villaggio eni borca di cadore

il villaggio ENI di borca di cadore (bl) fu realizzato tra la fine degli anni ’50 e i primi anni ’60, grazie alla capacità politica e imprenditoriale, all’ambizione e allo slancio di enrico mattei.

si tratta di un grande complesso (oltre 100.000 metri quadri), dotato di un impianto articolato su diverse strutture, ed edificato, secondo criteri innovativi, in un grande bosco ai piedi del Monte Antelao, che con i suoi 3.242 metri domina il Cadore e sovrasta l’abitato di Borca, a una decina di chilometri da Cortina d’Ampezzo.

qui una scheda di approfondimento sul sito.

qui il website di progettoborca, programma di valorizzazione e rifunzionalizzazione avviato su questo sito da dolomiti contemporanee nell’estate 2014.

la scomparsa di mattei, ucciso nel 1962, ridusse la spinta necessaria alla realizzazione di questo esperimento d’utopia sociale in ambiente, che fu dunque completata solo in parte, rispetto al progetto iniziale.

L’idea alla base di questo visionario e innovativo progetto-cantiere, era costituito da una sorta di impianto d’urbanistica sociale, pensato dalla mente espansiva di mattei stesso, e realizzato poi, con grande qualità architettonica, da edoardo gellner in primis, in collaborazione con carlo scarpa per alcune sue parti.

Il criterio organico-sociale adottato da mattei fu perfettamente compreso, elaborato e trasferito nella realtà da gellner, che lo rideclinò in modo totale, ad ogni livello, dall’organizzazione urbanistica, a quella architettonica, fino ai più minuti dettagli d’arredo.

Le strutture principali del sito sono costituite dalla grande Colonia (30.000 metri quadri), dalla Chiesa Nostra Signora del Cadore, dall’albergo, dal Campeggio a tende fisse, da 280 villette monofamiliari, dal residence.

Si tratta di un sito eccezionale ed unico in Italia, nel quale il rapporto tra gli aspetti forti di paesaggio e ambiente naturale si fondono in modo stupefacente con le architetture organiche, che oggi il bosco letteralmente divora.

dal 2000, il Villaggio è proprietà della Società Minoter, con la quale Dolomiti Contemporanee ha iniziato una collaborazione, sulla base di un progetto di valorizzazione culturale e funzionale dell’insediamento, avviando dunque progettoborca.

link
qui un testo del 1959 di bruno zevi
qui il website: villaggio eni, un piacevole soggiorno nel futuro

 

qui un video esplorativo sul sito

 

photogallery

news

21 maggio 2022

Nella sola ultima settimana di maggio 2022, Dolomiti Contemporanee partecipa a quattro tra Convegni, Corsi di alta formazione, incontri con gruppi di ricerca. Sono tutte occasioni, queste, in cui raccontiamo le progettualità, l’approccio ed i principali cantieri di DC,
[continua a leggere]

16 maggio 2022

  Dolomiti Contemporanee prende parte al programma del Nouveau Grand Tour, progetto culturale figlio del Trattato del Quirinale, firmato dai Presidenti Macron e Draghi a novembre 2021.Il patto punta a rafforzare le relazioni tra Italia e Francia in diversi settori, in un
[continua a leggere]

9 maggio 2022

Stefano Cagol partecipa al Secondo Forum di Cultura dei Cambiamenti Climatici, cocurato da DC, Belluno, 8 giugno 2022. Stefano Cagol è un artista contemporaneo originario del Trentino Südtirol e attivo soprattutto all’estero tra Norvegia, Belgio e mondo tedesco, le cui
[continua a leggere]
dc 2016 video
dc 2016 video