Forni di Sopra

Nell’estate 2014, Dolomiti Contemporanee ha inaugurato il format di Paesaggi contemporanei, che da allora si svolge nel paese di Forni di Sopra, in Provincia di Udine. E siamo ancora nelle Dolomiti Unesco, Dolomiti friulane, territorio carnico.
Il lavoro che DC svolge, dal 2011, nella (e dalla) montagna dolomitica, può essere letto, in generale, come una ricerca sulle identità contemporanee del paesaggio, ed una coltivazione delle modalità di costruzione e di rigenerazione dello stesso.
Queste identità sono molteplici, come gli strati della terra: gli strati della geologia, come quelli della cultura.

Paesaggi contemporanei è dunque un ragionamento aperto sulla dimensione complessa, multipla, che caratterizza ogni ambiente e territorio, ed in particolare qui, quello montano.

Nell’edizione d’esordio, ad agosto 2014, insieme a Marc Augé, ed agli altri ospiti (Marcella Morandini, Alessandro Del Puppo, Francesco Marangon), ci si è occupati del paesaggio dalla prospettiva fisica, sociale, antropologica, e da quella del possibile suo rinnovamento.
Nell’edizione del 2015, con Pierluigi Sacco, Giannola Nonino, Antonio De Rossi, ed altri, si è focalizzato sulla Geografia dei paesaggi economici.

Come sosteneva Edoardo Gellner, il paesaggio viene costituendosi nella relazione tra ambiente naturale e opera dell’uomo.
Quest’opera è, in primis, il pensiero, che consente di agire lo spazio.
E’ l’uomo dunque, a generare i propri paesaggi, che sono sempre il risultato organico di una serie di processualità complesse, e mai dunque possono preesistergli.
Interrogarsi sul paesaggio, pensare ed esplorare il paesaggio, equivale così a parteciparlo, attivamente e responsabilmente, e a non lasciare che esso si compia automaticamente. Le interazioni vanno controllate. Le azioni vanno immaginate. La realtà è pensiero attivo. Il paesaggio non va contemplato, ma determinato.

Paesaggi contemporanei rientra nel programma dei Dolomiti Days, le prime due edizioni si sono svolte grazie al sostegno della Provincia di Udine.
Dal 2016 il format si realizza in collaborazione con il Servizio Paesaggio e Biodiversità della Regione Friuli Venezia Giulia.
Esso è curato da Dolomiti Contemporanee in partnership con il Comune di Forni di Sopra e in collaborazione con la Fondazione Dolomiti Unesco, il Parco Naturale Dolomiti Friulane e Turismo FVG.

Edizione 2014
Qui una scheda sull’edizione 2014 di Paesaggi contemporanei.
Qui e qui Marc Augé e Gianluca D’Incà Levis nel 2014.
Qui, qui e qui alcuni passaggi sulla stampa.

Edizione 2015
Qui una scheda sull’edizione 2015 di Paesaggi contemporanei.
Qui una sintesi dell’intervento del professor Pier luigi Sacco, dal titolo: Cultura, sviluppo e territorio: dall’eventificio alla comunità d’innovazione.

 

 

news

13 ottobre 2020

  Martedì 13 ottobre 2020, dalle ore 17:00, Dolomiti Contemporanee partecipa alla Web-conference di FEEM Fondazione Eni Enrico Mattei Quale visione di sostenibilità per i territori montani? Voci dal territorio.L’Università degli Studi di Verona, Dipartimento di Scienze
[continua a leggere]

18 luglio 2020

  Dolomiti Contemporanee è una delle Bandiere Verdi del Rapporto Carovana delle Alpi 2020 di Legambiente 2020, che premia “pratiche innovative ed esperienze di qualità ambientale e culturale nei territori montani“.19 le Bandiere assegnate nell’arco
[continua a leggere]

15 aprile 2020

  Mercoledì 15 aprile 2020 Dolomiti Contemporanee partecipa a un incontro in remoto incentrato sul tema della riattivazione dei territori montani e abbandonati. L’incontro fa parte dei Laboratori di innovazione per la rigenerazione di spazi dismessi.Ricerca e incontri
[continua a leggere]
dc 2016 video
dc 2016 video