et un’oseliera et non vi è – castello di andraz – 10.08-8.09 2013

et un'oseliera et non vi è_Andrazet un’ oseliera et non vi è

 

a cura di gianluca d’incà levis
10 agosto – 8 settembre
prorogata fino al 29 settembre
castello di andraz
livinallongo del col di lana (bl)


inaugurazione sabato 10 agosto ore 18.00
ore 18.45: performance di Hannes Egger “Perform yourself”
ore 20.15: performance COLORA (Lorenzo Commisso e Rachele Burgato)





artisti: fabiano de martin topranin, luca chiesura, colora (lorenzo commisso/rachele burgato), hannes egger, denis riva, giuseppe vigolo


il castello di andraz/schloss buchenstein è una pietra nella foresta, masso erratico, spinto e lasciato dov’è, tra boschi e rivi e cime, da una lingua di ghiaccio che venne; sopra al trovante, roccioso, gli uomini hanno elevato ancora, per traguardare l’orizzonte; ora, dalla rocca cava, si traguarda il cielo; un rudere areonautico, che si apre, dopo un restuaro durato 27 anni; i sassi legati alla pietra; lacerti di solai; la sezione cava, proiezione verticale dello spazio, invaso dalla luce che cade; la trasparenza della copertura in vetro e ferro, l’aria che scorre veloce e fredda da fuori a dentro le mura e quest’inserzione d’artifizio, che è la cosa più interessante, l’uomo incarnito nel sasso, non la rovina disabitata, la rovina saldata al cielo dalla membrana tecnologica, l’oggi dentro a quell’ieri, non un castello in stile, col cappello alp ino e le zimmer, ma una postazione, che ora diviene un nido critico: nel 1595 il capitano della rocca lamentava l’assenza di una voliera; eccola qui, la voliera, pronta la schiusa, la gabbia aperta, attraversata da queste nuove forme-azioni, da cui si guarda a questo spazio, all’ambiente, alla storia ed al genius loci, e la macchina si anima, nuove presenze, e la sezione si attiva, la rovina parla, si muove, descrive e muove

et un’oseliera et non vi è è la terza mostra del ciclo estivo di Dolomiti Contemporanee. A Casso, centro permanente e campo base, si trova la Residenza principale: da lì si organizzano tutte le altre attività, da lì gli artisti partono, ogni giorno, ad esplorare i siti dolomitici nei quali si realizzano le altre mostre. Il Castello di Andraz è una delle location forti dl 2013, una delle “case temporanee” di questo laboratorio ambientale, che continuamente si sposta e sperimenta. Il Castello è una rocca spettacolare, la cui condizione di rudere è quanto mai adatta ad ospitare un progetto espositivo d’arte contemporanea. Gli artisti vi innescano le proprie opere, sovrascrivendole, crendo dialoghi e cesure con la storia di questo luogo potente, finalmente riaperto, dopo un restauro durato 27 anni. Un luogo chiuso che si apre, ecco la prima affinità con DC. Un luogo evocativo, nel quale l’immaginazione accelera, e che l’arte sa accendere, attraverso una riflessione critica non stereotipa, com’è nel concept generale di DC2013. Anche in questo caso, come per Casso, Cortina, Brigata Alpina Cadore, la mostra si è costruita in parte attraverso una Residenza in loco. L’arte è scandaglio, e un metodo per intendere la cultura e la vita di cose e luoghi. Nel corso dell’inaugurazione della mostra, si svolgeranno due performance multimediali.

patrocini: fondazione dolomiti unesco, fondazione bevilacqua la masa

enti promotori: comune di livinallongo del col di lana, istitut cultural ladin cesa de jan

qui le immagini dell’opening e della mostra
qui il video dell’opening
qui il video delle performance svoltesi durante l’opening

news

13 ottobre 2020

  Martedì 13 ottobre 2020, dalle ore 17:00, Dolomiti Contemporanee partecipa alla Web-conference di FEEM Fondazione Eni Enrico Mattei Quale visione di sostenibilità per i territori montani? Voci dal territorio.L’Università degli Studi di Verona, Dipartimento di Scienze
[continua a leggere]

18 luglio 2020

  Dolomiti Contemporanee è una delle Bandiere Verdi del Rapporto Carovana delle Alpi 2020 di Legambiente 2020, che premia “pratiche innovative ed esperienze di qualità ambientale e culturale nei territori montani“.19 le Bandiere assegnate nell’arco
[continua a leggere]

15 aprile 2020

  Mercoledì 15 aprile 2020 Dolomiti Contemporanee partecipa a un incontro in remoto incentrato sul tema della riattivazione dei territori montani e abbandonati. L’incontro fa parte dei Laboratori di innovazione per la rigenerazione di spazi dismessi.Ricerca e incontri
[continua a leggere]

9 aprile 2020

La Casa Editrice Tabacco è partner di Dolomiti Contemporanee dal 2011. La montagna è un ambiente eccezionale, e complesso.Per affrontarla, bisognerebbe conoscerla.A meno che non si pensi d’andarci solo alla “vien come viene”, senza saperne nulla, guidati dal
[continua a leggere]

1 novembre 2019

  Non si interrompe il filo (corda) che lega DC a Palermo: tutta questa croda calda nell’isola, che amiamo. Dal 6 novembre all’8 dicembre 2019 si svolgerà a Palermo Übermauer, la seconda edizione di BAM-Biennale Arcipelago Mediterraneo, con un core program a
[continua a leggere]

22 ottobre 2019

Venerdì 25 ottobre 2019, Dolomiti Contemporanee ospita il workshop Dopo Vaia: agricoltura in montagna e cambiamento climatico.Si tratta di un’iniziativa della Fondazione Dolomiti Unesco in sinergia con Ufficio Biodiversità della Regione Friuli Venezia Giulia.Uno
[continua a leggere]

2 ottobre 2019

Tiziano Contemporaneo: avviamento del progetto al Forte di Monte Ricco a Pieve di Cadore (2017/2019)Tutti lo sanno: Tiziano Vecellio nasce a Pieve di Cadore (Bl), negli ultimi anni del quindicesimo secolo.A maggio 2017, dopo lungo restauro eseguito con il fondamentale sostegno
[continua a leggere]

30 agosto 2019

Michelangelo Penso Vibration tree8 speaker; 80 sezioni di tronco d’abete rosso; 24 voci: 12 testimonianze su Vaia di abitanti del Cadore; 12 interventi di esperti forestali su diversi aspetti legati a Vaia, foresta, clima; 100 metri di cavo; un sistema audio, voce di una
[continua a leggere]

11 luglio 2019

 DC2019 cantieredivaia— To Be Here and There, mostra collettivaa cura di Gianluca D’Incà Levis e Evelyn LeveghiForte di Monte Ricco, Pieve di Cadore (Bl)giugno/settembre 2019 Workshop Stream – arte architettura rigenerazioneForte di Monte Ricco e
[continua a leggere]

6 giugno 2019

Dolomiti Contemporanee prende parte a Musei delle Dolomiti. Venerdí 7 giugno, il nuovo progetto della Fondazione Dolomiti Unesco viene presentato agli operatori museali al Museo Etnografico della Provincia di Belluno, nell’ambito di una tavola rotonda a cui prendono parte il
[continua a leggere]
dc 2017 video
dc 2016 video