7 dicembre, dc al teatro olimpico di vicenza per il bicentenario di lanerossi

Dolomiti Contemporanee partecipa alla Tornata accademica (Convegno di studio) Lanerossi, storia ed eredità di una grande impresa, che si svolge nell’Odeo del Teatro Olimpico di Vicenza giovedì 7 dicembre 2017.
Il Convegno è un’iniziativa dell’Accademia Olimpica di Vicenza.
L’evento è aperto al pubblico.

Ricordiamo che il 2017 è l’anno del bicentenario di Lanerossi, storica azienda vicentina che oggi fa parte del Gruppo Marzotto.





Lanerossi, storia ed eredità di una grande impresa.

Convegno di studio per il bicentenario della fondazione - 1817/2017

Vicenza – Odeo del Teatro Olimpico
Giovedì 7 dicembre 2017 – ore 16.30

Nella ricorrenza dei 200 anni dalla fondazione del Lanificio Rossi di Schio, con questo convegno l’Accademia Olimpica invita a ripensare la lunga storia e la straordinaria eredità di una grande impresa che ha segnato profondamente l’economia e la società del Vicentino, partecipando da protagonista alla modernizzazione dell’industria italiana ed europea.

Innestandosi sulla plurisecolare tradizione laniera scledense, il Lanificio Rossi, fondato nel 1817 da Francesco Rossi (1782-1845), divenne nel corso dell’Ottocento il motore dello sviluppo e delle trasformazioni territoriali che mutarono sia le condizioni di vita e di lavoro che il paesaggio urbano del Vicentino. La Società anonima, creata nel 1873 da Alessandro Rossi (1819-1898), eccezionale figura di capitano d’industria, leader politico ed “ingegnere sociale”, era la maggiore impresa italiana del tempo per dimensioni, capitali e addetti. Vi faceva capo una rete di fabbriche, canali, centrali e ferrovie, villaggi e quartieri operai, residenze padronali, scuole, istituzioni per l’educazione e l’istruzione tecnica, per il tempo libero e il culto, considerate un modello in Italia e all’estero. L’espansione e diversificazione delle sue attività tra Otto-Novecento avrebbe radicato una cultura che è alla base della spiccata vocazione industriale del Vicentino, perdurata fino ad oggi.

Grazie all’apporto dei maggiori specialisti in materia e di un protagonista di primissimo piano dell’industria di Stato italiana, il convegno tratteggerà le tappe evolutive della Lanerossi dalle sue origini fino alla stagione pubblica nell’ENI, valorizzando un’immensa eredità materiale e immateriale, che può dare impulso a nuovi processi di diversificazione economica e di sviluppo culturale e sociale.
Gaetano Thiene – Presidente dell’Accademia Olimpica

Dolomiti Contemporanee con Progettoborca e Pblab sul rebranding Lanerossi 

Dolomiti Contemporanee chiude il Convegno, con l’intervento di Gianluca D’Incà Levis, che farà seguito agli interventi storici accademici, e che presenterà un esempio di rebranding legato a Lanerossi.
All’interno della piattaforma di Progettoborca, attivata nel 2014 da Dolomiti Contemporane sull’ex Villaggio Eni di Corte di Cadore insieme  alla società proprietaria Minoter, si lavora alla rigenerazione di questo sito eccezionale, patrimonio culturale d’ognuno.
Il Villaggio è l’opera magistrale con cui l’architetto Edoardo Gellner trasformò in realtà l’innovativo programma sociale di Enrico Mattei
Esso è oggi, con Progettoborca, una seminale cantiere di riattivazione, che smuove i sedimenti di questa immaginifica cava culturale, a cui si attinge, attraverso la sensibilità critica e gli strumenti del contemporaneo, per riprocessare storie e prodotti significativi,  ideati da molte delle più grandi e innovative aziende italiane degli anni ’50 (Pirelli, Fantoni, Flos, Krupp).
Tra queste, vi fu senza dubbio Lanerossi, che intrecciò profondamente la propria vicenda, culturale e d’azienda, con quella di Eni.
Le coperta originali con il cane e sei zampe furono prodotte allora proprio nelle fabbriche rossiane.
Esse sono oggi al centro di un’opera creativa di rebranding, che, nei laboratori attivati nell’ex Colonia di Borca, trasforma gli iconici oggetti originali in opera d’arte e progetti di fashion-design. Come nel caso del PbLab, di Anna Poletti e Giorgio Tollot. O nel progetto coperta. O nel progetto Obsolete-studio di Matteo Valerio e Sofia Bonato.
Le coperte Lanerossi originali, assieme ad altre stoffe e tessuti rinvenuti nella Colonia, costituiscono dunque i materiali principali di allora, che vengono reinterpretati oggi dagli artisti. Lanerossi apprezza e favorisce questa pratica di ricerca sperimentale, attraverso la fornitura di nuovi tagli e lane che entrano nella composizione dei pezzi unici realizzati a mano, e con vecchie macchine utensili rigenerate, nel cantiere di Borca.

