the inner outside (bivouacs) – nuovo spazio di casso – 18.07-31.08 2014

inner outside (bivouacs)_andrea grotto_(part.)The inner outside (bivouacs)


a cura di Gianluca D’Incà Levis
18 luglio – 31 agosto 2014 
Nuovo Spazio di Casso 

Opening venerdì 18 luglio, ore 18.00

 

Artisti: Giuseppe Abate, Gabriele Arruzzo, Mattia Bosco, Christian Fogarolli, Enej Gala, Andrea Grotto, Gola Hundun, Filippo Manzini, Tiziano Martini, Cristiano Menchini, Michelangelo Penso, Mario Tomè 

Venerdì 18 luglio, con l’inaugurazione della collettiva The inner outside (bivouacs), riapre al pubblico il Nuovo Spazio di Casso.

La mostra vede la partecipazione di 12 artisti, e sviluppa una serie di ragionamenti sul rapporto tra spazio interno ed esterno, tra ambiente naturale e artificiale, tra paesaggio e costruzione, tra modelli della ricerca e dell’esplorazione nelle terre alte. Il tema del bivacco viene affrontato da molteplici prospettive, legate di volta in volta alle sue declinazioni più concrete, di rifugio in ambiente, e ad accezioni più astratte del suo valore e significato metaforico e concettuale. La mostra sarà visitabile fino al 31 agosto, e, nel suo corso, ospiterà alcuni laboratori didattici e workshop.

ore 18.00 opening
ore 19.00 performance noise/ambient di myrmecophagous


permeabilità
il bivacco è un piccolo spazio interno, involucro minimo, che viene posto all’esterno. una cellula di sopravvivenza. campo avanzato, da cui preparare l’immersione nello spazio esterno, un’ascensione. nel luogo rifugio, posto in alto, a pieno contatto con l’ambiente atmosferico, ci si abitua ad attendere, resistere, e si prepara l’azione.
economia spaziale, mentale, esistenziale: un diaframma più sottile non è possibile, tra l’esterno fluido, spesso fortemente aggressivo, e l’ambito protetto, dentro al quale si passa in rassegna l’attrezzatura, si progetta l’attacco.
una camera delle intenzioni, non certo un giaciglio.
è dallo spazio interno minimo, sussistenza, caricamento, che si prepara l’esplorazione di quello esterno, vasto mobile ignoto.

ognuno degli spazi utilizzati, ripensati, da dc, è una sorta di campo, postazione, bivacco. gli spazi grandi (siti, fabbriche, padiglioni), rimangono comunque stazioni minime, rispetto a ciò che incombe fuori. stazioni d’attacco, campi base, luoghi della transizione. sono àmbiti questi, sottratti all’organica ipertrofia dell’ambiente, naturale, verticale, che tende a sopraffarli.

dall’interno di questi spazi costruiti, artificiali, si osserva quel che accade fuori, e si parte, per esplorarlo, e farne una parte (l’artista non rappresenta, interagisce con le identità, fa una cosa reale, fa identità), e trasporla poi in quell’interno.
al tempo stesso, non è possibile tenerlo fuori del tutto, quest’ambiente dominante, che penetra per crepe e muri e stilla per gronde, tetti e vetri, e le arie, mobili e ferme, si scontrano, un cielo e una cappa.

l’architettura dunque, la costruzione, è ciò che si porta, spazio critico di filtro, deliberato, che stabilisce insinua e misura relazioni, rifacendolo così, lo spazio, che non è mai autonomo dallo sguardo, dall’azione, se vuol essere spazio di senso,
e agirlo è necessario.

