recensione francese di “the inner outside (bivouacs)” – le corridor – 03 agosto 2014

scarica

 

traduzione:

“THE INNER OUTSIDE (BIVOUACS) : UN’ESPOSIZIONE SULL’HABITAT E IL RAPPORTO DELL’UOMO ALLA MONTAGNA

Per la quarta edizione di Dolomiti Contemporanee, nel cuore della vecchia scuola di Casso, piccolo villaggio tra le Dolomiti, l’esposizione « the inner outside (bivouacs) » invita dodici artisti a rappresentare il bivacco, piccolo spazio, cellula di riposo, rifugio dopo un’escursione. Le opere, disegni, pitture, sculture, video e installazioni interrogano lo spettatore sul rapporto tra interno ed esterno.
Cristiano Menchini compara il rigore delle rappresentazioni delle carte topografiche della regione delle Dolomiti con dei disegni di vegetali sui bordi. Così questi appaiono a loro volta degli spazi grafici, simboleggiando un luogo protetto. Installata sul soffitto, l’opera di Michelangelo Penso ci lascia immaginare un animale ancestrale. La scultura di Mattia Bosco e la stampa a getto d’inchiostro di Tiziano Martini possono essere messe in relazione. Mattia Bosco propone un pezzo in marmo dove si crea una tensione tra il processo di creazione naturale e la lavorazione della materia, mentre Tiziano Martini espone la gigantografia di una tavola trovata all’interno del Bivacco Grisetti, dove sono rimasti i segni di graffiti, incisioni e colature, testimonianze della presenza di alpinisti.
Giuseppe Abate ha l’opportunità di creare un’installazione all’interno della camera-bivacco permanente. Il secondo piano dell’esposizione è marcato dalla presenza di un’installazione di Filippo Manzini. In equilibrio, incollata al suolo e a due pilastri, l’opera costituisce un’estensione d’architettura. Andrea Grotto, con 24 disegni della serie Walking I/Walking III invita lo spettatore a raccontarsi delle possibili storie. Suggerisce dei bivacchi e un paesaggio, risultato di un’esplorazione e di una passeggiata. È presentato ugualmente un video che mostra la performance “questa sosta non è un orto” di Mario Tomé. Nel 2012, l’artista è entrato in una scatola-bivacco, che ha sospeso al centro di uno spazio nel Palazzo Crepadona di Belluno. Attraverso questo progetto, ha suggerito la trasposizione di un ambiente montano all’interno dello spazio museale.
All’ultimo piano, Giuseppe Abate ha posato una carta divenuta scultura contro un pilastro, per attirare lo sguardo verso la montagna crollata, visibile dalla finestra. Christian Fogarolli, nel suo video Hôtel-Dieu, rappresenta una ricerca compulsiva di oggetti, rivelando un marasma in un luogo che sembra abbandonato.

Curatore: Gianluca D’Incà Levis Esposizione « The inner outside (bivouacs) », visitabile fino al 31 agosto, nello spazio espositivo di Dolomiti contemporanee a Casso, Venezia, Italia.
Dal 12 settembre ci sarà la seconda esposizione « il meteorite in giardino ». Da seguire anche e prossimamente, progetto borca, una piattaforma artistica situata nell’ex-villaggio ENI, a Borca di Cadore, in Veneto.”

 

traduzione a cura di Francesca Giozet
qui l’articolo originale su le Corridor

news

13 ottobre 2020

  Martedì 13 ottobre 2020, dalle ore 17:00, Dolomiti Contemporanee partecipa alla Web-conference di FEEM Fondazione Eni Enrico Mattei Quale visione di sostenibilità per i territori montani? Voci dal territorio.L’Università degli Studi di Verona, Dipartimento di Scienze
[continua a leggere]

18 luglio 2020

  Dolomiti Contemporanee è una delle Bandiere Verdi del Rapporto Carovana delle Alpi 2020 di Legambiente 2020, che premia “pratiche innovative ed esperienze di qualità ambientale e culturale nei territori montani“.19 le Bandiere assegnate nell’arco
[continua a leggere]

15 aprile 2020

  Mercoledì 15 aprile 2020 Dolomiti Contemporanee partecipa a un incontro in remoto incentrato sul tema della riattivazione dei territori montani e abbandonati. L’incontro fa parte dei Laboratori di innovazione per la rigenerazione di spazi dismessi.Ricerca e incontri
[continua a leggere]

9 aprile 2020

La Casa Editrice Tabacco è partner di Dolomiti Contemporanee dal 2011. La montagna è un ambiente eccezionale, e complesso.Per affrontarla, bisognerebbe conoscerla.A meno che non si pensi d’andarci solo alla “vien come viene”, senza saperne nulla, guidati dal
[continua a leggere]

1 novembre 2019

  Non si interrompe il filo (corda) che lega DC a Palermo: tutta questa croda calda nell’isola, che amiamo. Dal 6 novembre all’8 dicembre 2019 si svolgerà a Palermo Übermauer, la seconda edizione di BAM-Biennale Arcipelago Mediterraneo, con un core program a
[continua a leggere]

22 ottobre 2019

Venerdì 25 ottobre 2019, Dolomiti Contemporanee ospita il workshop Dopo Vaia: agricoltura in montagna e cambiamento climatico.Si tratta di un’iniziativa della Fondazione Dolomiti Unesco in sinergia con Ufficio Biodiversità della Regione Friuli Venezia Giulia.Uno
[continua a leggere]

2 ottobre 2019

Tiziano Contemporaneo: avviamento del progetto al Forte di Monte Ricco a Pieve di Cadore (2017/2019)Tutti lo sanno: Tiziano Vecellio nasce a Pieve di Cadore (Bl), negli ultimi anni del quindicesimo secolo.A maggio 2017, dopo lungo restauro eseguito con il fondamentale sostegno
[continua a leggere]

30 agosto 2019

Michelangelo Penso Vibration tree8 speaker; 80 sezioni di tronco d’abete rosso; 24 voci: 12 testimonianze su Vaia di abitanti del Cadore; 12 interventi di esperti forestali su diversi aspetti legati a Vaia, foresta, clima; 100 metri di cavo; un sistema audio, voce di una
[continua a leggere]

11 luglio 2019

 DC2019 cantieredivaia— To Be Here and There, mostra collettivaa cura di Gianluca D’Incà Levis e Evelyn LeveghiForte di Monte Ricco, Pieve di Cadore (Bl)giugno/settembre 2019 Workshop Stream – arte architettura rigenerazioneForte di Monte Ricco e
[continua a leggere]

6 giugno 2019

Dolomiti Contemporanee prende parte a Musei delle Dolomiti. Venerdí 7 giugno, il nuovo progetto della Fondazione Dolomiti Unesco viene presentato agli operatori museali al Museo Etnografico della Provincia di Belluno, nell’ambito di una tavola rotonda a cui prendono parte il
[continua a leggere]
dc 2017 video
dc 2016 video