Paths – nuovo spazio di casso – 12.09-9.11 2014

10694337_715332508547621_6643695747080186150_odi Stefano Cerio

a cura di Gianluca D’Incà Levis
12 settembre – 9 novembre 2014
Nuovo Spazio di Casso

 

 

 

Inaugurazione, venerdì 12 settembre
ore 18.30


Nel mese di luglio 2014, Stefano Cerio ha lavorato a Casso, e a Borca di Cadore, al progetto Paths, che diventa ora la sua mostra personale presso lo Spazio di Casso.
Il lavoro è stato realizzato attraverso un periodo di residenza a Casso, nel corso del quale l’artista ha esplorato il territorio, concentrando la sua attenzione sui sentieri dell’area tra Casso e Erto.
Il lavoro fotografico ritrae una serie di àmbiti naturali, caratterizzati dalla presenza dei sentieri, dei quali sono stati individuati, ed isolati, alcuni dettagli.

Non si tratta, in realtà, di ritratti fotografici, ma di una riflessione sull’interazione tra lo spazio del paesaggio e l’interazione dell’uomo, che marca tale paesaggio attraverso l’apposizione di segni o tracce, agendolo.
Nelle foto, stampate su medio formato (110×80 cm.), il sentiero diviene spesso poco riconoscibile, solo intuibile.
Non si tratta di rappresentare un itinerario fisico, ma di astrarlo, in una qualche misura, amplificando visivamente il significato di questi spazi minimi del paesaggio antropizzato. Spazi chiusi, che vengono sottratti dal paesaggio aperto, e fissati in una dimensione di  iconicità aumentata.
Le immagini sono state catturate nella notte, con l’ausilio di un potente impianto luce artificale, a creare un campo ridotto d’azione, e d’attenzione, a scavarle fuori dal buio silenzioso e deserto dell’ambiente, nel momento in cui esso non è fruito.
L’uomo responsabile delle trasformazioni (minime) di questi scampoli isolati di paesaggio, è assente dagli scatti, o meglio, presente in assenza: i segni posti sugli itinerari, lo evocano. Itinerari orizzontali e verticali, per traccioli o per crode, sentieri e vie, luoghi dell’uomo, dall’uomo fatti e modificati, lungo il proprio percorso e viaggio, e dai quali l’uomo stesso è espunto, lasciandosi in coda, alla scia.

 

orari di mostra:
dal martedì alla domenica 10.00-12.30/15.00-19.00
chiuso il lunedì

qui il video e la photogallery della mostra.

news

30 agosto 2019

Michelangelo Penso Vibration tree8 speaker; 80 sezioni di tronco d’abete rosso; 24 voci: 12 testimonianze su Vaia di abitanti del Cadore; 12 interventi di esperti forestali su diversi aspetti legati a Vaia, foresta, clima; 100 metri di cavo; un sistema audio, voce di una
[continua a leggere]

6 giugno 2019

Dolomiti Contemporanee prende parte a Musei delle Dolomiti. Venerdí 7 giugno, il nuovo progetto della Fondazione Dolomiti Unesco viene presentato agli operatori museali al Museo Etnografico della Provincia di Belluno, nell’ambito di una tavola rotonda a cui prendono parte il
[continua a leggere]

23 maggio 2019

DC partecipa all’incontro: Le pratiche artistiche e culturali come cura delle fragilità dei luoghi e delle persone, che si svolge domenica 26 maggio 2019, ore 15.00, Palazzo delle Esposizioni, Roma. Intervengono: Claudio Bocci, Direttore di Federculture Leonardo Delogu,
[continua a leggere]

13 maggio 2019

Tra aprile e maggio 2019, Filippo Romano, fotografo, ha trascorso un periodo in Residenza in Progettoborca, dove ha iniziato a svolgere una ricognizione fotografica sui territori colpiti dalla Tempesta Vaia, che nel 2019 Dolomiti Contemporanee tiene al centro della propria
[continua a leggere]

9 maggio 2019

Nel 2018 Dolomiti Contemporanee ha preso parte all’avvio del progetto Border Crossing (Palermo), che realizza una rete tra progetti culturali e Residenza artistiche sparsi per l’Italia.La partecipazione al progetto viene ribadita anche per il 2019.Giovedì 9 maggio, il
[continua a leggere]

11 aprile 2019

 Il Film documentario A History about Silence, realizzato dall’artista Caterina Erica Shanta e prodotto da Dolomiti Contemporanee nell’ambito della mostra Brain-tooling (Forte Monte Ricco di Pieve di Cadore, estate 2018), è stato selezionato all’edizione 2019
[continua a leggere]

3 aprile 2019

SMACH. Constellation of art, culture & history in the Dolomites SMACH è una open call internazionale per artisti. La quarta edizione di SMACH (2019) ha messo al centro la parola Heimat: questa non è un semplice sostantivo. Come noto, si rivela intraducibile in molte
[continua a leggere]

24 gennaio 2019

Giovedì 31 gennaio 2019Ore 20.30, Sala Comunale di San Vito di Cadorepresentazione del progetto Sanvido Apede per la valorizzazione del centro storico di San Vito di CadoreL’incontro è aperto al pubblico, la popolazione è invitata     Il progetto Sanvido
[continua a leggere]

2 gennaio 2019

avanti savoja, qualcuno ce l’ha sentito dire già: regale ironia di che? la Regina Margherita – regina delle arti e di ogni cosa bella, diceva Benedetto Croce villeggiò a Perarolo di Cadore nel 1881 e ’82. Allora, si sa, l’amava Carducci, che
[continua a leggere]

31 dicembre 2018

Ascolta qui di seguito l’intervento di Tommaso Anfodillo del 31.12.2018, nella diretta del lunedì che Radiocortina dedica a Dolomiti Contemporanee: Tommaso-Anfodillo-31.12.18_il-bosco-dopo-il-29-ottobre.m4a Anfodillo ha fornito alcuni dati, e svolto una serie di
[continua a leggere]
dc 2017 video
dc 2016 video