cambio di muta – nuovo spazio di casso – 12.06-11.07 2014

 

1.denis riva_acrilico china e lievito madre su carta bruciata_(part.) Cambio di Muta –  Denis Riva 


12 giugno – 11 luglio 2014 
Nuovo Spazio di Casso

 

 

 

se la durata è il progresso continuo del passato che rode l’avvenire (henri bergson), allora ogni muta, ed ogni segno, sono un moto dell’essere, e della coscienza (oltrechè del progetto, giacchè la natura non ci basta).

poi, ogni cosa è paesaggio, trasposizione, riflesso. 
Il paesaggio è fuori, nella misura in cui risuona dentro; il paesaggio si accresce, come gli stati (i moti) d’animo. 
lo fa passando per gli oggetti, le sensazioni, gli atomi della realtà consapevole, spesso minuti.  

le cose più grandi, nel mondo, vengono attuate da altre che noi trascuriamo: piccole cause su cui sorvoliamo e che alla fine si ammucchiano (georg christoph lichtenberg).
ecco le scogliere dolomitiche, enormi e quasieterne, costituite di un numero infinito di minute vite cristallizzate. ed ogni cosa di natura.

e poi, guardando le presenze di riva, organiche, intrecciate, uomini-paesaggio, dorsali  rocciose e boschive, come schiene di ancestrali giganti sdraiati, e paesaggi nell’uomo: l’uomo è forse metà spirito e metà materia, come il polipo che è metà pianta e metà animale. le creature più singolari sono sempre quelle che si n trovano ai limiti (ancora: FF, fama e fames).
anche se, in realtà, le creature sono una sola, ma plurale.

In questi disegni, grandi carte stese o paesaggi minuti, appesi come grondanti, riva ha concentrato la sua ricerca nella gestione dei fluidi “spesso direzionati, continuamente imprevedibili, che rimangono stagnanti, fino ad asciugatura, come accade alle volte in natura, quando il terreno impiega una settimana per assorbirne l’acqua caduta”.
disegni e opere che nascono senza contorni, vengono costruite senza schemi. in alcuni casi come nelle opere lignee, la carta ricopre il legno per sostituire il colore nella visione di paesaggi o ambientazioni. 
i soggetti sono sempre alberi, montagne, sassi, acqua e animali: “è l’ambiente in cui vivo immerso, che ritrova sfogo nelle carte che piego, rovino e porto in giro, come se volessi portarle (portarlo) sempre con me … o come se fossero carte, mappe, della mia ricollocazione, utili a perdersi nel paesaggio che mi circonda, e che sembra essere sempre lo stesso, mentre muta di continuo, ed è fluido”.

qui un contributo sulla mostra pubblicato su olivares cut


Denis Riva
Cambio di Muta
dal 12 giugno al 12 luglio
a cura di Gianluca D’Incà Levis
Nuovo Spazio di Casso
info@dolomiticontemporanee.net
tel. 0427.666068
La mostra, al secondo livello dello spazio, è aperta su appuntamento.
Fino all’11 luglio, al terzo livello dello Spazio, rimarrà allestita anche la mostra Chunga-wacra, di Jonathan Vivacqua, T-Yong Chung, Michele Gabriele.
(il nuovo spazio di casso riaprirà stabilmente a partire dalla metà di luglio).

 

news

15 aprile 2020

  Mercoledì 15 aprile 2020 Dolomiti Contemporanee partecipa a un incontro in remoto incentrato sul tema della riattivazione dei territori montani e abbandonati. L’incontro fa parte dei Laboratori di innovazione per la rigenerazione di spazi dismessi.Ricerca e incontri
[continua a leggere]

9 aprile 2020

La Casa Editrice Tabacco è partner di Dolomiti Contemporanee dal 2011. La montagna è un ambiente eccezionale, e complesso.Per affrontarla, bisognerebbe conoscerla.A meno che non si pensi d’andarci solo alla “vien come viene”, senza saperne nulla, guidati dal
[continua a leggere]

1 novembre 2019

  Non si interrompe il filo (corda) che lega DC a Palermo: tutta questa croda calda nell’isola, che amiamo. Dal 6 novembre all’8 dicembre 2019 si svolgerà a Palermo Übermauer, la seconda edizione di BAM-Biennale Arcipelago Mediterraneo, con un core program a
[continua a leggere]

22 ottobre 2019

Venerdì 25 ottobre 2019, Dolomiti Contemporanee ospita il workshop Dopo Vaia: agricoltura in montagna e cambiamento climatico.Si tratta di un’iniziativa della Fondazione Dolomiti Unesco in sinergia con Ufficio Biodiversità della Regione Friuli Venezia Giulia.Uno
[continua a leggere]

2 ottobre 2019

Tiziano Contemporaneo: avviamento del progetto al Forte di Monte Ricco a Pieve di Cadore (2017/2019)Tutti lo sanno: Tiziano Vecellio nasce a Pieve di Cadore (Bl), negli ultimi anni del quindicesimo secolo.A maggio 2017, dopo lungo restauro eseguito con il fondamentale sostegno
[continua a leggere]

30 agosto 2019

Michelangelo Penso Vibration tree8 speaker; 80 sezioni di tronco d’abete rosso; 24 voci: 12 testimonianze su Vaia di abitanti del Cadore; 12 interventi di esperti forestali su diversi aspetti legati a Vaia, foresta, clima; 100 metri di cavo; un sistema audio, voce di una
[continua a leggere]

11 luglio 2019

 DC2019 cantieredivaia— To Be Here and There, mostra collettivaa cura di Gianluca D’Incà Levis e Evelyn LeveghiForte di Monte Ricco, Pieve di Cadore (Bl)giugno/settembre 2019 Workshop Stream – arte architettura rigenerazioneForte di Monte Ricco e
[continua a leggere]

6 giugno 2019

Dolomiti Contemporanee prende parte a Musei delle Dolomiti. Venerdí 7 giugno, il nuovo progetto della Fondazione Dolomiti Unesco viene presentato agli operatori museali al Museo Etnografico della Provincia di Belluno, nell’ambito di una tavola rotonda a cui prendono parte il
[continua a leggere]

23 maggio 2019

DC partecipa all’incontro: Le pratiche artistiche e culturali come cura delle fragilità dei luoghi e delle persone, che si svolge domenica 26 maggio 2019, ore 15.00, Palazzo delle Esposizioni, Roma. Intervengono: Claudio Bocci, Direttore di Federculture Leonardo Delogu,
[continua a leggere]

13 maggio 2019

Tra aprile e maggio 2019, Filippo Romano, fotografo, ha trascorso un periodo in Residenza in Progettoborca, dove ha iniziato a svolgere una ricognizione fotografica sui territori colpiti dalla Tempesta Vaia, che nel 2019 Dolomiti Contemporanee tiene al centro della propria
[continua a leggere]
dc 2017 video
dc 2016 video