Miele – Catia Schievano – Casso, 7 agosto


Miele
mostra personale di Catia Schievano
a cura di Gianluca D’Incà Levis

Nuovo Spazio di Casso (Casso, Pn)
7 agosto / 20 settembre 2020
Opening: venerdì 7 agosto, ore 17.30

Concetto

Mica stiamo parlando di apicultura, dai.
Questa fraintesa o invocata -spessacaso, che barba- zootecnia, è in realtà un calco d’impresa, d’industria, d’architettura.
Accuratamente estratta dalle polveri della storia, senza sussieghi, le immagini bianche sui bianchi.
Che, van di moda le stucchevoli positure in ambiante, gli ecologismi, i salutismi?
Eh no, nessuna retorica d’alveare, e invece un design alveolare in purezza, che rinfocola i sigilli, trasformandoli in geometrie di textura poetica, tenui quanto decise, leggere meccaniche di lettere o struttura.
Una traduzione attentiva.

Dal 2018, Catia Schievano lavora alle impronte minerali nella Colonia dell’ex Villaggio Eni di Corte di Cadore. Nel suo spazio-laboratorio riguadagnato, nell’ex palazzina degli alloggi dei dirigenti, riprocessa sedimenti della storia e della foresta.
Fuori gli abeti rossi, e però fuori-fatti da Vaia.
Dentro, nella Colonia-labirinto, una foresta di icone. Sono i loghi delle aziende numerose che, insieme a Enrico Mattei e Edoardo Gellner, realizzarono il sensazionale welfare alpino de Borcia.
Eccoli qua dunque, i loghi ripresi.
Miele realizzò la sua prima lavatrice nel 1900.
Nelle ex lavanderie di Corte, ne abbiamo una grande, multicestello, che par la
Sojuz (sempre, qua in DC, mentre gli altri stanno a tavola, si risplorora lo spazio).
Poi c’è una manichetta: e infatti questa mostra avrebbe potuto chiamarsi Cobra.
E invece no, ma non per preferir dolcezza a serpente: per un tatto.
E così via.

Impronte minerali #1 (2018)

Il mio processo di ricerca nasce da una sperimentazione iniziale con la carta Repap di Paper& People (è una carta realizzata con la pietra, e non con la cellulosa, n.d.r.).
La sua composizione minerale, l’esser ricavata dalla pietra, mi ha permesso di sfregare la carta attraverso la tecnica del frottage su qualsiasi elemento architettonico, industriale o vegetale presente nella Colonia.
A questo punto, la carta morbida, liscia e resistente, non è altro che la montagna stessa, sulla quale le impronte del territorio circostante descrivono mappe e pongon firma.
Oggi la Colonia, dentro e fuori, è luogo in cui si fa esperienza di un passato esploso, che assorbe il silenzio e la solitudine degli elementi inanimati e compiuti (l’architettura
di Gellner), contrapposti a quelli viventi e variabili della rigogliosa flora del bosco che la circonda (anch’essa natura, progettata da Gellner).
Se la trasposizione individua e fonde insieme, sulla stessa superficie, le due anime, apparentemente contrapposte e fondamentali, di Villaggio e Natura, la ricomposizione ne da una nuova lettura, ponendo l’accento sull’importanza della loro relazione.

Impronte minerali #2 (2019)

Dopo aver impresso sulla cartaroccia Repap di Paper & People gli elementi dei due immani corpi organici integrati di Borca (il complesso del Villaggio e della Colonia e il bosco naturato da E. Gellner), ho dedicato attenzione ai loghi e ai prototipi delle industrie che mettevano in moto la grande macchina organico-sociale della Colonia, selezionando quelli che nella forma o nella parola avessero come relazione principale quella con la natura (anch’essa fenomeno qui strutturalmente organizzato dove le forze si manifestano).

I primi frottage eseguiti imprimono sulla carta il logotipo della lavatrice Mìele (azienda tedesca di elettrodomestici fondata in Germania nel 1899), il pittogramma di un cristallo di neve dei frigoriferi dell’Agipgas (azienda dell’Eni fondata da Mattei nel 1953) e la trama a fori circolari dei termosifoni presenti nei corridoi e in quasi tutte le stanze della Colonia, quasi-icone di uno spazio. Tra logo e disegno si compone una duplice immagine: natura e industria si incontrano sulla stessa superficie, sono un binomio che si confonde e si scambia significato attraverso lo stesso disegno geometrico di cui entrambe, originariamente, son fatte.

