the inner outside (bivouacs) – nuovo spazio di casso – 18.07-31.08 2014

inner outside (bivouacs)_andrea grotto_(part.)The inner outside (bivouacs)


a cura di Gianluca D’Incà Levis
18 luglio – 31 agosto 2014 
Nuovo Spazio di Casso 

Opening venerdì 18 luglio, ore 18.00

 

Artisti: Giuseppe Abate, Gabriele Arruzzo, Mattia Bosco, Christian Fogarolli, Enej Gala, Andrea Grotto, Gola Hundun, Filippo Manzini, Tiziano Martini, Cristiano Menchini, Michelangelo Penso, Mario Tomè 

Venerdì 18 luglio, con l’inaugurazione della collettiva The inner outside (bivouacs), riapre al pubblico il Nuovo Spazio di Casso.

La mostra vede la partecipazione di 12 artisti, e sviluppa una serie di ragionamenti sul rapporto tra spazio interno ed esterno, tra ambiente naturale e artificiale, tra paesaggio e costruzione, tra modelli della ricerca e dell’esplorazione nelle terre alte. Il tema del bivacco viene affrontato da molteplici prospettive, legate di volta in volta alle sue declinazioni più concrete, di rifugio in ambiente, e ad accezioni più astratte del suo valore e significato metaforico e concettuale. La mostra sarà visitabile fino al 31 agosto, e, nel suo corso, ospiterà alcuni laboratori didattici e workshop.

ore 18.00 opening
ore 19.00 performance noise/ambient di myrmecophagous


permeabilità
il bivacco è un piccolo spazio interno, involucro minimo, che viene posto all’esterno. una cellula di sopravvivenza. campo avanzato, da cui preparare l’immersione nello spazio esterno, un’ascensione. nel luogo rifugio, posto in alto, a pieno contatto con l’ambiente atmosferico, ci si abitua ad attendere, resistere, e si prepara l’azione.
economia spaziale, mentale, esistenziale: un diaframma più sottile non è possibile, tra l’esterno fluido, spesso fortemente aggressivo, e l’ambito protetto, dentro al quale si passa in rassegna l’attrezzatura, si progetta l’attacco.
una camera delle intenzioni, non certo un giaciglio.
è dallo spazio interno minimo, sussistenza, caricamento, che si prepara l’esplorazione di quello esterno, vasto mobile ignoto.

ognuno degli spazi utilizzati, ripensati, da dc, è una sorta di campo, postazione, bivacco. gli spazi grandi (siti, fabbriche, padiglioni), rimangono comunque stazioni minime, rispetto a ciò che incombe fuori. stazioni d’attacco, campi base, luoghi della transizione. sono àmbiti questi, sottratti all’organica ipertrofia dell’ambiente, naturale, verticale, che tende a sopraffarli.

dall’interno di questi spazi costruiti, artificiali, si osserva quel che accade fuori, e si parte, per esplorarlo, e farne una parte (l’artista non rappresenta, interagisce con le identità, fa una cosa reale, fa identità), e trasporla poi in quell’interno.
al tempo stesso, non è possibile tenerlo fuori del tutto, quest’ambiente dominante, che penetra per crepe e muri e stilla per gronde, tetti e vetri, e le arie, mobili e ferme, si scontrano, un cielo e una cappa.

l’architettura dunque, la costruzione, è ciò che si porta, spazio critico di filtro, deliberato, che stabilisce insinua e misura relazioni, rifacendolo così, lo spazio, che non è mai autonomo dallo sguardo, dall’azione, se vuol essere spazio di senso,
e agirlo è necessario.

