giorgia severi/to everyone


Giorgia Severi
To everyone
installazione, masso da 3.000 kg, incavato, 140x105x120 cm, 2012

L’opera è nata dal sentimento di voler conservare e raccogliere l’acqua proveniente da un’ infiltrazione del tetto. Quando sono arrivata nel blocco di Taibon, la pioggia battente provocava una perdita che dalle lamiere del tetto penetrava inesorabile nello spazio, caratterizzandolo. Ho allora pensato fosse prezioso conservare questo componenete naturale considerandolo una risorsa. Questo elemento, concretamente importante per la natura e di conseguenza per l’essere umano, con valenza spirituale e simbolica in ogni cultura è diventata pertanto la protagonista di quest’opera. Un grande masso di dolomia con un incavo raccoglie ed accoglie questa risorsa preziosa, viene in soccorso alla natura perché non vada persa e crea un luogo di incontro, una fonte (l’arte va a preservare qualcosa che potrebbe essere perso). Perché la pietra? La pietra, proveniente dalle Dolomiti, pietra dolomia, è in stretto collegamento con il territorio ma soprattutto con l’origine dell’arte: è infatti nel paleolitico ( dal greco palaios, “antico”, e lithos, “pietra”, ossia età “della pietra antica”), nelle caverne che ebbe origine l’arte. È lì che ebbe inizio tutto. Dove l’essere umano ha avuto per la prima volta l’esigenza di comunicare, estroflettere forme e significare le cose. L’ operazione artistica dell’uomo primitivo, era strettamente legata al culto, era un rito propiziatorio, una questione spitituale (come lo è stato per molto tempo) e una “necessità interiore” come diceva Kandinskij. La mostra ha come titolo “e l’uomo non è una felce”. Appunto l’uomo fa parte della natura ma è diverso da piante e animali. L’acqua è il nutrimento per la vita e l’arte il nutrimento per la cultura. L’uomo senza cultura è come il bosco come quando non piove; anche i popoli tribali fanno arte, pur essendo a stretto contatto con la natura. Arte legata al rito, alla mistificazione, alla venerazione, ma è sempre arte, anzi, è proprio quella dove risiedono le forme primigenie ed archetipiche perché l’arte parla un linguaggio universale da cui noi ora traiamo ispirazione. L’opera, “to everyone”, raccoglie l’acqua che si sarebbe potuta disperdere, creando un abbeveratoio, una fonte, per tutti. L’acqua è una risorsa vitale e l’azione che ho voluto fare è stata proprio quella di “preservarla” e renderla condivisibile. Quando non pioverà l’abbeveratoio pian piano si vuoterà, a significare, appunto, la reale siccità, poiché senza acqua non si può bere e senza cultura rimane solo aridità. giorgia severi la fabbrica è questo luogo dunque, fortino, serraglio, avamposto, che spinge se stessa con forza e pressione dall’interno e fa una bolla a perpendicolo, che pare un contrario di natura, e la natura sembra precipitarvi dentro, per schiacciarla, e la fabbrica sembra oppo rre a quest’aggressione le proprie linee rette, opporle agli scomposti spigoli rocciosi erosi che tutt’intorno sembrerebbero voler precipitare a frangersi sugli shed sottili scintillanti del tetto, che infatti la pressione d’ambiente (psicologica-litica) li fa scricchiolare, muovere, gli shed, ed è così che alcuni agenti di natura (alberi liquidi, acque a goccia o macchia), riescono a penetrare, scivolandovi dentro, per pertugi, invadendola, abbeverandola. e quest’azione invasiva non va contrastata, altrimenti, perchè saremmo venuti qui? infatti, l’acqua entra, e fiorisce i muri. una di queste gocce, persistente, era ben precisa, stillicidio, metronomo. una perdita? una presa. “to everyone” è sorto sotto a questa goccia penetrante, inarrestabile. il masso di 3.000 chilogrammi, selezionato tra venti, in due giorni di pelustrazioni da giorgia, val di san lucano, val corpassa, greto del cordevole. poi sollevato e portato dentro, e carezzato dolcemente, col martello pneumatico, fino a farne un oggetto di captazione, scolpito l’orlo dell’incavo, altro spazio d’azione che non è una felce, il masso da presa, duro ma accoglie, e ora la goccia lo bagna e lo riempie, lago di montagna, in vitro, e il meccanismo è bellissimo, e vien da berne (non farlo sotto all’acqua al rame di luigi leaci).

