20 novembre, casso – Visioni, progetti, proiezioni dal Vajont

 

 

Visioni, progetti, proiezioni dal Vajont

Nuovo Spazio di Casso
Sabato 20 novembre 2021, ore 9.30/13.00

Un incontro aperto ai progettisti e a chi è interessato ai temi e alle pratiche della rigenerazione territoriale.



Dolomiti Contemporanee (DC) propone un nuovo incontro nello Spazio di Casso al Vajont.
Un workshop aperto a chiunque voglia riflettere e intendere un ragionamento articolato su un approccio di valorizzazione funzionale – ovvero culturalmente organico – al paesaggio dolomitico e ad alcune sue singolarità problematiche (siti critici) che costituiscono un potenziale ribaltabile (trasformazione del limite passivante in opportunità di attivazione), e l’oggetto del lavoro precipuo di DC.
Tra i temi trattati: progetti nel Vajont, architettura concreta ed utopica; lo slancio rinnovativo, il restauro del patrimonio e le forme di tutela dinamica del paesaggio; natura, memoria, cantiere, riscatto; valore e funzione dei progetti artistici; le competenze (architettura, curatela, geologia) e il modello pruridisciplinare integrato.


Dal 2012, da quando l’ex Scuola elementare di Casso (Erto e Casso, Pn) è stata riaperta da DC insieme al Comune di Erto e Casso e alla Regione Friuli Venezia Giulia, lavoriamo in quest’area intendendola come uno spazio aperto del confronto e del ragionamento operativo sull’identità del Paesaggio e sulle sue trasformazioni, che devono essere favorite in modo costruttivo ed aperto, evitando che il Vajont si limiti a venire letto e trattato e fruito come un inevitabile Paesaggio della tragedia e della commemorazione, alieno all’immaginazione creativa, che è un presupposto della ricerca, mica dell’intrattenimento.

Gli strumenti adottati in questa operosa politica sperimentale della rigenerazione sono molteplici; talvolta essi vengono finalmente integrati in una prospettiva polimorfa e multidisciplinare, l’unica che si dimostri in grado di produrre immagini realmente interconnesse di un tema o di un territorio.
Le singole competenze infatti, legate a ricerca, saperi e professioni, risultano etereee e vane quando non vengono incrociate e rimescolate da uno sguardo com-prensivo, che stimoli, edificandolo, il contesto di attivazione, questo corpo umano, sociale e ambientale reattivo, unico humus (endogeno?) di qualsivoglia riscatto possibile.

Il Nuovo Spazio di Casso è un Centro per la Cultura del Paesaggio della Montagna, che opera attraverso la presa intellettuale, la cultura critica, le arti visive, le visioni e i progetti.

Quest’anno, la piattaforma avviata nel Vajont da DC è presente al Padiglione Italia Comunità Resilienti, alla Biennale di Architettura di Venezia, anche con il Concorso Two Calls for Vajont e con la sezione Cantiere Formazione, nella quale si presentano alcuni esiti del lavoro didattico e di progetto sviluppato in quest’area dall’Università di Architettura di Portsmouth.

Oltre al curatore del Padiglione Italia, Alessandro Melis, partecipano a
questo incontro l’architetto Antonino di Raimo (Reader in Architecture, Scuola di Architettura Università di Portsmouth) e il curatore Gianluca D’Incà Levis, entrambi parte del team curatoriale di Comunità Resilienti.

Il Vajont è presente anche nel progetto IDEAS of Italy del Ministero degli Affari Esteri della  Cooperazione Internazionale, un altro passaggio significativo che colloca quest’area al centro di un discorso organico sulla necessità di dare impulso alle aree interne e montane, ed ai luoghi gravati da criticità significative.

Questo workshop fa incontrare architetti, curatori, ricercatori, architetti, progettisti visionari, Università, geologi, artisti. Si mostrano alcuni dei filoni della ricerca e della didattica e della formazione, e si illustrano numerosi progetti sviluppati negli ultimi mesi ed anni.
Il Vajont: un luogo del progetto, della proiezione verso il futuro, delle idee ben costruite: un cantiere della rigenerazione.

Alienità, Alienazione, Fantescenza (culturale).
Cos’è la montagna? Come la vediamo/agiamo? E cos’è un progetto? E’ legato
o no, il progetto, al territorio? In che modo? E a cosa serve? Cosa possono
fare i progettisti culturali, gli architetti, gli artisti, i geologi, nel
Vajont? A cosa serve lo Spazio di Casso? Autoanalisi.




Svolgimento:

Si inizia al mattino alle 9.30, si va avanti fino alle 13.00, il workshop consiste in un incontro-dibattito, che include un momento di confronto finale con i partecipanti al workshop.

Nel corso della mattinata, i presenti saranno guidati alla visita della mostra
collettiva VACCANZA, The Mountain Tropical Experience, attualmente allestita presso lo Spazio di Casso.
Pranzo libero.

Per confermare la propria presenza inviare un’email a info@dolomiticontemporanee.net.

L’evento viene trasmesso in diretta streaming sul canale Facebook di Dolomiti Contemporanee.

