Luka Širok/A mass of Titian curls

Luka Širok

A mass of Titian curls, tre opere in carboncino nero, diluente nitro, acrilico, PVC plastica, 100×100 cm; scultura in filo elettrico in resina, dimensioni variabili, 2018

Luka Širok accetta la sfida di Tiziano Contemporaneo, lo studia attentamente, lo interpreta personalmente (scienza del vortice, sguardo che scava).
I soggetti nervosi dei tre quadri grafici (carboncino, nitro acrilico su pvc su supporto plastico), non hanno a che fare con Tiziano: supporto industriale, una cauta, opportuna, distanza iconografica.
Ma la tecnica impiegata vi si riferisce, esasperando un dato noto, come in una circonvoluzione introversa, kubiniana, linea dinamica d’ingarbuglio.
I lavori si ispirano principalmente ad alcuni elementi che divengono la base del progetto: l’uso del colore ed il gesto violento, la luce, l’innovatività drammatica dell’ultima produzione di Tiziano.
Quella massa indistinta di colori, che Tiziano gettava quasi sulla tela, e servivano a far letto…che facevano comparire in quattro pennellate la promessa di una rara figura.
Questa tecnica furibonda e sorprendente, intuitiva e veloce e grafica, dell’abbozzo, che fan dire la frase campale: Tiziano non dipinge quasi mai alla prima.
Senza cura apparente, il raptus dell’organizzazione fulminante, senza più concentrazione per la definizione, via i contorni.
Una sorta di vanificazione dell’accademia, un impulso vorace (ed attento) d’energia gestuale, che prelude ad ogni esperienza pittorica riformulativa, all’informale d’ogni secolo, allo scompaginamento del canone e della costruzione misurata.
Ecco la massa dei ricci di Tiziano, che sono schegge in continuità, linee veloci (un’unica linea ininterrotta, infinita, ad ammassar le masse) slanciate a coprire i fondi quieti, l’intreccio di filamento connettivo, lo scheletro grafico della forma brulicata, lo sprezzo del rigor canonico, l’esplosione dei raggi curvi, che tessono una trama sottesa, che vien dal ventre dell’uomo.
Anche se, d’altronde, si dice pure che Tiziano appendeva le sue veneri alle nuvole del Cadore.

opera in:
brain-tooling
a cura di gianluca d’incà levis, riccardo caldura, petra cason
forte di monte ricco
30 giugno – 30 ottobre 2018
news

16 novembre 2023

Foresta Aliena/Alien Forest – La mostra con Portsmouth al Nuovo Spazio di Casso al Vajont, agosto/dicembre 2023 – Foto Chiara Beretta. — Anche quest’anno prosegue la collaborazione tra Dolomiti Contemporanee e la Scuola di Architettura di Portsmouth –
[continua a leggere]

12 luglio 2023

Assemblea Supercondominio 4, 2022, Foto Andrea Guermani – Sabato 15 e domenica 16 luglio 2023, Dolomiti Contemporanee partecipa Oltre la soglia assoluta, quinta edizione di Supercondominio, 
L’assemblea degli spazi e dei progetti italiani d’arte contemporanea che
[continua a leggere]

22 giugno 2023

  Dolomiti Contemporanee è nel volume THE LAST GRAND TOUR – Contemporary phenomena and strategies of living in Italy, curato da MICHAEL OBRIST (feld72) & ANTONIETTA PUTZU, e pubblicato a giugno 2023 da Park Books.[...] Per gran parte del XVI secolo fino
[continua a leggere]

6 febbraio 2023

Venerdì 10 e domenica 12 febbraio 2023: una delle ultime occasioni per visitare la mostra  Who Killed Bambi? a Casso. Poi la smontiamo, e ne facciamo un’altra?Orari di apertura:venerdì 10, dalle ore 10:00 alle 12:00 e dalle 15:00 alle 18:00domenica 12, dalle ore 10:00
[continua a leggere]

28 gennaio 2023

  Giovedì 2 febbraio 2023 DC partecipa all’incontro intitolato: Gli impianti sportivi della VII Olimpiade invernale 1956. Ore 18:00, Ciasa de Ra Regoles – Cortina d’Ampezzo. L’incontro, organizzato da Italia Nostra, vede la partecipazione di
[continua a leggere]

18 settembre 2022

Dolomiti Contemporanee aderisce alla 18esima giornata amaci del contemporaneoSABATO 8 OTTOBRE 2022 Nuovo Spazio di Casso al VajontWho Ate Bambi?che è dentro a Who Killed Bambi? In occasione della giornata AMACI del Contemporaneo Dolomiti Contemporanee propone questo menù:la
[continua a leggere]

21 maggio 2022

Nella sola ultima settimana di maggio 2022, Dolomiti Contemporanee partecipa a quattro tra Convegni, Corsi di alta formazione, incontri con gruppi di ricerca. Sono tutte occasioni, queste, in cui raccontiamo le progettualità, l’approccio ed i principali cantieri di DC,
[continua a leggere]

16 maggio 2022

  Dolomiti Contemporanee prende parte al programma del Nouveau Grand Tour, progetto culturale figlio del Trattato del Quirinale, firmato dai Presidenti Macron e Draghi a novembre 2021.Il patto punta a rafforzare le relazioni tra Italia e Francia in diversi settori, in un
[continua a leggere]

9 maggio 2022

Stefano Cagol partecipa al Secondo Forum di Cultura dei Cambiamenti Climatici, cocurato da DC, Belluno, 8 giugno 2022. Stefano Cagol è un artista contemporaneo originario del Trentino Südtirol e attivo soprattutto all’estero tra Norvegia, Belgio e mondo tedesco, le cui
[continua a leggere]

7 maggio 2022

trampolino Italia cortina d’ampezzo – un gruppo di lavoro e un’idea di rete per rigenerare la struttura, ripensandone l’uso. Il Trampolino Italia è il grande simbolo di Cortina d’Ampezzo, dalle Olimpiadi del 1956.Oltre sessant’anni dopo, è
[continua a leggere]
dc 2017 video
dc 2016 video