Il rapporto tra l’interno e l’esterno si compie continuamente, nello sguardo posato sulla cosa, ripreso e tradotto, nell’azione di pensiero sull’oggetto e l’ambiente, mediati e trascritti, nella ricerca dell’allineamento, o della sovrapposizione, o del canone, o dello scarto, o della rottura.
e nessuna di queste posizioni è una mimesi, o una descrizione, o un quadro.
i quadri non esistono, ma i campi, d’azione.

gdil, luglio 2014

(immagine in evidenza – andrea grotto, walking 1, disegno, tecnica mista su carta, 2013)


video

qui
 la recensione pubblicata su artribune.
qui la recensione in francese comparsa su le corridor.

photogallery dell’opening

 

 

Nuovo Spazio di Casso, The inner outside (bivouacs)
Orari di apertura
Da Martedì a Domenica:
10:00 – 12:30
15:00 – 19:00
Chiuso il lunedì

news

1 novembre 2019

  Non si interrompe il filo (corda) che lega DC a Palermo: tutta questa croda calda nell’isola, che amiamo. Dal 6 novembre all’8 dicembre 2019 si svolgerà a Palermo Übermauer, la seconda edizione di BAM-Biennale Arcipelago Mediterraneo, con un core program a
[continua a leggere]

22 ottobre 2019

Venerdì 25 ottobre 2019, Dolomiti Contemporanee ospita il workshop Dopo Vaia: agricoltura in montagna e cambiamento climatico.Si tratta di un’iniziativa della Fondazione Dolomiti Unesco in sinergia con Ufficio Biodiversità della Regione Friuli Venezia Giulia.Uno
[continua a leggere]

2 ottobre 2019

Tiziano Contemporaneo: avviamento del progetto al Forte di Monte Ricco a Pieve di Cadore (2017/2019)Tutti lo sanno: Tiziano Vecellio nasce a Pieve di Cadore (Bl), negli ultimi anni del quindicesimo secolo.A maggio 2017, dopo lungo restauro eseguito con il fondamentale sostegno
[continua a leggere]

30 agosto 2019

Michelangelo Penso Vibration tree8 speaker; 80 sezioni di tronco d’abete rosso; 24 voci: 12 testimonianze su Vaia di abitanti del Cadore; 12 interventi di esperti forestali su diversi aspetti legati a Vaia, foresta, clima; 100 metri di cavo; un sistema audio, voce di una
[continua a leggere]

11 luglio 2019

 DC2019 cantieredivaia— To Be Here and There, mostra collettivaa cura di Gianluca D’Incà Levis e Evelyn LeveghiForte di Monte Ricco, Pieve di Cadore (Bl)giugno/settembre 2019 Workshop Stream – arte architettura rigenerazioneForte di Monte Ricco e
[continua a leggere]

6 giugno 2019

Dolomiti Contemporanee prende parte a Musei delle Dolomiti. Venerdí 7 giugno, il nuovo progetto della Fondazione Dolomiti Unesco viene presentato agli operatori museali al Museo Etnografico della Provincia di Belluno, nell’ambito di una tavola rotonda a cui prendono parte il
[continua a leggere]

23 maggio 2019

DC partecipa all’incontro: Le pratiche artistiche e culturali come cura delle fragilità dei luoghi e delle persone, che si svolge domenica 26 maggio 2019, ore 15.00, Palazzo delle Esposizioni, Roma. Intervengono: Claudio Bocci, Direttore di Federculture Leonardo Delogu,
[continua a leggere]

13 maggio 2019

Tra aprile e maggio 2019, Filippo Romano, fotografo, ha trascorso un periodo in Residenza in Progettoborca, dove ha iniziato a svolgere una ricognizione fotografica sui territori colpiti dalla Tempesta Vaia, che nel 2019 Dolomiti Contemporanee tiene al centro della propria
[continua a leggere]

9 maggio 2019

Nel 2018 Dolomiti Contemporanee ha preso parte all’avvio del progetto Border Crossing (Palermo), che realizza una rete tra progetti culturali e Residenza artistiche sparsi per l’Italia.La partecipazione al progetto viene ribadita anche per il 2019.Giovedì 9 maggio, il
[continua a leggere]

11 aprile 2019

 Il Film documentario A History about Silence, realizzato dall’artista Caterina Erica Shanta e prodotto da Dolomiti Contemporanee nell’ambito della mostra Brain-tooling (Forte Monte Ricco di Pieve di Cadore, estate 2018), è stato selezionato all’edizione 2019
[continua a leggere]
dc 2017 video
dc 2016 video