La cura dello sguardo – Museo Rinaldo Zardini – 3.08-1.09 2013 (prorogata fino al 29.09)

La cura dello sguardo_Cortina_flyerLa cura dello sguardo

 

a cura di Gianluca D’Incà Levis/Elisa Decet
in collaborazione con i Musei delle Regole di Cortina d’Ampezzo
3 agosto – 1 settembre 2013
prorogata fino al 29 settembre
Museo Paleontologico “Rinaldo Zardini”


inaugurazione sabato 3 agosto ore 18.30

 

 

 

 

#curadellosguardo

Artisti: Gabriele Grones, Patte Loper, Elena Mazzi, Valentina Merzi, Maria Francesca Tassi

 
Per il secondo anno consecutivo, Dolomiti Contemporanee e i Musei delle Regole d’Ampezzo tornano a collaborare, con l’esposizione La cura dello sguardo presso il Museo Paleontologico. I temi di questa mostra sono connessi a diversi aspetti dell’identità del territorio montano, e alle sue pratiche umane-sociali-antropiche. All’interno di questa prospettiva culturale si attua una riflessione sulla dimensione contemporanea della natura e dell’ambiente, com’è nel concept generale di DC013. Lavorare alla costruzione di nuove immagini di natura contemporanea significa rifiutare il proliferare dei cliché propri di una natura intesa in modo stereotipo. In questo senso parliamo volentieri di verticalità d’approccio, di climbing attitudes. Con tali espressioni si intende sottolineare come la pratica culturale (e fisica) della montagna, e la sua riflessione su di essa, siano fatte di ricerca ed esplorazione, e procedano per azioni e picchi, e non per apologie acritiche e contemplatività nostalgiche. Non si guarda (esclusivamente) alla montagna del passato: si dà un contributo alla codificazione di una montagna contemporanea. Il Museo Paleontologico è luogo estremamente adatto a sottolineare il connubio fra cultura e ambiente, tradizione e innovazione. E’ il custode delle origini della bellezza della Conca Ampezzana, e il testimone del lavoro di chi, come Rinaldo Zardini, ne ha saputo cogliere le profonde implicazioni. Gli artisti hanno dunque la possibilità di confrontarsi con un’istituzione ben radicata sul territorio e con la sua ricchezza culturale-paesaggistica. Il tutto finalizzato al mettere in dialogo una collezione che continua ad arricchirsi con nuovi ritrovamenti e la sperimentazione di artisti contemporanei, la cui ricerca si basa sulla reinterpretazione innovativa della nostra società. Il tema centrale è la paleontologia, intesa non solo dal punto di vista scientifico ma anche per quanto attiene le implicazioni storico-culturali. Il territorio come forgiatore di culture, la cultura come risorsa del territorio. Le climbing attitudes sono quelle attitudini fatte di tensioni che portano l’uomo a muoversi ed esplorare lo spazio creando una modalità della verticalità. Questa inclinazione è condivisa da artista e alpinista: un bisogno volto alla ricerca e alla reinterpretazione del mondo che li circonda. Una spinta verso l’alto intesa come punto a cui anelare (non necessariamente da raggiungere), per liberarsi dalla mera costrizione dell’umano immobilismo/dell’orizzontalità umana. Proprio per sottolineare questa forte e reciproca interconnessione uomo-territorio, la presenza degli artisti a Cortina si concretizza anche attraverso una Residenza, a cui prendono parte Elena Mazzi e Valentina Merzi, due artisti della Fondazione Bevilacqua La Masa. La partnership tra il Museo Mario Rimoldi e Dolomiti Contemporanee, ha portato quest’anno ad un altro risultato. Negli ultimi due anni, il Museo Rimoldi ha inaugurato una nuova linea, riservando attenzione e spazio al Contemporaneo. Il progetto di collaborazione con DC prevede che le opere di alcuni degli artisti che partecipano alle esposizioni in programma, vengano selezionate, per entrare nella Collezione permanente del Rimoldi. In tal modo, la politica di acquisizione d’opere del Museo si apre concretamente al Contemporaneo.

