s. hauser+madame murmure/f. de bon, casso, 2014

Domenica 9 novembre 2014, ore 16.00
Nuovo Spazio di Casso
Sandra Hauser + Fabrizio De Bon 

un’improvvisazione a due, con la quale gli artisti metteranno in rapporto le proprie ricerche sonore, l’una con l’altra (crash?), e con l’ambiente-paesaggio: la performance si svolgerà all’esterno dello Spazio, di fronte al Monte Toc (se piove, dentro).
I musicisti suoneranno e faranno parlare dialogicamente diversi strumenti e oggetti di fronte al Monte Toc. Con: elettroacustica, madame murmure, sega da legno con arco di violino, loop-station,  field recording, noise, costruzione e rottura di tessuti, oggetti comuni.

 

Sandra Hauser e Madame Murmure – Fino alla cima, dell’esaurimento 

sandra hauser suona la sega

Hauser fa suonare lo spazio con gli oggetti reali, e con Madame Murmure, la sua sega per tagliare il legno. La sega, sfiorato con un arco di violino, emette suoni stranianti, rumori, ritmi surreale e onirici, sussurri e grida. Con un microfono a contatto Hauser riprende, oltre la sega, il suono e il ritmo degli oggetti (i propri e quelli che trova nell’ambiente in cui suona), del pavimento e dello spazio intorno a se.
Registrando con una loop-station, esegue, stratificando i livelli sonori gli uni sugli altri, una sorta di scalata, una montagna di ritmi, suoni e frammenti di testi, che cresce da un’atmosfera ariosa, leggera, volatile, dalla pianura, fino ad un riempimento e ad un esaurimento totale, su. La scalata si compie infine sulla cima, satura, del sopportabile. Una camminata anche, che inizia lenta, è diventa più veloce, sempre più veloce fino a trasformarsi in una corsa precipite.
Ritmi (tribali), che spingono sempre più avanti, che premono senza la possibilità della fuga, al confine dell’esaurimento.
La performance è ogni volta una nuova improvvisazione, diversa in ogni spazio, la qualità dello spazio, i denti della performance.
Come nella sua arte visiva, Hauser crea, anche nella performance sonora, un mondo surreale, emozionale e intuitivo, attraverso l’utilizzo della realtà che la circonda, e le opportunità, materiali e concettuali, che essa offre, nella vita e nell’essere (non certo nelle rappresentazioni, che non riguardano l’arte).

 

Fabrizio De Bon 

fabrizio de bonSuona noise da dieci anni, ha eseguito performance in EU, Russia, Giappone, Thailandia, Cambogia e Iran.
E’ attivo anche nel field recording.
Lavora anche, negli ultimi tempi, sull’elettroacustica, utilizzando oggetti e materiali comuni,  per comporre loop e ambientazioni sonore, mescolandoli in alcuni casi con suoni da lui stesso catturati o con altri strumenti suonati real-time.


The acoustic journey 
is surrounded by loops and drones, created real-time with traditional instruments, hand-made electronic devices, magnets and found objects. An ethereal trip that comes out from concrete sounds, to remind us how magnificent is the World we’re living.


ELETTROSMOG
(experimental-noise performance)
Noise is everywhere, we deal with it everyday, most of the time we find it annoying so we try to ignore or avoid it. In some branches of experimental music instead, it finds a primary role in the composition. “Elettrosmog” is the Italian word for pollution made by electromagnetic-radiations. EM-sounds caught with a DIY antenna, processed trough modulations and delays. Crazy oscillators, piezo and pick-up are mangled into heavy distortions, giving that special flavour of old school “harsh noise”. An intensive, interdicting and impressive experience of what “noise” could be.

news

22 maggio 2024

Borca di Cadore, spitta.–Maggio 2024 In questi giorni Dolomiti Contemporanee ospita all’ex Villaggio Eni di Borca di Cadore, in Progettoborca, gli studenti e alcuni tutor del corso MA POST dell’Art Academy of Latvia di Riga, Lettonia.L’incontro nasce dal desiderio
[continua a leggere]

22 aprile 2024

  Cronache d’attualità.Sarà pur chiaro come quella di paesaggio non sia una definizione inchiodata, perchè il paesaggio non è un’ente che cerchi una rappresentazione univoca, ma una permanente trasformazione d’ambito?
Nessun paesaggio è dunque
[continua a leggere]

18 aprile 2024

Stasera, giovedì 18 aprile 2024, torniamo all’M9 di Mestre, grazie a Simone Sfriso e alla Fondazione Architetti APPC di Venezia per l’invito nella rassegna Paralleli: Architettura è…Alle ore 18.00, Gianluca D’Incà Levis, curatore di Dolomiti Contemporanee,
[continua a leggere]

16 novembre 2023

Foresta Aliena/Alien Forest – La mostra con Portsmouth al Nuovo Spazio di Casso al Vajont, agosto/dicembre 2023 – Foto Chiara Beretta. — Anche quest’anno prosegue la collaborazione tra Dolomiti Contemporanee e la Scuola di Architettura di Portsmouth –
[continua a leggere]

12 luglio 2023

Assemblea Supercondominio 4, 2022, Foto Andrea Guermani – Sabato 15 e domenica 16 luglio 2023, Dolomiti Contemporanee partecipa Oltre la soglia assoluta, quinta edizione di Supercondominio, 
L’assemblea degli spazi e dei progetti italiani d’arte contemporanea che
[continua a leggere]

22 giugno 2023

  Dolomiti Contemporanee è nel volume THE LAST GRAND TOUR – Contemporary phenomena and strategies of living in Italy, curato da MICHAEL OBRIST (feld72) & ANTONIETTA PUTZU, e pubblicato a giugno 2023 da Park Books.[...] Per gran parte del XVI secolo fino
[continua a leggere]

6 febbraio 2023

Venerdì 10 e domenica 12 febbraio 2023: una delle ultime occasioni per visitare la mostra  Who Killed Bambi? a Casso. Poi la smontiamo, e ne facciamo un’altra?Orari di apertura:venerdì 10, dalle ore 10:00 alle 12:00 e dalle 15:00 alle 18:00domenica 12, dalle ore 10:00
[continua a leggere]

28 gennaio 2023

  Giovedì 2 febbraio 2023 DC partecipa all’incontro intitolato: Gli impianti sportivi della VII Olimpiade invernale 1956. Ore 18:00, Ciasa de Ra Regoles – Cortina d’Ampezzo. L’incontro, organizzato da Italia Nostra, vede la partecipazione di
[continua a leggere]

18 settembre 2022

Dolomiti Contemporanee aderisce alla 18esima giornata amaci del contemporaneoSABATO 8 OTTOBRE 2022 Nuovo Spazio di Casso al VajontWho Ate Bambi?che è dentro a Who Killed Bambi? In occasione della giornata AMACI del Contemporaneo Dolomiti Contemporanee propone questo menù:la
[continua a leggere]

21 maggio 2022

Nella sola ultima settimana di maggio 2022, Dolomiti Contemporanee partecipa a quattro tra Convegni, Corsi di alta formazione, incontri con gruppi di ricerca. Sono tutte occasioni, queste, in cui raccontiamo le progettualità, l’approccio ed i principali cantieri di DC,
[continua a leggere]
dc 2017 video
dc 2016 video