Butter wood-Burro bosco

Impronta-frottage della scritta “butter” (burro) trovata all’interno di un frigorifero.
La carta-roccia è il paesaggio-involucro di un territorio colpito da Tempesta Vaia:

Un bosco morbido come burro
si scioglie e si plasma
cambia consistenza
orizzontalmente si spiana


E poi ci son le zolle, primi mattoni dell’impresa meno coroniana di Gellner, la costruzione del Paesaggio di Corte, con l’inzollamento del Covo di vipere, ai piedi di Re Antelao. Quindi le zolle fossili, rivenute sotto ad una campata degli ex alloggi dirigenti, lì protette da decenni, non son che un altro logo da calcare: il logo del bosco a sei zampe.



Si ringrazia: Progettoborca, Centro Studi per l’Ambiente Alpino di San Vito di Cadore (Tommaso Anfodillo, Roberto Menardi), Paper & People.

La mostra si realizza all’interno del programma dei Dolomiti Days, in collaborazione con Regione Friuli Venezia Giulia, Fondazione Dolomiti Unesco, Comune di Erto e Casso.

Orari di mostra

dal martedì alla domenica, 10.00-12.30 e 15.00-18.30

news

13 ottobre 2020

  Martedì 13 ottobre 2020, dalle ore 17:00, Dolomiti Contemporanee partecipa alla Web-conference di FEEM Fondazione Eni Enrico Mattei Quale visione di sostenibilità per i territori montani? Voci dal territorio.L’Università degli Studi di Verona, Dipartimento di Scienze
[continua a leggere]

18 luglio 2020

  Dolomiti Contemporanee è una delle Bandiere Verdi del Rapporto Carovana delle Alpi 2020 di Legambiente 2020, che premia “pratiche innovative ed esperienze di qualità ambientale e culturale nei territori montani“.19 le Bandiere assegnate nell’arco
[continua a leggere]

15 aprile 2020

  Mercoledì 15 aprile 2020 Dolomiti Contemporanee partecipa a un incontro in remoto incentrato sul tema della riattivazione dei territori montani e abbandonati. L’incontro fa parte dei Laboratori di innovazione per la rigenerazione di spazi dismessi.Ricerca e incontri
[continua a leggere]

9 aprile 2020

La Casa Editrice Tabacco è partner di Dolomiti Contemporanee dal 2011. La montagna è un ambiente eccezionale, e complesso.Per affrontarla, bisognerebbe conoscerla.A meno che non si pensi d’andarci solo alla “vien come viene”, senza saperne nulla, guidati dal
[continua a leggere]

1 novembre 2019

  Non si interrompe il filo (corda) che lega DC a Palermo: tutta questa croda calda nell’isola, che amiamo. Dal 6 novembre all’8 dicembre 2019 si svolgerà a Palermo Übermauer, la seconda edizione di BAM-Biennale Arcipelago Mediterraneo, con un core program a
[continua a leggere]

22 ottobre 2019

Venerdì 25 ottobre 2019, Dolomiti Contemporanee ospita il workshop Dopo Vaia: agricoltura in montagna e cambiamento climatico.Si tratta di un’iniziativa della Fondazione Dolomiti Unesco in sinergia con Ufficio Biodiversità della Regione Friuli Venezia Giulia.Uno
[continua a leggere]

2 ottobre 2019

Tiziano Contemporaneo: avviamento del progetto al Forte di Monte Ricco a Pieve di Cadore (2017/2019)Tutti lo sanno: Tiziano Vecellio nasce a Pieve di Cadore (Bl), negli ultimi anni del quindicesimo secolo.A maggio 2017, dopo lungo restauro eseguito con il fondamentale sostegno
[continua a leggere]

30 agosto 2019

Michelangelo Penso Vibration tree8 speaker; 80 sezioni di tronco d’abete rosso; 24 voci: 12 testimonianze su Vaia di abitanti del Cadore; 12 interventi di esperti forestali su diversi aspetti legati a Vaia, foresta, clima; 100 metri di cavo; un sistema audio, voce di una
[continua a leggere]

11 luglio 2019

 DC2019 cantieredivaia— To Be Here and There, mostra collettivaa cura di Gianluca D’Incà Levis e Evelyn LeveghiForte di Monte Ricco, Pieve di Cadore (Bl)giugno/settembre 2019 Workshop Stream – arte architettura rigenerazioneForte di Monte Ricco e
[continua a leggere]

6 giugno 2019

Dolomiti Contemporanee prende parte a Musei delle Dolomiti. Venerdí 7 giugno, il nuovo progetto della Fondazione Dolomiti Unesco viene presentato agli operatori museali al Museo Etnografico della Provincia di Belluno, nell’ambito di una tavola rotonda a cui prendono parte il
[continua a leggere]
dc 2017 video
dc 2016 video