Chunga-wacra

 

chunga-wacra è una sezione del cuore di Upokeimenon. una sezione selvaggia. il cuore di Upokeimenon si trova nelle terre alte (casso), dato che un’altra sua parte va per terre basse, o per le acque distese (trieste, l’aquario marino). chunga-wacra è una mostra dentro alla mostra. qui le immagini, sottoiltesto.


T-yong Chung, Michele Gabriele, Jonathan Vivacqua

CHUNGA-WACRA
ferro, sabbia, conchiglie, gomma, catrame, dipinti ad olio, zucchero, minerali, resine, capi vari di abbigliamento, ruggine, piante, polvere, spugne di mare, legno, sale, coralli, cemento, vasi, cera, fossili, corde, frutta…, dimensioni variabili, 2013.

Una sorta di onomatopea selvaggia, CHUNGA-WACRA, titolo che raccoglie i nomi dei tre artisti che hanno lavorato, in un processo liquidosmotico, a costruire la loro parte di Upokeimenon. Il primo piano dello Spazio di Casso è la loro terra marina, estroflessa spiaggia interiore, sulla quale la risacca ha abbandonato doni. Una parola selvaggia, che sembra propiziare un qualche rito tribale. E un’idea fluida, di compenetrazione, reciprocità, scambio, condivisione, che ha caratterizzato la loro modalità operativa, giunge a pervadere, come un’acqua, la sala. Oggetti, opere e frammenti d’opera, materiali, elementi, residui, si dislocano nello spazio, dialogano creando un moto integrato. L’intento è stato quello di rompere la distanza che separa ciò che è opera da ciò che non lo è, il “mondo artistico” dal tessuto quotidiano, il contenuto dal contenitore, l’oggetto dal suo intorno, per creare un ambiente liquido, fatto di legami e connessioni. Se da una parte il trio aveva un’idea chiara sugli oggetti da portare, dall’altra ciò che sta alla base dell’intero progetto è un’idea di mistero, incertezza e processualità. Giunti a Casso con una serie di idee, oggetti, riflessioni, pensieri, materiali e progetti, solo nel momento in cui si sono trovati nello Spazio essi hanno cominciato a ragionare, insieme, sulle relazioni possibili tra le parti, sull’integrabilità dei diversi fattori estetici. La scelta è stata determinata dalla capacità delle singole cose di convivere con le altre, tra sguardi di intesa e indifferenze.


opere (agglomerate):

Boomerang
video di T-yong Chung, audio di tarme di Jonathan Vivacqua
Project room/bivacco, 2013

Jonathan Vivacqua
Mare
inchiostri e grafite su fogli, tela 120×120 cm, 2013

Michele Gabriele
Leo parla alle montagne mentre io origlio da lontano
minerali, argille colorate, terra, ferro, zampe di coniglio mummificate e denti, 2012
T-yong Chung
Oggetto
2013
Michele Gabriele
Doppia coppia
legno, terra, conchiglia, rosa del deserto, muffa e tessuto, 2012
Jonathan Vivacqua
Pappo
grafite su tavola di legno, 2013
Jonathan Vivacqua
Matrice di gesso
2013

Chunga Wacra
Oui-scik
cemento, catrame, legno, fiori, incenso e porta incenso, tessuti, 210x150x70 cm, 2008/2013

Jonathan Vivacqua
Mollusco
catrame, sale e gesso, 30x20x20, 2013

Michele Grabriele con T-yong Chung
Quadro e mensola con Antonio
quadro: olio su tela, gomma, resine, cera, zampe di coniglio mummificate, tessuti, 75×50 cm, 2013
mensola con Antonio: gomme, pittura ad olio, polvere di marmo, coda e vertebre di coniglio, resine, pianta grassa, occhiali, 40x55x35 cm, 2013

Chunga Wacra
Chunga Wacra
legno, tessuto, alghe, cera, catrame, cemento, grafite bianca, bamboo, palloncini, 150x160x130 cm, 2010/2013

Jonathan Vivacqua
Pappo
grafite su tavola di legno, 37x41x3,5 cm, 2013

T-yong Chung
Senza titolo
ferro, 10x10x70 cm, 2013

Michele Gabriele
Quadro senza titolo, con impronte di T-yong Chung
olio su tela, cemento, coralli, corda, conchiglie, 70x60x30 cm, 2013

Chunga Wacra
Chunga Wacra 2
stampa su plexiglass, marmo di carrara, sabbia, maglioni, 150x200x90 cm, 2010/2013

