intervento di G.
[continua a leggere]

18 novembre 2020

    mercoledì 18 novembre 2020, dolomiti contemporanee partecipa al convegno online promosso dalla fondazione courmayeur mont blanc alpi partecipate. montagne in mostra. L’intervento di g. d’incà levis, ideatore e curatore di dolomiti
[continua a leggere]

13 ottobre 2020

  Martedì 13 ottobre 2020, dalle ore 17:00, Dolomiti Contemporanee partecipa alla Web-conference di FEEM Fondazione Eni Enrico Mattei Quale visione di sostenibilità per i territori montani? Voci dal territorio.L’Università degli Studi di Verona, Dipartimento di Scienze
[continua a leggere]

18 luglio 2020

  Dolomiti Contemporanee è una delle Bandiere Verdi del Rapporto Carovana delle Alpi 2020 di Legambiente 2020, che premia “pratiche innovative ed esperienze di qualità ambientale e culturale nei territori montani“.19 le Bandiere assegnate nell’arco
[continua a leggere]
dc 2017 video
dc 2016 video