Geografie dei paesaggi economici – 13 agosto, Forni di Sopra

13 agosto_forni cover Paesaggi Contemporanei: Geografie dei paesaggi economici.
giornata di incontri e dibattiti
giovedì 13 agosto 2015, dalle ore 10.30 alle 18.00
Piazza del Comune, Comune di Forni di Sopra (Udine)

 

 

 




 


Il format di Paesaggi contemporanei è stato inaugurato nel 2014, con una prima giornata, alla quale partecipò, tra gli altri, Marc Augé.
Nel 2015, sempre nel Comune di Forni di Sopra, Dolomiti Contemporanee ne ha curato la seconda edizione, con una giornata di incontri pubblici e di riflessioni ancòra dedicati ai Paesaggi della Montagna Contemporanea.

L’evento si è svolto all’aperto, nella Piazza del Comune, nella giornata di giovedì 13 agosto.
Il tema declinato è stato quello delle Geografie dei paesaggi economici.

Ricordiamo il concetto generale alla base del dibattito polifonico continuamente innescato in Paesaggi contemporanei: nessun paesaggio preesiste all’uomo, che invece contribuisce sempre a modellarlo, ed a co-generarlo, agendo su di esso attraverso prassi di cura responsabile (quando lo sa fare), che debbono contribuire ad animarlo e rinnovarlo.
L’uomo che sa muovere lo spazio del paesaggio, mantenendolo in attività, non può essere l’uomo contemplatore delle cose già date e ferme (paesaggi-fossili).

I relatori invitati condividono quest’istanza: essi provengono sempre da aree di studio o da esperienze di lavoro profondamente diverse tra loro. In questo caso, un’imprenditrice, un curatore d’arte contemporanea, un economista della cultura, un architetto studioso della montagna, una direttrice di musei.
Soggetti ben differenti dunque, da cosa accomunati? Solamente da questo: ognuno di essi è, ogni giorno, parte consapevolmente attiva nell’opera di valorizzazione concreta del paesaggio-patrimonio.
Ed è precisamente il dialogo tra esperienze tanto diverse, che consente di arricchire il quadro d’analisi.

Diversi dunque gli approcci adottati dai relatori, ognuno dei quali ha fornito la propria prospettiva particolare su ambiente, montagna, territorio, valorizzazione e sviluppo delle risorse potenziali.

Nella sessione mattutina, sono intervenuti giannola e benito nonino, antonio de rossi, daniela perco, insieme a gianluca d’incà levis e al presidente della provincia di udine pietro fontanini.


giannola ha raccontato la storia della grande azienda nonino, della grappa, della distillazione, delle incapacità protezionistiche sul prodotto nonino e su molti altri eccellenti prodotti del paesaggio-territorio, sulla necessità della determinazione guerresca, sulla volontà, la forza, la scienza, la famiglia; sul rispetto (amore) della tradizione e del paesaggio, e sulla necessità assoluta degli ardimenti e dell’innovazione, per curare, mantenere, sviluppare, crescere, tale paesaggio, che senza l’uomo è fermo. 


antonio de rossi, vincitore del premio mario rigoni stern 2015 con il libro la costruzione delle alpi, si è soffermato sullo stato attuale della montagna e delle comunità alpine, sull’equilibrio tra progetti di sviluppo e usanze locali; sulle alpi come spazio conteso; sulla visione culturale contemporanea sulla montagna, spesso sciroppata negli stereotipi frusti, e sulla necessità, anche qui, dell’innovazione culturale.


daniela perco ha raccontato cos’è un museo, quale il suo valore e la sua funzione per comprendere, ritrasmettere, promuovere, valorizzare, le ricchezze di ogni territorio-risorsa; e anche cosa non dovrebbe essere un museo, quand’esso si trasforma in un lugubre, polveroso cenotafio nel quale contemplare cose che non sono più (perché la loro energia non viene ritrasmessa, e le si blocca e paralizza).