Opera inserita in
e l’uomo non è una felce
a cura di gianluca d’incà levis
Blocco di Taibon, APL 10
21 settembre – 22 ottobre 2012

news

16 novembre 2023

Foresta Aliena/Alien Forest – La mostra con Portsmouth al Nuovo Spazio di Casso al Vajont, agosto/dicembre 2023 – Foto Chiara Beretta. — Anche quest’anno prosegue la collaborazione tra Dolomiti Contemporanee e la Scuola di Architettura di Portsmouth –
[continua a leggere]

12 luglio 2023

Assemblea Supercondominio 4, 2022, Foto Andrea Guermani – Sabato 15 e domenica 16 luglio 2023, Dolomiti Contemporanee partecipa Oltre la soglia assoluta, quinta edizione di Supercondominio, 
L’assemblea degli spazi e dei progetti italiani d’arte contemporanea che
[continua a leggere]

22 giugno 2023

  Dolomiti Contemporanee è nel volume THE LAST GRAND TOUR – Contemporary phenomena and strategies of living in Italy, curato da MICHAEL OBRIST (feld72) & ANTONIETTA PUTZU, e pubblicato a giugno 2023 da Park Books.[...] Per gran parte del XVI secolo fino
[continua a leggere]

6 febbraio 2023

Venerdì 10 e domenica 12 febbraio 2023: una delle ultime occasioni per visitare la mostra  Who Killed Bambi? a Casso. Poi la smontiamo, e ne facciamo un’altra?Orari di apertura:venerdì 10, dalle ore 10:00 alle 12:00 e dalle 15:00 alle 18:00domenica 12, dalle ore 10:00
[continua a leggere]

28 gennaio 2023

  Giovedì 2 febbraio 2023 DC partecipa all’incontro intitolato: Gli impianti sportivi della VII Olimpiade invernale 1956. Ore 18:00, Ciasa de Ra Regoles – Cortina d’Ampezzo. L’incontro, organizzato da Italia Nostra, vede la partecipazione di
[continua a leggere]

18 settembre 2022

Dolomiti Contemporanee aderisce alla 18esima giornata amaci del contemporaneoSABATO 8 OTTOBRE 2022 Nuovo Spazio di Casso al VajontWho Ate Bambi?che è dentro a Who Killed Bambi? In occasione della giornata AMACI del Contemporaneo Dolomiti Contemporanee propone questo menù:la
[continua a leggere]

21 maggio 2022

Nella sola ultima settimana di maggio 2022, Dolomiti Contemporanee partecipa a quattro tra Convegni, Corsi di alta formazione, incontri con gruppi di ricerca. Sono tutte occasioni, queste, in cui raccontiamo le progettualità, l’approccio ed i principali cantieri di DC,
[continua a leggere]

16 maggio 2022

  Dolomiti Contemporanee prende parte al programma del Nouveau Grand Tour, progetto culturale figlio del Trattato del Quirinale, firmato dai Presidenti Macron e Draghi a novembre 2021.Il patto punta a rafforzare le relazioni tra Italia e Francia in diversi settori, in un
[continua a leggere]

9 maggio 2022

Stefano Cagol partecipa al Secondo Forum di Cultura dei Cambiamenti Climatici, cocurato da DC, Belluno, 8 giugno 2022. Stefano Cagol è un artista contemporaneo originario del Trentino Südtirol e attivo soprattutto all’estero tra Norvegia, Belgio e mondo tedesco, le cui
[continua a leggere]

7 maggio 2022

trampolino Italia cortina d’ampezzo – un gruppo di lavoro e un’idea di rete per rigenerare la struttura, ripensandone l’uso. Il Trampolino Italia è il grande simbolo di Cortina d’Ampezzo, dalle Olimpiadi del 1956.Oltre sessant’anni dopo, è
[continua a leggere]
dc 2017 video
dc 2016 video