s. hauser+madame murmure/f. de bon, casso, 2014

Domenica 9 novembre 2014, ore 16.00
Nuovo Spazio di Casso
Sandra Hauser + Fabrizio De Bon 

un’improvvisazione a due, con la quale gli artisti metteranno in rapporto le proprie ricerche sonore, l’una con l’altra (crash?), e con l’ambiente-paesaggio: la performance si svolgerà all’esterno dello Spazio, di fronte al Monte Toc (se piove, dentro).
I musicisti suoneranno e faranno parlare dialogicamente diversi strumenti e oggetti di fronte al Monte Toc. Con: elettroacustica, madame murmure, sega da legno con arco di violino, loop-station,  field recording, noise, costruzione e rottura di tessuti, oggetti comuni.

 

Sandra Hauser e Madame Murmure – Fino alla cima, dell’esaurimento 

sandra hauser suona la sega

Hauser fa suonare lo spazio con gli oggetti reali, e con Madame Murmure, la sua sega per tagliare il legno. La sega, sfiorato con un arco di violino, emette suoni stranianti, rumori, ritmi surreale e onirici, sussurri e grida. Con un microfono a contatto Hauser riprende, oltre la sega, il suono e il ritmo degli oggetti (i propri e quelli che trova nell’ambiente in cui suona), del pavimento e dello spazio intorno a se.
Registrando con una loop-station, esegue, stratificando i livelli sonori gli uni sugli altri, una sorta di scalata, una montagna di ritmi, suoni e frammenti di testi, che cresce da un’atmosfera ariosa, leggera, volatile, dalla pianura, fino ad un riempimento e ad un esaurimento totale, su. La scalata si compie infine sulla cima, satura, del sopportabile. Una camminata anche, che inizia lenta, è diventa più veloce, sempre più veloce fino a trasformarsi in una corsa precipite.
Ritmi (tribali), che spingono sempre più avanti, che premono senza la possibilità della fuga, al confine dell’esaurimento.
La performance è ogni volta una nuova improvvisazione, diversa in ogni spazio, la qualità dello spazio, i denti della performance.
Come nella sua arte visiva, Hauser crea, anche nella performance sonora, un mondo surreale, emozionale e intuitivo, attraverso l’utilizzo della realtà che la circonda, e le opportunità, materiali e concettuali, che essa offre, nella vita e nell’essere (non certo nelle rappresentazioni, che non riguardano l’arte).

 

Fabrizio De Bon 

fabrizio de bonSuona noise da dieci anni, ha eseguito performance in EU, Russia, Giappone, Thailandia, Cambogia e Iran.
E’ attivo anche nel field recording.
Lavora anche, negli ultimi tempi, sull’elettroacustica, utilizzando oggetti e materiali comuni,  per comporre loop e ambientazioni sonore, mescolandoli in alcuni casi con suoni da lui stesso catturati o con altri strumenti suonati real-time.


The acoustic journey 
is surrounded by loops and drones, created real-time with traditional instruments, hand-made electronic devices, magnets and found objects. An ethereal trip that comes out from concrete sounds, to remind us how magnificent is the World we’re living.


ELETTROSMOG
(experimental-noise performance)
Noise is everywhere, we deal with it everyday, most of the time we find it annoying so we try to ignore or avoid it. In some branches of experimental music instead, it finds a primary role in the composition. “Elettrosmog” is the Italian word for pollution made by electromagnetic-radiations. EM-sounds caught with a DIY antenna, processed trough modulations and delays. Crazy oscillators, piezo and pick-up are mangled into heavy distortions, giving that special flavour of old school “harsh noise”. An intensive, interdicting and impressive experience of what “noise” could be.

news

13 ottobre 2020

  Martedì 13 ottobre 2020, dalle ore 17:00, Dolomiti Contemporanee partecipa alla Web-conference di FEEM Fondazione Eni Enrico Mattei Quale visione di sostenibilità per i territori montani? Voci dal territorio.L’Università degli Studi di Verona, Dipartimento di Scienze
[continua a leggere]

18 luglio 2020

  Dolomiti Contemporanee è una delle Bandiere Verdi del Rapporto Carovana delle Alpi 2020 di Legambiente 2020, che premia “pratiche innovative ed esperienze di qualità ambientale e culturale nei territori montani“.19 le Bandiere assegnate nell’arco
[continua a leggere]

15 aprile 2020

  Mercoledì 15 aprile 2020 Dolomiti Contemporanee partecipa a un incontro in remoto incentrato sul tema della riattivazione dei territori montani e abbandonati. L’incontro fa parte dei Laboratori di innovazione per la rigenerazione di spazi dismessi.Ricerca e incontri
[continua a leggere]

9 aprile 2020

La Casa Editrice Tabacco è partner di Dolomiti Contemporanee dal 2011. La montagna è un ambiente eccezionale, e complesso.Per affrontarla, bisognerebbe conoscerla.A meno che non si pensi d’andarci solo alla “vien come viene”, senza saperne nulla, guidati dal
[continua a leggere]

1 novembre 2019

  Non si interrompe il filo (corda) che lega DC a Palermo: tutta questa croda calda nell’isola, che amiamo. Dal 6 novembre all’8 dicembre 2019 si svolgerà a Palermo Übermauer, la seconda edizione di BAM-Biennale Arcipelago Mediterraneo, con un core program a
[continua a leggere]

22 ottobre 2019

Venerdì 25 ottobre 2019, Dolomiti Contemporanee ospita il workshop Dopo Vaia: agricoltura in montagna e cambiamento climatico.Si tratta di un’iniziativa della Fondazione Dolomiti Unesco in sinergia con Ufficio Biodiversità della Regione Friuli Venezia Giulia.Uno
[continua a leggere]

2 ottobre 2019

Tiziano Contemporaneo: avviamento del progetto al Forte di Monte Ricco a Pieve di Cadore (2017/2019)Tutti lo sanno: Tiziano Vecellio nasce a Pieve di Cadore (Bl), negli ultimi anni del quindicesimo secolo.A maggio 2017, dopo lungo restauro eseguito con il fondamentale sostegno
[continua a leggere]

30 agosto 2019

Michelangelo Penso Vibration tree8 speaker; 80 sezioni di tronco d’abete rosso; 24 voci: 12 testimonianze su Vaia di abitanti del Cadore; 12 interventi di esperti forestali su diversi aspetti legati a Vaia, foresta, clima; 100 metri di cavo; un sistema audio, voce di una
[continua a leggere]

11 luglio 2019

 DC2019 cantieredivaia— To Be Here and There, mostra collettivaa cura di Gianluca D’Incà Levis e Evelyn LeveghiForte di Monte Ricco, Pieve di Cadore (Bl)giugno/settembre 2019 Workshop Stream – arte architettura rigenerazioneForte di Monte Ricco e
[continua a leggere]

6 giugno 2019

Dolomiti Contemporanee prende parte a Musei delle Dolomiti. Venerdí 7 giugno, il nuovo progetto della Fondazione Dolomiti Unesco viene presentato agli operatori museali al Museo Etnografico della Provincia di Belluno, nell’ambito di una tavola rotonda a cui prendono parte il
[continua a leggere]
dc 2017 video
dc 2016 video