nella sessione pomeridiana, il professor pierluigi sacco si è soffermato sugli aspetti legati al managment e marketing della cultura, alle teorie e tecniche di valorizzazione e promozione dei territori, al rapporto tra economia, cultura, paesaggio, risorse.
ha portato alcuni esempi illuminanti di cultura-fantasma (la cultura che dice di esserci e non c’è, e ammazza le risorse, e desertifica i paesaggi, e decostruisce i paesi) e cultura-reale (che in realtà è, semplicemente, il voler e saper fare, la capacità di coltivare, con i più vari e vivi strumenti, le potenzialità dell’essere, del conoscere e del fare; e la necessità assoluta, per l’uomo e la sua terra, della ricerca e dell’esplorazione spaziale, e della trasformazione dei flussi rettilinei in altro da essi).

a questo link, la trascrizione sintetica del suo intervento, intitolato cultura, sviluppo e territorio: dall’eventificio alla comunità di innovazione.

Paesaggi contemporanei, evento che rientra nel programma dei Dolomiti Days, è stato promosso dalla Provincia di Udine, e realizzato da Dolomiti Contemporanee in partnership con il Comune di Forni di Sopra e in collaborazione con la Provincia di Pordenone, la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, la Fondazione Dolomiti Unesco, il Parco Naturale Dolomiti Friulane e Turismo FVG.

a questo link le strutture di ricettività attivate per la giornata.


——-


Programma della giornata


10.30

Apertura della giornata, saluti istituzionali

Lino Anziutti – Sindaco di Forni di Sopra
Pietro Fontanini – Presidente della Provincia di Udine
Elisa Coassini – Assessore Pianificazione Territoriale della Provincia di Pordenone

11.00 – 13.00
Paesaggi culturali ed economici della montagna contemporanea, tavola rotonda

Un confronto pubblico su temi legati al territorio, al paesaggio, alla cultura, all’economia, al turismo della montagna e delle Dolomiti-Unesco. Una serie di sguardi differenti, aperti all’innovazione, attraverso i quali si intende riflettere sul valore di risorsa del territorio e del paesaggio, sulle sue prospettive, sulle visioni rigenerative che da esso possono prendere avvio. 



Partecipano:

Gianluca D’Incà Levis – curatore di Dolomiti Contemporanee
Giannola Nonino – Imprenditrice, Grappa Nonino
Antonio De Rossi
– Scrittore, Docente e Direttore Istituto Architettura Montana presso il Politecnico di Torino
Daniela Perco – Direttrice Rete Musei Provincia di Belluno

16.30 – 18.00
Cultura, sviluppo e territorio: dall’eventificio alla comunità di innovazione, intervento del Professor Pier Luigi Sacco

——-


Pierluigi Sacco è Professore Ordinario di Economia della Cultura, con delega rettorale all’innovazione e alle relazioni internazionali, e coordinatore del corso di laurea magistrale in Arte, Patrimoni e Mercati allo IULM di Milano.
 Laurea di Discipline Economiche e Sociali presso l’Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano. MA e PhD in Economics presso l’European University Institute.
Visiting professor alla School of Humanities della Harvard University.
Direttore scientifico alla Fondazione Corpus di Lucca.
Ha insegnato/insegna presso le università di Firenze, Bologna (dove è stato presidente del corso di laurea di Economia delle Imprese Cooperative e delle Organizzazioni Nonprofit), IUAV Venezia (dove è stato direttore di dipartimento e pro-rettore alla comunicazione e alle attività editoriali), Chieti-Pescara, Johns Hopkins Bologna Center, Milano Bocconi, Milano Vita/Salute San Raffaele, Uninettuno, Università della Svizzera Italiana Lugano, Trentino School of Management.

Scrive per il Sole 24 Ore e per Flash Art.


Giannola Nonino  è Presidente della Nonino, leader mondiale della Grappa di qualità. Nel 1973, con il marito Benito, crea la prima Grappa Monovitigno® rivoluzionando il modo di produrre e presentare la Grappa nel mondo. Nel 1975 istituisce il Premio Nonino per la valorizzazione della civiltà contadina. Nel 1984 ottiene l’autorizzazione alla produzione di UÈ®, l’Acquavite d’Uva. Nel 2003 il New York Times le dedica il “Saturday Profile” per aver trasformato la Grappa da Cenerentola a Regina dei distillati.