In ottemperanza alla normativa Covid-19, e dunque per accedere al Nuovo Spazio di Casso e partecipare al workshop, sarà necessario esibire il green pass.




Introducono:

Antonio Carrara – Sindaco di Erto e Casso
Graziano Pizzimenti – Assessore Infrastrutture e territorio Regione Friuli Venezia Giulia 
Roberto Padrin – Presidente della Provincia di Belluno
Mara Nemela – direttrice Fondazione Dolomiti Unesco
Pierpaolo Zanchetta – Servizio Biodiversità Regione Friuli Venezia Giulia


Intervengono nel panel:

Gianluca D’Incà Levis curatore di Dolomiti Contemporanee, che modera
l’incontro 
Alessandro Melis – architetto, curatore del Padiglione Italia Comunità Resilienti
Antonino Di Raimo – Reader in Architecture, School of Architecture, University of Portsmouth
Francesco Zanatta  artista di Fondazione Malutta 
Francesco Musco – Docente pianificazione urbanistica Università IUAV di Venezia 
Emiliano Oddone  geologo, Dolomiti Project

 

Le immagini sono tratte dalle Tesi di Master sviluppate dagli studenti della School of Architecture di Portsmouth (UK), 2020/21, docenti Antonino di Raimo e Alessandro Melis (Studios di Portsmouth: Thesis Preparation, Thesis Design, Integration of Transdisciplinary Experiences).

l’evento è inserito nel programma dei dolomiti days, promossi dalla regione friuli venezia giulia e in collaborazione con la fondazione dolomiti unesco.

 

news

16 novembre 2023

Foresta Aliena/Alien Forest – La mostra con Portsmouth al Nuovo Spazio di Casso al Vajont, agosto/dicembre 2023 – Foto Chiara Beretta. — Anche quest’anno prosegue la collaborazione tra Dolomiti Contemporanee e la Scuola di Architettura di Portsmouth –
[continua a leggere]

12 luglio 2023

Assemblea Supercondominio 4, 2022, Foto Andrea Guermani – Sabato 15 e domenica 16 luglio 2023, Dolomiti Contemporanee partecipa Oltre la soglia assoluta, quinta edizione di Supercondominio, 
L’assemblea degli spazi e dei progetti italiani d’arte contemporanea che
[continua a leggere]

22 giugno 2023

  Dolomiti Contemporanee è nel volume THE LAST GRAND TOUR – Contemporary phenomena and strategies of living in Italy, curato da MICHAEL OBRIST (feld72) & ANTONIETTA PUTZU, e pubblicato a giugno 2023 da Park Books.[...] Per gran parte del XVI secolo fino
[continua a leggere]

6 febbraio 2023

Venerdì 10 e domenica 12 febbraio 2023: una delle ultime occasioni per visitare la mostra  Who Killed Bambi? a Casso. Poi la smontiamo, e ne facciamo un’altra?Orari di apertura:venerdì 10, dalle ore 10:00 alle 12:00 e dalle 15:00 alle 18:00domenica 12, dalle ore 10:00
[continua a leggere]

28 gennaio 2023

  Giovedì 2 febbraio 2023 DC partecipa all’incontro intitolato: Gli impianti sportivi della VII Olimpiade invernale 1956. Ore 18:00, Ciasa de Ra Regoles – Cortina d’Ampezzo. L’incontro, organizzato da Italia Nostra, vede la partecipazione di
[continua a leggere]

18 settembre 2022

Dolomiti Contemporanee aderisce alla 18esima giornata amaci del contemporaneoSABATO 8 OTTOBRE 2022 Nuovo Spazio di Casso al VajontWho Ate Bambi?che è dentro a Who Killed Bambi? In occasione della giornata AMACI del Contemporaneo Dolomiti Contemporanee propone questo menù:la
[continua a leggere]

21 maggio 2022

Nella sola ultima settimana di maggio 2022, Dolomiti Contemporanee partecipa a quattro tra Convegni, Corsi di alta formazione, incontri con gruppi di ricerca. Sono tutte occasioni, queste, in cui raccontiamo le progettualità, l’approccio ed i principali cantieri di DC,
[continua a leggere]

16 maggio 2022

  Dolomiti Contemporanee prende parte al programma del Nouveau Grand Tour, progetto culturale figlio del Trattato del Quirinale, firmato dai Presidenti Macron e Draghi a novembre 2021.Il patto punta a rafforzare le relazioni tra Italia e Francia in diversi settori, in un
[continua a leggere]

9 maggio 2022

Stefano Cagol partecipa al Secondo Forum di Cultura dei Cambiamenti Climatici, cocurato da DC, Belluno, 8 giugno 2022. Stefano Cagol è un artista contemporaneo originario del Trentino Südtirol e attivo soprattutto all’estero tra Norvegia, Belgio e mondo tedesco, le cui
[continua a leggere]

7 maggio 2022

trampolino Italia cortina d’ampezzo – un gruppo di lavoro e un’idea di rete per rigenerare la struttura, ripensandone l’uso. Il Trampolino Italia è il grande simbolo di Cortina d’Ampezzo, dalle Olimpiadi del 1956.Oltre sessant’anni dopo, è
[continua a leggere]
dc 2017 video
dc 2016 video