Patrocini: Fondazione Dolomiti Unesco, Fondazione Bevilacqua La Masa Venezia

Collaborazioni: Museo d’Arte Moderna Mario Rimoldi

Gallerie: The Flat – Massimo Carasi Milano

news

15 aprile 2020

  Mercoledì 15 aprile 2020 Dolomiti Contemporanee partecipa a un incontro in remoto incentrato sul tema della riattivazione dei territori montani e abbandonati. L’incontro fa parte dei Laboratori di innovazione per la rigenerazione di spazi dismessi.Ricerca e incontri
[continua a leggere]

9 aprile 2020

La Casa Editrice Tabacco è partner di Dolomiti Contemporanee dal 2011. La montagna è un ambiente eccezionale, e complesso.Per affrontarla, bisognerebbe conoscerla.A meno che non si pensi d’andarci solo alla “vien come viene”, senza saperne nulla, guidati dal
[continua a leggere]

1 novembre 2019

  Non si interrompe il filo (corda) che lega DC a Palermo: tutta questa croda calda nell’isola, che amiamo. Dal 6 novembre all’8 dicembre 2019 si svolgerà a Palermo Übermauer, la seconda edizione di BAM-Biennale Arcipelago Mediterraneo, con un core program a
[continua a leggere]

22 ottobre 2019

Venerdì 25 ottobre 2019, Dolomiti Contemporanee ospita il workshop Dopo Vaia: agricoltura in montagna e cambiamento climatico.Si tratta di un’iniziativa della Fondazione Dolomiti Unesco in sinergia con Ufficio Biodiversità della Regione Friuli Venezia Giulia.Uno
[continua a leggere]

2 ottobre 2019

Tiziano Contemporaneo: avviamento del progetto al Forte di Monte Ricco a Pieve di Cadore (2017/2019)Tutti lo sanno: Tiziano Vecellio nasce a Pieve di Cadore (Bl), negli ultimi anni del quindicesimo secolo.A maggio 2017, dopo lungo restauro eseguito con il fondamentale sostegno
[continua a leggere]

30 agosto 2019

Michelangelo Penso Vibration tree8 speaker; 80 sezioni di tronco d’abete rosso; 24 voci: 12 testimonianze su Vaia di abitanti del Cadore; 12 interventi di esperti forestali su diversi aspetti legati a Vaia, foresta, clima; 100 metri di cavo; un sistema audio, voce di una
[continua a leggere]

11 luglio 2019

 DC2019 cantieredivaia— To Be Here and There, mostra collettivaa cura di Gianluca D’Incà Levis e Evelyn LeveghiForte di Monte Ricco, Pieve di Cadore (Bl)giugno/settembre 2019 Workshop Stream – arte architettura rigenerazioneForte di Monte Ricco e
[continua a leggere]

6 giugno 2019

Dolomiti Contemporanee prende parte a Musei delle Dolomiti. Venerdí 7 giugno, il nuovo progetto della Fondazione Dolomiti Unesco viene presentato agli operatori museali al Museo Etnografico della Provincia di Belluno, nell’ambito di una tavola rotonda a cui prendono parte il
[continua a leggere]

23 maggio 2019

DC partecipa all’incontro: Le pratiche artistiche e culturali come cura delle fragilità dei luoghi e delle persone, che si svolge domenica 26 maggio 2019, ore 15.00, Palazzo delle Esposizioni, Roma. Intervengono: Claudio Bocci, Direttore di Federculture Leonardo Delogu,
[continua a leggere]

13 maggio 2019

Tra aprile e maggio 2019, Filippo Romano, fotografo, ha trascorso un periodo in Residenza in Progettoborca, dove ha iniziato a svolgere una ricognizione fotografica sui territori colpiti dalla Tempesta Vaia, che nel 2019 Dolomiti Contemporanee tiene al centro della propria
[continua a leggere]
dc 2017 video
dc 2016 video