cambio di muta – nuovo spazio di casso – 12.06-11.07 2014

 

1.denis riva_acrilico china e lievito madre su carta bruciata_(part.) Cambio di Muta –  Denis Riva 


12 giugno – 11 luglio 2014 
Nuovo Spazio di Casso

 

 

 

se la durata è il progresso continuo del passato che rode l’avvenire (henri bergson), allora ogni muta, ed ogni segno, sono un moto dell’essere, e della coscienza (oltrechè del progetto, giacchè la natura non ci basta).

poi, ogni cosa è paesaggio, trasposizione, riflesso. 
Il paesaggio è fuori, nella misura in cui risuona dentro; il paesaggio si accresce, come gli stati (i moti) d’animo. 
lo fa passando per gli oggetti, le sensazioni, gli atomi della realtà consapevole, spesso minuti.  

le cose più grandi, nel mondo, vengono attuate da altre che noi trascuriamo: piccole cause su cui sorvoliamo e che alla fine si ammucchiano (georg christoph lichtenberg).
ecco le scogliere dolomitiche, enormi e quasieterne, costituite di un numero infinito di minute vite cristallizzate. ed ogni cosa di natura.

e poi, guardando le presenze di riva, organiche, intrecciate, uomini-paesaggio, dorsali  rocciose e boschive, come schiene di ancestrali giganti sdraiati, e paesaggi nell’uomo: l’uomo è forse metà spirito e metà materia, come il polipo che è metà pianta e metà animale. le creature più singolari sono sempre quelle che si n trovano ai limiti (ancora: FF, fama e fames).
anche se, in realtà, le creature sono una sola, ma plurale.

In questi disegni, grandi carte stese o paesaggi minuti, appesi come grondanti, riva ha concentrato la sua ricerca nella gestione dei fluidi “spesso direzionati, continuamente imprevedibili, che rimangono stagnanti, fino ad asciugatura, come accade alle volte in natura, quando il terreno impiega una settimana per assorbirne l’acqua caduta”.
disegni e opere che nascono senza contorni, vengono costruite senza schemi. in alcuni casi come nelle opere lignee, la carta ricopre il legno per sostituire il colore nella visione di paesaggi o ambientazioni. 
i soggetti sono sempre alberi, montagne, sassi, acqua e animali: “è l’ambiente in cui vivo immerso, che ritrova sfogo nelle carte che piego, rovino e porto in giro, come se volessi portarle (portarlo) sempre con me … o come se fossero carte, mappe, della mia ricollocazione, utili a perdersi nel paesaggio che mi circonda, e che sembra essere sempre lo stesso, mentre muta di continuo, ed è fluido”.

qui un contributo sulla mostra pubblicato su olivares cut


Denis Riva
Cambio di Muta
dal 12 giugno al 12 luglio
a cura di Gianluca D’Incà Levis
Nuovo Spazio di Casso
info@dolomiticontemporanee.net
tel. 0427.666068
La mostra, al secondo livello dello spazio, è aperta su appuntamento.
Fino all’11 luglio, al terzo livello dello Spazio, rimarrà allestita anche la mostra Chunga-wacra, di Jonathan Vivacqua, T-Yong Chung, Michele Gabriele.
(il nuovo spazio di casso riaprirà stabilmente a partire dalla metà di luglio).

 

news

22 maggio 2024

Borca di Cadore, spitta.–Maggio 2024 In questi giorni Dolomiti Contemporanee ospita all’ex Villaggio Eni di Borca di Cadore, in Progettoborca, gli studenti e alcuni tutor del corso MA POST dell’Art Academy of Latvia di Riga, Lettonia.L’incontro nasce dal desiderio
[continua a leggere]

22 aprile 2024

  Cronache d’attualità.Sarà pur chiaro come quella di paesaggio non sia una definizione inchiodata, perchè il paesaggio non è un’ente che cerchi una rappresentazione univoca, ma una permanente trasformazione d’ambito?
Nessun paesaggio è dunque
[continua a leggere]

18 aprile 2024

Stasera, giovedì 18 aprile 2024, torniamo all’M9 di Mestre, grazie a Simone Sfriso e alla Fondazione Architetti APPC di Venezia per l’invito nella rassegna Paralleli: Architettura è…Alle ore 18.00, Gianluca D’Incà Levis, curatore di Dolomiti Contemporanee,
[continua a leggere]

16 novembre 2023

Foresta Aliena/Alien Forest – La mostra con Portsmouth al Nuovo Spazio di Casso al Vajont, agosto/dicembre 2023 – Foto Chiara Beretta. — Anche quest’anno prosegue la collaborazione tra Dolomiti Contemporanee e la Scuola di Architettura di Portsmouth –
[continua a leggere]

12 luglio 2023

Assemblea Supercondominio 4, 2022, Foto Andrea Guermani – Sabato 15 e domenica 16 luglio 2023, Dolomiti Contemporanee partecipa Oltre la soglia assoluta, quinta edizione di Supercondominio, 
L’assemblea degli spazi e dei progetti italiani d’arte contemporanea che
[continua a leggere]

22 giugno 2023

  Dolomiti Contemporanee è nel volume THE LAST GRAND TOUR – Contemporary phenomena and strategies of living in Italy, curato da MICHAEL OBRIST (feld72) & ANTONIETTA PUTZU, e pubblicato a giugno 2023 da Park Books.[...] Per gran parte del XVI secolo fino
[continua a leggere]

6 febbraio 2023

Venerdì 10 e domenica 12 febbraio 2023: una delle ultime occasioni per visitare la mostra  Who Killed Bambi? a Casso. Poi la smontiamo, e ne facciamo un’altra?Orari di apertura:venerdì 10, dalle ore 10:00 alle 12:00 e dalle 15:00 alle 18:00domenica 12, dalle ore 10:00
[continua a leggere]

28 gennaio 2023

  Giovedì 2 febbraio 2023 DC partecipa all’incontro intitolato: Gli impianti sportivi della VII Olimpiade invernale 1956. Ore 18:00, Ciasa de Ra Regoles – Cortina d’Ampezzo. L’incontro, organizzato da Italia Nostra, vede la partecipazione di
[continua a leggere]

18 settembre 2022

Dolomiti Contemporanee aderisce alla 18esima giornata amaci del contemporaneoSABATO 8 OTTOBRE 2022 Nuovo Spazio di Casso al VajontWho Ate Bambi?che è dentro a Who Killed Bambi? In occasione della giornata AMACI del Contemporaneo Dolomiti Contemporanee propone questo menù:la
[continua a leggere]

21 maggio 2022

Nella sola ultima settimana di maggio 2022, Dolomiti Contemporanee partecipa a quattro tra Convegni, Corsi di alta formazione, incontri con gruppi di ricerca. Sono tutte occasioni, queste, in cui raccontiamo le progettualità, l’approccio ed i principali cantieri di DC,
[continua a leggere]
dc 2017 video
dc 2016 video