 

 

PROGRAMMA del 7 dicembre, dalle ore 16.30

Saluto:
Gaetano Thiene, presidente dell’Accademia Olimpica

Moderatore:
Giovanni Luigi Fontana, presidente della Classe di Diritto economia e amministrazione

Interventi:

Edoardo Demo, accademico olimpico

Una vocazione manifatturiera di lunghissima durata: il lanificio nel Vicentino prima dei Rossi di Schio

Giovanni Luigi Fontana, presidente della Classe di Diritto economia e amministrazione

La costruzione di una grande impresa: dalle origini all’Anonima Lanificio Rossi

Emilio Franzina, presidente della Classe di Lettere e arti

Alessandro Rossi protagonista dell’economia e della politica del secondo Ottocento

Vittorio Mincato, accademico olimpico

La Lanerossi nell’ENI

Gianluca D’Incà Levis, Dolomiti contemporanee – Progettoborca

Continuità storica, rebranding e fashion-design: le coperte Lanerossi riprocessate da Anna Poletti e Giorgio Tollot con Dolomiti Contemporanee

Immagini nel post:
1.   logo dell’accademia olimpica di vicenza
2.  Nel mosaico, alcune foto di Giacomo De Donà su PbLab

 

 

news

6 novembre 2017

Il 31 ottobre 2017 si è chiusa definitivamente Fuocoapaesaggio, la mostra con cui, il 20 maggio scorso, si è inaugurato il Forte Monte Ricco a Pieve di Cadore. Qui di seguito, alcune considerazioni del curatore di Dolomiti Contemporanee, Gianluca D’Incà Levis, che
[continua a leggere]

26 ottobre 2017

Giovedì 28 dicembre 2017, dalle ore 17.00 alle ore 20.00, si svolgerà presso il Nuovo Spazio di Casso al Vajont un round table aperto agli artisti, nel corso della quale si discuterà sui progetti realizzati e avviati nel 2017 nei siti di Casso, Borca di Cadore e Piave di
[continua a leggere]

4 ottobre 2017

Dolomiti Contemporanee al Rifugio MarcesinaSabato 7 ottobre, ore 15.00 Rifugio Marcesina, Enego (Vi) Alcuni uomini albergano in sé, come elementi organici o culturali, parti d’orso, di lupo, di cervo. Così finalmente possono correre per i boschi e per le crode,
[continua a leggere]

30 settembre 2017

Casa Cametti a Vitorchiano (Viterbo) Complesso di Sant’Agnese Opening 30 settembre 2017, ore 15.00 Una selezione di video relativi all’esperienza di Simone Cametti alla Colonia di Borca di Cadore con Casa Cametti va in mostra a Vitorchiano, dal 30 settembre al 5
[continua a leggere]

25 agosto 2017

Campo di fiamma performance di suono, pittura e fuoco Venerdì 25 agosto, Forte di Monte Ricco, Pieve di Cadore (Bl) dalle ore 18.00 alle ore 19.30 Dafish + Miglietta (Anterra) + Andrea Visentini a cura di Dolomiti Contemporanee Venerdì 25 agosto 2017, dalle ore 18.00 alle
[continua a leggere]

17 agosto 2017

  Nessun paesaggio preesiste all’uomo: uomo e ambiente sono profondamente interconnessi. Il paesaggio non vive dunque di sé stesso, ma delle pratiche che l’uomo vi attiva, abitandolo e costruendolo ogni giorno. Smach, Costellazione di arte, cultura e storia nelle
[continua a leggere]

11 luglio 2017

Tra le numerose attività artistiche, culturali e d’innovazione coltivate dal 2014 dell’ex Villaggio Eni di Corte di Cadore attraverso la piattaforma di Progettoborca, molte hanno carattere laboratoriale e sperimentale. Nell’estate 2016, Dolomiti Contemporanee
[continua a leggere]

5 luglio 2017

Anche per l’estate 2017, Dolomiti Contemporanee e Minoter garantiscono la possibilità di visitare la Colonia ed alcune altre strutture dell’ex Villaggio Eni di Corte di Cadore. I visitatori, accompagnati dal personale di Progettoborca, potranno percorrere gli spazi
[continua a leggere]

25 giugno 2017

Parlano gli uomini, e s’incontrano, nella pratica della cura e dell’arte.Quando siamo arrivati al Forte di Monte Ricco, e abbiamo visto il restauro, abbiamo pensato subito: di certo un artista prenderà le scritte da questi muri, le farà proprie, le farà vivere ancora,
[continua a leggere]

21 giugno 2017

Il progetto di Alessandro Sambini in Fuocoapaesaggio è Grand Tour. Sabato 24 giugno 2017, il processo estetico e sociale e culturale e pittorico e metapoietico innescato da Sambini muoverà ancora lo Spazio del Forte, che gli artisti in Residenza continuano a modificare,
[continua a leggere]
dc 2017 video
dc 2016 video