la legròsega pandùda – andrea grotto, casso, 2013

 

La legrosega panduda
performance di Andrea Grotto

Si è conclusa domenica 8 settembre 2013, la mostra Roccedimenti. Fatte, non finite, le nature contemporanee, inaugurata lo scorso 6 luglio nel Nuovo Spazio espositivo di Casso. In occasione del finissage, alle ore 19.00, si è svolta la performance dal titolo La legròsega pandùda, dell’artista Andrea Grotto. Il main space del primo piano, si è presentato al pubblico in un allestimento scenografico inedito. Saturo di una nebbia densa, che impediva di riconoscere lo spazio, generando un senso di disorientamento e impedendo di intendere cosa avveniva al centro della sala. Mentre ci si avviava al crepuscolo, all’interno una luce potente ha attraversato la bianca coltre mobile, accendendola, e illuminando una strana sagoma mostruosa, solo in parte riconoscibile, e solo a tratti. La figura cupa e deforme, essere fantastico, in parte donna, in parte animale, insieme composito di materiali grezzi, stracci, pelle, cuoio, campanellini, fiore, e sovrastato da un doppio palco di corna, si stagliava nello spazio, semisepolta nella nebbia, o come generata da essa. La legròsega è un personaggio mitico, protagonista di un’antica storia del folklore cassano. Una donna terribile, gambe di capra, che viene nel buio, a spaventare i bimbi. Una proiezione fantastica, che si materializza a partire dal nero, e dalla mente, temibile fantasma e monito. L’ombra di questa creatura così poco rassicurante, ibrido strega, investita dai getti di luce, ha disegnato le pareti, dilatandosi, espandendosi. Poi la nebbia ha iniziato a diradarsi, e la figura è venuta svelandosi. Pandùdo, in dialetto cassano, significa disvelato, smascherato. La sagoma si è precisata, le persone, avvicinandosi, hanno potuto riconoscerla, guardarla da vicino, toccarla. Ed hanno visto. Scomparsa la nebbia, non rimaneva più alcun mostro. Un fantoccio, un accrocchio di pezzi, materiali disparati, parti, stava appeso ad un palo metallico. Le gran corna, corna d’animali morti, come i brandelli di pelle, pelliccia, e tutti gli altri oggetti. Una strana marionetta, costume e maschera. Nessuna più ombra paurosa proiettata, solo un ammasso inerme d’oggetti, immobile. Ecco il riconoscimento finale, l’agnizione. La legròsega rivelata.

qui il video della performance.


Ricordiamo che rimangono visitabili, fino al 29 settembre prossimo, le mostre che Dolomiti Contemporanee ha allestito presso il Castello di Andraz (et un’oseliera et non vi è) e il Museo Paleontologico di Cortina d’Ampezzo (La cura dello sguardo). La prossima esposizione a Casso, dal titolo Upokeimenon, sarà inaugurata invece il prossimo sabato 21 settembre.

news

22 maggio 2024

Borca di Cadore, spitta.–Maggio 2024 In questi giorni Dolomiti Contemporanee ospita all’ex Villaggio Eni di Borca di Cadore, in Progettoborca, gli studenti e alcuni tutor del corso MA POST dell’Art Academy of Latvia di Riga, Lettonia.L’incontro nasce dal desiderio
[continua a leggere]

22 aprile 2024

  Cronache d’attualità.Sarà pur chiaro come quella di paesaggio non sia una definizione inchiodata, perchè il paesaggio non è un’ente che cerchi una rappresentazione univoca, ma una permanente trasformazione d’ambito?
Nessun paesaggio è dunque
[continua a leggere]

18 aprile 2024

Stasera, giovedì 18 aprile 2024, torniamo all’M9 di Mestre, grazie a Simone Sfriso e alla Fondazione Architetti APPC di Venezia per l’invito nella rassegna Paralleli: Architettura è…Alle ore 18.00, Gianluca D’Incà Levis, curatore di Dolomiti Contemporanee,
[continua a leggere]

16 novembre 2023

Foresta Aliena/Alien Forest – La mostra con Portsmouth al Nuovo Spazio di Casso al Vajont, agosto/dicembre 2023 – Foto Chiara Beretta. — Anche quest’anno prosegue la collaborazione tra Dolomiti Contemporanee e la Scuola di Architettura di Portsmouth –
[continua a leggere]

12 luglio 2023

Assemblea Supercondominio 4, 2022, Foto Andrea Guermani – Sabato 15 e domenica 16 luglio 2023, Dolomiti Contemporanee partecipa Oltre la soglia assoluta, quinta edizione di Supercondominio, 
L’assemblea degli spazi e dei progetti italiani d’arte contemporanea che
[continua a leggere]

22 giugno 2023

  Dolomiti Contemporanee è nel volume THE LAST GRAND TOUR – Contemporary phenomena and strategies of living in Italy, curato da MICHAEL OBRIST (feld72) & ANTONIETTA PUTZU, e pubblicato a giugno 2023 da Park Books.[...] Per gran parte del XVI secolo fino
[continua a leggere]

6 febbraio 2023

Venerdì 10 e domenica 12 febbraio 2023: una delle ultime occasioni per visitare la mostra  Who Killed Bambi? a Casso. Poi la smontiamo, e ne facciamo un’altra?Orari di apertura:venerdì 10, dalle ore 10:00 alle 12:00 e dalle 15:00 alle 18:00domenica 12, dalle ore 10:00
[continua a leggere]

28 gennaio 2023

  Giovedì 2 febbraio 2023 DC partecipa all’incontro intitolato: Gli impianti sportivi della VII Olimpiade invernale 1956. Ore 18:00, Ciasa de Ra Regoles – Cortina d’Ampezzo. L’incontro, organizzato da Italia Nostra, vede la partecipazione di
[continua a leggere]

18 settembre 2022

Dolomiti Contemporanee aderisce alla 18esima giornata amaci del contemporaneoSABATO 8 OTTOBRE 2022 Nuovo Spazio di Casso al VajontWho Ate Bambi?che è dentro a Who Killed Bambi? In occasione della giornata AMACI del Contemporaneo Dolomiti Contemporanee propone questo menù:la
[continua a leggere]

21 maggio 2022

Nella sola ultima settimana di maggio 2022, Dolomiti Contemporanee partecipa a quattro tra Convegni, Corsi di alta formazione, incontri con gruppi di ricerca. Sono tutte occasioni, queste, in cui raccontiamo le progettualità, l’approccio ed i principali cantieri di DC,
[continua a leggere]
dc 2017 video
dc 2016 video