T-yong Chung, in orbita Michele Gabriele e Jonathan Vivacqua
Impronte
cemento, ferro, conchiglie, gesso, gel, 100x50x100 cm, 2008/2013

Jonathan Vivacqua con sostegni di Michele Gabriele
Coppia di molluschi
catrame, gesso, ferro, vetro, vetro sintetico, pietre, poliuretano espanso ignifugo, smalto acrilico spray e dentifricio, 200x150x30 cm, 2013

T-yong Chung e Jonathan Vivacqua
Mollushi buchi neri
legno, catrame, gesso e mandarino, 50x40x30 cm, 2010/2013

Michele Gabriele
Per il rotto della cuffia
materiali plastici, minerali, zucchero, dimensioni variabili, 2013

opere inserite in
upokeimenon (sott’acque)
a cura di gianluca d’incà levis
in collaborazione con michela lupieri
nuovo spazio espositivo di casso
21 settembre-27 ottobre 2013

news

13 ottobre 2020

  Martedì 13 ottobre 2020, dalle ore 17:00, Dolomiti Contemporanee partecipa alla Web-conference di FEEM Fondazione Eni Enrico Mattei Quale visione di sostenibilità per i territori montani? Voci dal territorio.L’Università degli Studi di Verona, Dipartimento di Scienze
[continua a leggere]

18 luglio 2020

  Dolomiti Contemporanee è una delle Bandiere Verdi del Rapporto Carovana delle Alpi 2020 di Legambiente 2020, che premia “pratiche innovative ed esperienze di qualità ambientale e culturale nei territori montani“.19 le Bandiere assegnate nell’arco
[continua a leggere]

15 aprile 2020

  Mercoledì 15 aprile 2020 Dolomiti Contemporanee partecipa a un incontro in remoto incentrato sul tema della riattivazione dei territori montani e abbandonati. L’incontro fa parte dei Laboratori di innovazione per la rigenerazione di spazi dismessi.Ricerca e incontri
[continua a leggere]

9 aprile 2020

La Casa Editrice Tabacco è partner di Dolomiti Contemporanee dal 2011. La montagna è un ambiente eccezionale, e complesso.Per affrontarla, bisognerebbe conoscerla.A meno che non si pensi d’andarci solo alla “vien come viene”, senza saperne nulla, guidati dal
[continua a leggere]

1 novembre 2019

  Non si interrompe il filo (corda) che lega DC a Palermo: tutta questa croda calda nell’isola, che amiamo. Dal 6 novembre all’8 dicembre 2019 si svolgerà a Palermo Übermauer, la seconda edizione di BAM-Biennale Arcipelago Mediterraneo, con un core program a
[continua a leggere]

22 ottobre 2019

Venerdì 25 ottobre 2019, Dolomiti Contemporanee ospita il workshop Dopo Vaia: agricoltura in montagna e cambiamento climatico.Si tratta di un’iniziativa della Fondazione Dolomiti Unesco in sinergia con Ufficio Biodiversità della Regione Friuli Venezia Giulia.Uno
[continua a leggere]

2 ottobre 2019

Tiziano Contemporaneo: avviamento del progetto al Forte di Monte Ricco a Pieve di Cadore (2017/2019)Tutti lo sanno: Tiziano Vecellio nasce a Pieve di Cadore (Bl), negli ultimi anni del quindicesimo secolo.A maggio 2017, dopo lungo restauro eseguito con il fondamentale sostegno
[continua a leggere]

30 agosto 2019

Michelangelo Penso Vibration tree8 speaker; 80 sezioni di tronco d’abete rosso; 24 voci: 12 testimonianze su Vaia di abitanti del Cadore; 12 interventi di esperti forestali su diversi aspetti legati a Vaia, foresta, clima; 100 metri di cavo; un sistema audio, voce di una
[continua a leggere]

11 luglio 2019

 DC2019 cantieredivaia— To Be Here and There, mostra collettivaa cura di Gianluca D’Incà Levis e Evelyn LeveghiForte di Monte Ricco, Pieve di Cadore (Bl)giugno/settembre 2019 Workshop Stream – arte architettura rigenerazioneForte di Monte Ricco e
[continua a leggere]

6 giugno 2019

Dolomiti Contemporanee prende parte a Musei delle Dolomiti. Venerdí 7 giugno, il nuovo progetto della Fondazione Dolomiti Unesco viene presentato agli operatori museali al Museo Etnografico della Provincia di Belluno, nell’ambito di una tavola rotonda a cui prendono parte il
[continua a leggere]
dc 2017 video
dc 2016 video