Il rapporto tra l’interno e l’esterno si compie continuamente, nello sguardo posato sulla cosa, ripreso e tradotto, nell’azione di pensiero sull’oggetto e l’ambiente, mediati e trascritti, nella ricerca dell’allineamento, o della sovrapposizione, o del canone, o dello scarto, o della rottura.
e nessuna di queste posizioni è una mimesi, o una descrizione, o un quadro.
i quadri non esistono, ma i campi, d’azione.

gdil, luglio 2014

(immagine in evidenza – andrea grotto, walking 1, disegno, tecnica mista su carta, 2013)


video

qui
 la recensione pubblicata su artribune.
qui la recensione in francese comparsa su le corridor.

photogallery dell’opening

 

 

Nuovo Spazio di Casso, The inner outside (bivouacs)
Orari di apertura
Da Martedì a Domenica:
10:00 – 12:30
15:00 – 19:00
Chiuso il lunedì

news

20 marzo 2021

Pamela Breda/Untitled in Tò nòn ignà – foto di G. De  Donà, 2015 — Il terzo fragile. L’istituirsi del bene comune nelle aree rurali Sabato 20 marzo 2020, Dolomiti Contemporanee partecipa al sedicesimo convegno (online) “Aree Fragili” promosso
[continua a leggere]

16 marzo 2021

Monica Bartocci conduce Non Solo Performig Arts, un programma di Rai Radio Live.Una media partnership con cheFare ha inaugurato lo spin-off espressamente dedicato ai Nuovo Centri Culturali Italiani, questa importante infrastruttura civica dell’Italia contemporanea, che
[continua a leggere]

26 febbraio 2021

Venerdì 26 febbraio 2021, ore 10:00-12:00, panel webinar: Two Calls for Vajont, Concorso Artistico Internazionale: fase _restart.L’arte pubblica come pratica rigeneratrice per paesaggio e territori.  Il Concorso Artistico Internazionale Two Calls for Vajont è stato
[continua a leggere]

20 novembre 2020

venerdì 20 novembre 2020, dalle ore 16:00, dolomiti contemporanee partecipa alla web-conference riuso del moderno due. territorio, progetto, futuro e qualità. sguardi e modalità operative per un rinnovato impegno civile degli architetti. l’intervento di G.
[continua a leggere]

18 novembre 2020

    mercoledì 18 novembre 2020, dolomiti contemporanee partecipa al convegno online promosso dalla fondazione courmayeur mont blanc alpi partecipate. montagne in mostra. L’intervento di g. d’incà levis, ideatore e curatore di dolomiti
[continua a leggere]

13 ottobre 2020

  Martedì 13 ottobre 2020, dalle ore 17:00, Dolomiti Contemporanee partecipa alla Web-conference di FEEM Fondazione Eni Enrico Mattei Quale visione di sostenibilità per i territori montani? Voci dal territorio.L’Università degli Studi di Verona, Dipartimento di Scienze
[continua a leggere]

18 luglio 2020

  Dolomiti Contemporanee è una delle Bandiere Verdi del Rapporto Carovana delle Alpi 2020 di Legambiente 2020, che premia “pratiche innovative ed esperienze di qualità ambientale e culturale nei territori montani“.19 le Bandiere assegnate nell’arco
[continua a leggere]

15 aprile 2020

  Mercoledì 15 aprile 2020 Dolomiti Contemporanee partecipa a un incontro in remoto incentrato sul tema della riattivazione dei territori montani e abbandonati. L’incontro fa parte dei Laboratori di innovazione per la rigenerazione di spazi dismessi.Ricerca e incontri
[continua a leggere]

9 aprile 2020

La Casa Editrice Tabacco è partner di Dolomiti Contemporanee dal 2011. La montagna è un ambiente eccezionale, e complesso.Per affrontarla, bisognerebbe conoscerla.A meno che non si pensi d’andarci solo alla “vien come viene”, senza saperne nulla, guidati dal
[continua a leggere]

1 novembre 2019

  Non si interrompe il filo (corda) che lega DC a Palermo: tutta questa croda calda nell’isola, che amiamo. Dal 6 novembre all’8 dicembre 2019 si svolgerà a Palermo Übermauer, la seconda edizione di BAM-Biennale Arcipelago Mediterraneo, con un core program a
[continua a leggere]
dc 2017 video
dc 2016 video