Antonio De Rossi è scrittore, docente presso il Politecnico di Torino, dove è anche Direttore dell’Istituto di Architettura Montana 

Daniela Perco è antropologa, direttrice del Museo etnografico della Provincia di Belluno e del Parco Naturale Dolomiti Bellunesi, e della Rete dei musei della Provincia di Belluno.


scarica il pieghevole

 

news

18 aprile 2024

Stasera, giovedì 18 aprile 2024, torniamo all’M9 di Mestre, grazie a Simone Sfriso e alla Fondazione Architetti APPC di Venezia per l’invito nella rassegna Paralleli: Architettura è…Alle ore 18.00, Gianluca D’Incà Levis, curatore di Dolomiti Contemporanee,
[continua a leggere]

16 novembre 2023

Foresta Aliena/Alien Forest – La mostra con Portsmouth al Nuovo Spazio di Casso al Vajont, agosto/dicembre 2023 – Foto Chiara Beretta. — Anche quest’anno prosegue la collaborazione tra Dolomiti Contemporanee e la Scuola di Architettura di Portsmouth –
[continua a leggere]

12 luglio 2023

Assemblea Supercondominio 4, 2022, Foto Andrea Guermani – Sabato 15 e domenica 16 luglio 2023, Dolomiti Contemporanee partecipa Oltre la soglia assoluta, quinta edizione di Supercondominio, 
L’assemblea degli spazi e dei progetti italiani d’arte contemporanea che
[continua a leggere]

22 giugno 2023

  Dolomiti Contemporanee è nel volume THE LAST GRAND TOUR – Contemporary phenomena and strategies of living in Italy, curato da MICHAEL OBRIST (feld72) & ANTONIETTA PUTZU, e pubblicato a giugno 2023 da Park Books.[...] Per gran parte del XVI secolo fino
[continua a leggere]

6 febbraio 2023

Venerdì 10 e domenica 12 febbraio 2023: una delle ultime occasioni per visitare la mostra  Who Killed Bambi? a Casso. Poi la smontiamo, e ne facciamo un’altra?Orari di apertura:venerdì 10, dalle ore 10:00 alle 12:00 e dalle 15:00 alle 18:00domenica 12, dalle ore 10:00
[continua a leggere]

28 gennaio 2023

  Giovedì 2 febbraio 2023 DC partecipa all’incontro intitolato: Gli impianti sportivi della VII Olimpiade invernale 1956. Ore 18:00, Ciasa de Ra Regoles – Cortina d’Ampezzo. L’incontro, organizzato da Italia Nostra, vede la partecipazione di
[continua a leggere]

18 settembre 2022

Dolomiti Contemporanee aderisce alla 18esima giornata amaci del contemporaneoSABATO 8 OTTOBRE 2022 Nuovo Spazio di Casso al VajontWho Ate Bambi?che è dentro a Who Killed Bambi? In occasione della giornata AMACI del Contemporaneo Dolomiti Contemporanee propone questo menù:la
[continua a leggere]

21 maggio 2022

Nella sola ultima settimana di maggio 2022, Dolomiti Contemporanee partecipa a quattro tra Convegni, Corsi di alta formazione, incontri con gruppi di ricerca. Sono tutte occasioni, queste, in cui raccontiamo le progettualità, l’approccio ed i principali cantieri di DC,
[continua a leggere]

16 maggio 2022

  Dolomiti Contemporanee prende parte al programma del Nouveau Grand Tour, progetto culturale figlio del Trattato del Quirinale, firmato dai Presidenti Macron e Draghi a novembre 2021.Il patto punta a rafforzare le relazioni tra Italia e Francia in diversi settori, in un
[continua a leggere]

9 maggio 2022

Stefano Cagol partecipa al Secondo Forum di Cultura dei Cambiamenti Climatici, cocurato da DC, Belluno, 8 giugno 2022. Stefano Cagol è un artista contemporaneo originario del Trentino Südtirol e attivo soprattutto all’estero tra Norvegia, Belgio e mondo tedesco, le cui
[continua a leggere]
dc 2017 video
dc 2016 video